Governo UK conferma: “Divieto a terapie di conversione non riguarderà persone trans e adulti consenzienti”

L'annuncio durante il Queen's Speech, per la prima volta tenuto dal principe Carlo e non dalla Regina Elisabetta II.

ascolta:
0:00
-
0:00
Governo UK conferma: "Divieto a terapie di conversione non riguarderà persone trans e adulti consenzienti" - Queen Speech - Gay.it
2 min. di lettura

Un “discorso della Regina”, storico, quello andato in scena ieri a Westminster, perché tenuto dal Principe Carlo e non dalla Regina Elisabetta II, costretta al ‘riposo’ per volontà dei medici. Dal 1963 ad oggi mai la Regina aveva perso un Queen’s Speech, programma di governo presentato a Camere riunite in occasione dell’inaugurazione della nuova sessione parlamentare.

È toccato quindi proprio a Carlo, principe di Galles ed erede al trono, confermare l’imminente arrivo di una legge contro le terapie di conversione, a breve presentata in parlamento ma ad esclusione delle persone trans e degli ‘adulti consenzienti’. Un anno fa fu la Regina ad annunciare l’arrivo di una legge ad hoc, poi rinviata dal Governo Boris Johnson ed ora riletta in chiave transfobica, ad esclusione di una parte di comunità, la parte più fragile.

La legge promessa da Boris Johnson “vieterà solo le pratiche di terapia di conversione volte a cambiare l’orientamento sessuale”. L’identità di genere non sarà contemplata, con le associazioni LGBTQ+ britanniche sul piede di guerra. Il governo ha sottolineato come la misura “tutelerà i minori di 18 anni, indipendentemente dalle circostanze, e gli over 18 costretti a sottoporsi a pratiche di terapia di conversione”.

Gli attivisti temono quest’ultima parte, letta come sorta di ‘scappatoia’ che continuerà ad autorizzare le terapie di conversione anche nei confronti delle persone LGB. Il governo ha precedentemente affermato che la sua definizione di consenso sarà “robusta e rigorosa“, ma consentirà comunque agli adulti di “offrirsi volontari” per la terapia di conversione.

Un divieto alle pratiche di conversione che non copra sia l’orientamento sessuale che l’identità di genere non protegge nessuno. Coloro che vogliono cancellare o sopprimere le persone LGBTQ+ dal vivere le loro vite non fanno differenze“, ha tuonato un portavoce di Stonewall. “A livello globale, tutti i recenti divieti hanno riguardato sia l’orientamento sessuale che l’identità di genere, perché la comunità internazionale riconosce che le motivazioni alla base della pratica derivano da una cosa: l’odio per le persone LGBTQ+. Il governo del Regno Unito deve smettere di fare politica con le nostre vite e introdurre un divieto che protegga tutte le persone LGBTQ+”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

The Darkness Outside Us, Elliot Page porta al cinema il romanzo queer sci-fi di Eliot Schrefer - The Darkness Outside Us - Gay.it

The Darkness Outside Us, Elliot Page porta al cinema il romanzo queer sci-fi di Eliot Schrefer

Cinema - Redazione 22.4.24
Priscilla

Priscilla, 30 anni dopo arriva il sequel della Regina del Deserto

Cinema - Redazione 22.4.24
Mahmood 17 Maggio Omobitransfobia

Cosa dirà Mahmood il 17 Maggio nella giornata contro l’omobitransfobia?

Musica - Mandalina Di Biase 22.4.24
chat gay grindr

Grindr sotto accusa: avrebbe condiviso con terze parti lo status HIV di migliaia di utenti

News - Francesca Di Feo 22.4.24
Justin Bieber Jaden Smith

Il video del corpo a corpo d’amore tra Justin Bieber e Jaden Smith infiamma gli animi e scatena gli omofobi

Musica - Mandalina Di Biase 22.4.24
Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria - Lil Nas X - Gay.it

Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria

Cinema - Federico Boni 22.4.24

Continua a leggere