Il viaggio di Giada e Iris: tra attivismo e maternità PMA – intervista

Abbiamo intervistato le Mamme a Modo Nostro per parlare di omogenitorialità, fecondazione assistita, e cosa significa diventare mamme alla faccia delle discriminazioni.

ascolta:
0:00
-
0:00
@mammeamodonostro
@mammeamodonostro
4 min. di lettura

Nel 2014 Iris sognava una donna bionda e dagli occhi azzurri.  Quando su una dating app ha conosciuto Giada ha trovato questo e molto altro. Tra le due è scattata una scintilla che le ha portate a convivere nel giro di sei mesi.

Entrambe psicologhe, dopo essersi sposate nel 2018 e dopo l’arrivo della cagnolina Kora, un giorno, lungo una spiaggia di Miami, scelgono di allargare la propria famiglia: “La gente non va a Miami per decidere di fare un figlio” scherza Giada, eppure è stato proprio in quel momento che le due donne hanno iniziato a far spazio a quel desiderio, maturando un nuovo capitolo della propria storia d’amore.

Percorso semplice a dirsi, ma nel concreto più imprevedibile del previsto: “Quando i medici chiedono chi delle due ha desiderio di portare avanti la gravidanza non è così scontato, perché non è per tutte uguale” racconta Iris “A noi interessava capire a livello medico chi delle due fosse più adeguata e abbiamo scoperto velocemente che i programmi non servono a nulla, almeno nel nostro caso.”

Dopo alcuni cambi di clinica, le due si sono spostate in Spagna per avviare il percorso di ROPA, trattamento di riproduzione assistita che permette ad entrambe le donne di partecipare attivamente alla gravidanza. “Non penso che serva la ROPA per vivere una maternità condivisa” sottolinea Iris “Anche le donne che fanno percorsi di inseminazione intrauterina (IUI) vivono la maternità insieme, ma per noi però la ROPA è stata la risposta che ci ha trovate a metà strada”.

L’acronimo ROPA sta per “Recepción de ovocitos de la pareja”, ovvero “Ricezione di ovociti dalla coppia”. È un trattamento di fecondazione in vitro (FIVET) in cui una delle donne fornisce gli ovuli e l’altra porta avanti la gravidanza. In Italia la pratica è vietata, ma due donne italiane possono andare in Spagna e avvalersi di questo metodo scientifico. È quel che hanno fatto Iris e Giada.

Dopo la donazione degli ovuli di Iris, le due donne si trovano ora (Marzo 2023) nella fase di preparazione endometriale, che letteralmente ‘prepara’ il corpo di Giada ad accogliere l’embrione nell’utero (gli ovuli prelevati sono stati fecondati con il seme di un donatore con le sue stesse caratteristiche).  Sostanzialmente una sorta di ‘riscaldamento‘ del corpo alla gravidanza.

Step fondamentale di un percorso in costante salita e dall’esito ancora sconosciuto: “Non è detto che vada tutto come vogliamo” spiega Iris a Gay.it “Va vissuto giorno per giorno, e vogliamo rimanere ancora con i piedi per terra”. 

Un viaggio a due nel quale non mancano preoccupazioni e insicurezze, ma in cui entrambe fanno la propria parte: quando non arriva una, subentra l’altra. 

È proprio partendo da queste paure che hanno dato vita a Mamme a Modo Nostro, profilo Instagram attraverso il quale condividono il proprio ‘diario di bordo’ verso la maternità, tra gioie, incertezze, attivismo, e l’obiettivo di sfatare quei cliché qualunquisti che la nostra classe politica continua a rafforzare: “Il nostro governo ci ha dato purtroppo del materiale per ampliare il discorso” dice Giada. “Ma la psicologia è molto chiara a riguardo, abbiamo scelto di raccontare il nostro percorso ma anche dare voce nel nostro piccolo al fatto che ci sono cinquant’anni di studi che dimostrano il benessere dei bambini nati in famiglie omogenitoriali,  e normalizzare la nostra esperienza senza stereotipi o disinformazione.”

Il profilo è diventato anche un punto di ritrovo per chiunque stia intraprendendo un percorso simile e necessita confronti, domande, o delucidazioni apparentemente banali, ma di cui non si parla mai abbastanza.

È un percorso a pagamento, in tutto e per tutto” spiega Iris “La fecondazione ha un costo e ogni clinica ha il suo. In aggiunta al viaggio e la permanenza.  I farmaci in primis costano molto, in aggiunta a tutti i controlli medici che bisogna fare”.

Pur non avendo vissuto episodi omobitransfobici – se non qualche commento inopportuno – le ripercussioni di un governo che non vuole riconoscere l’omogenitorialità sono sempre dietro l’angolo: “Anche solo l’atto di dover espatriare per un percorso che in Italia  è permesso solo coppie eterosessuali è  una discriminazione gigantesca“.

Il percorso di PMA (Procreazione Medicalmente Assistita) in Italia è vietato alle coppie formate da due donne e permesso a quelle eterosessuali, mentre la GPA (Gestazine per Altri)  non è permessa né alle coppie eterosessuali che omosessuali (Non solo, Governo Meloni intende renderlo reato universale: 4 ad oggi le proposte di legge depositate dalla destra per punire le coppie omosessuali italiane che vanno all’estero per avvalersi di GPA).

In Spagna Giada e Iris sono state accolte in modo egregio, ma non dovrebbe essere la norma ovunque?  “Il fatto che ci stupiamo di non venire discriminate è già un problema” dice Iris.

Eppure Iris e Giada continuano il loro percorso senza schiodarsi, rispondendo a queste paura con cultura, studio, e grande empatia.

Associazioni come Famiglie Arcobaleno sono importantissime, perché fanno supporto in più territori e creano spazi di confronto” spiega Iris, sottolineando l’importanza di non farsi scrupoli a fare rete e domande di ogni tipo. Anche combattendo quei retaggi che senza accorgercene, potremmo aver sedimentato dentro di noi: “Nel mio caso ero molto frenata dall’omofobia interiorizzata con cui sono cresciuta” spiega Iris “Il supporto psicologico mi è stato davvero molto utile, perché mi ha permesso di ascoltare il mi desiderio di maternità, accettando le mie paure e preoccupazioni e vivendo questo percorso con più consapevolezza”. 

Non resta che aspettare, ma non c’è timore in grado di spegnere il loro entusiasmo. Come dice Giada: “A volte le cose si fanno senza badare alle conseguenze. Le conseguenze verranno dopo. Le paure si affrontano quando ci sono“.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Emma, Paola e Chiara e Annalisa contro l'omofobia: "Sta diventando una piaga dilagante, basta!" (VIDEO) - Emma Annalisa Paola e Chiara - Gay.it

Emma, Paola e Chiara e Annalisa contro l’omofobia: “Sta diventando una piaga dilagante, basta!” (VIDEO)

News - Redazione 22.7.24
Roma Pestaggio Coppia Gay Siti In

“Guarda sti fr*c*” non è omofobia? Sit-in mercoledì 24 e polemiche sul pestaggio alla coppia gay di Roma, dopo che gli indagati respingono l’accusa

News - Redazione 22.7.24
Giancarlo Commare e il presunto coming out alla domanda del tiktoker: "Quanto sei gay? Sono gay" (VIDEO) - Giancarlo Commare ha fatto coming out - Gay.it

Giancarlo Commare e il presunto coming out alla domanda del tiktoker: “Quanto sei gay? Sono gay” (VIDEO)

Culture - Redazione 22.7.24
Il Poiesis Quartet si esibiranno al XXIV Emilia Romagna Festival il 21, 23, e 26 Agosto

Poiesis Quartet, il primo quartetto queer nella storia della musica classica – Intervista

Musica - Riccardo Conte 20.7.24
Pestaggio Roma Coppia Gay - La difesa dei 4 presunti aggressori smentisce l'omofobia "Non sapevamo fossero gay"

Pestaggio coppia gay a Roma, gli aggressori “Non abbiamo usato insulti omofobi”

News - Redazione 22.7.24
Simona Ventura palinsesti Rai

Simona Ventura e la stoccata all’Isola dei famosi, Super Simo si candida?

News - Emanuele Corbo 22.7.24

Hai già letto
queste storie?

modena pride 2024 intervista

Intervista a Modena Pride 2024: “I diritti o sono di tuttə o si chiamano privilegi”

News - Gio Arcuri 23.5.24
intervista-roberta-parigiani-persone-trans-ordinamento-giuridico

“La lotta per l’affermazione di genere è il cuore della democrazia stessa”: intervista a Roberta Parigiani del Movimento Identità Trans (MIT)

News - Francesca Di Feo 2.7.24
Mennuni, Corrotti e Perissa, prosegue la becera propaganda della destra contro le famiglie Arcobaleno - Lavinia Mennuni - Gay.it

Mennuni, Corrotti e Perissa, prosegue la becera propaganda della destra contro le famiglie Arcobaleno

News - Redazione 22.3.24
Buone notizie Italia 2022 Gay.it

Padova, Tribunale respinge ricorso della Procura contro le famiglie arcobaleno

News - Redazione 5.3.24
Lolita intervista

Lolita e la libertà di andare oltre gli stereotipi: “Chiunque di noi può essere tutto ciò che vuole”

Musica - Emanuele Corbo 24.6.24
lodi pride 2024, sabato 22 giugno

“Vogliamo rivendicare lo spazio che quotidianamente viene negato alle persone queer”, Lodi Pride 2024, sabato 22 giugno – INTERVISTA

News - Gio Arcuri 19.6.24
famiglie-arcobaleno

Perché la stampa italiana continua ad alimentare la fake news “genitore 1 e 2”, dicitura mai esistita?

News - Federico Boni 16.2.24
Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: "Un sogno diventato realtà" - Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri genitori - Gay.it

Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: “Un sogno diventato realtà”

Culture - Redazione 23.4.24