Iran: due attiviste LGBTQ+ condannate a morte per “promozione dell’omosessualità”

Gli attivisti chiedono l’intervento della comunità internazionale.

ascolta:
0:00
-
0:00
Attiviste Iran condannate Gay.it
3 min. di lettura

Due giovani attiviste iraniane, Zahra Sedighi-Hamedani (31 anni) e Elham Chobdar (24 anni), sono state condannate a morte dal Tribunale Rivoluzionario di Orumiyeh, nella provincia dell’Azerbaijan occidentale, con l’accusa di “corruzione sulla Terra attraverso la promozione dell’omosessualità”.

La notizia è stata riportata dall’associazione per i diritti umani Hengaw, la cui attività principale è quella di monitorare le violazioni dei diritti umani in Kurdistan, dopo che nella giornata di domenica 4 settembre la sentenza è stata ufficialmente pronunciata. Nel caso delle due attiviste è coinvolta anche una terza donna, Soheila Ashrafi, ma il suo verdetto non è ancora stato pronunciato.

Attiviste Iran condannate Gay.it
Zahra Sedighi-Hamedani è una delle attiviste condannate a morte

Zahra ed Elham sono entrambe attiviste LGBTQ+ che combattono per i diritti della comunità in Paesi dove questa è ancora illegale e sottoposta alla pena di morte. Il calvario delle due ragazze con la giustizia iraniana è cominciato mesi fa, nell’ottobre del 2021. Dopo essere apparsa in un documentario della BBC sui diritti LGBTQ+ nel Kurdistan iracheno, Zahra è stata arrestata il 27 ottobre dello scorso anno con l’accusa di traffico di donne iraniane nella provincia di Erbil mentre cercava di passare il confine per chiedere asilo politico in Turchia. Elham, invece, è stata arrestata il 16 gennaio con l’accusa di promuovere l’omosessualità e il cristianesimo attraverso i canali mediatici anti-iraniani.

Le due attiviste sono detenute sin da allora, Zahra è anche rimasta in isolamento per 53 giorni subendo estenuanti interrogatori, insulti sulla sua identità e il suo aspetto e minacce di vedersi tolta la custodia dei figli da parte della Guardia Rivoluzionaria iraniana, la polizia di Stato che opera sotto il comando del regime di Khamenei. La notizia del loro arresto era stata diffusa per la prima volta dal Jerusalem Post nel dicembre dello scorso anno, suscitando la reazione di attivisti e dissidenti e portando Amnesty International a richiedere all’Iran il rilascio immediato delle due donne.

Attiviste Iran condannate Gay.it
La Guardia Rivoluzionaria iraniana è la polizia di Stato del regime iraniano

La richiesta, come è evidente, non è stata accolta. In aggiunta, l’Iran è noto per i processi non equi, soprattutto nei confronti delle donne. Nei 10 mesi di detenzione, alle detenute è stato anche negato il diritto di avvalersi di un avvocato e, fonti riferiscono, il loro destino potrebbe essere uno dei metodi di esecuzione preferiti dal regime iraniano, lo strangolamento.

Il regime di Teheran opera da decenni una vera e propria guerra omicida contro le donne e le persone LGBTQ+ ed è stata più volte comprovata la violazione di molteplici principi della Dichiarazione universale dei diritti umani delle Nazioni Unite.

Jessica Emami, esperta iraniana e ricercatrice contro l’antisemitismo, nei mesi scorsi aveva affermato come «fin dall’inizio la Repubblica Islamica dell’Iran ha trattato le persone LGBTQ+ con dispotismo e barbarie», mentre una rifugiata politica residente nel Regno Unito aveva commentato: «Notizie come questa non ci sorprendono più».

Secondo delle stime approssimative, dalla rivoluzione del 1979 ad oggi la dittatura iraniana ha giustiziato tra le 4000 e le 6000 persone gay e lesbiche. La comunità LGBTQ+ viene considerata un pericolo nazionale e l’accanimento della Guardia Rivoluzionaria non dà cenni di diminuire. La notizia della condanna a morte sembra aver risvegliato le coscienze internazionali che ora iniziano a fare pressioni sulle autorità iraniane per commutare la condanna a morte.

Attiviste Iran condannate Gay.it
Ali Kahmenei è l’attuale Ayatollah dell’Iran

All Out ha fatto partire una campagna di raccolta firme per chiedere il rilascio delle due attiviste, che potete trovare e firmare qui.

Gay.it ha contattato attivisti iraniani vicini al caso delle due donne per ulteriori commenti sulla vicenda che verranno aggiornati nei prossimi giorni.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Pietro Fanelli, Isola dei Famosi 2024

Pietro Fanelli, chi è il naufrago dell’Isola dei Famosi 2024?

Culture - Luca Diana 10.4.24
Mahmood è in tour in Europa per presentare l'album "Nei letti degli altri"

Mahmood più libero che mai sul palco, il suo tour strega l’Europa e “Tuta gold” conquista il triplo disco di platino

Musica - Emanuele Corbo 9.4.24
Amadeus

Amadeus lascia la Rai e raggiunge Fazio sulla NOVE di Discovery

Culture - Mandalina Di Biase 10.4.24
Raffaella Carrà - la sua casa a Via Nemea 21 a Roma è in vendita

La casa di Raffaella Carrà a Roma Nord è in vendita, ma nessuna piazza ha il suo nome

Musica - Mandalina Di Biase 11.4.24
GialappaShow, Gigi è Mahmood con i ballerini cileni (VIDEO) - Gigi e Mahmood - Gay.it

GialappaShow, Gigi è Mahmood con i ballerini cileni (VIDEO)

Culture - Redazione 11.4.24
Victoria De Angelis dei Maneskin, vacanza romantica e baci social con l'amata Luna Passos (FOTO) - Victoria De Angelis dei Maneskin vacanza romantica e baci social con lamata Luna Passos FOTO - Gay.it

Victoria De Angelis dei Maneskin, vacanza romantica e baci social con l’amata Luna Passos (FOTO)

News - Redazione 9.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

africa lgbtiq occidente

Se in Africa vedono la questione LGBTIQ+ come arroganza occidentale e le autocrazie ne approfittano

News - Giuliano Federico 18.10.23
Russia LGBTI donna arrestata per orecchini rainbow

Russia: iniziano gli arresti alle persone LGBTI+, una donna incriminata per gli orecchini arcobaleno

News - Francesca Di Feo 2.2.24
Kenya, miliardi in fumo se dovesse essere approvata la nuova legge omobitransfobica - Kenya Cov - Gay.it

Kenya, miliardi in fumo se dovesse essere approvata la nuova legge omobitransfobica

News - Federico Boni 9.11.23
Copyright @Danimale_sciolto

Cosa significa decriminalizzare il sex work: oltre lo stigma e la violenza istituzionale

Corpi - Redazione Milano 21.12.23
Turchia, Erdogan torna ad attaccare le persone LGBTQIA+: "Una minaccia per la famiglia tradizionale" - Erdogan - Gay.it

Turchia, Erdogan torna ad attaccare le persone LGBTQIA+: “Una minaccia per la famiglia tradizionale”

News - Redazione 27.10.23
brunei-pena-di-morte-omosessualita

Il Brunei minaccia di lapidare gli omosessuali dal 2019, mentre il mondo celebra il matrimonio tra i suoi Reali

News - Francesca Di Feo 30.1.24
coldplay indonesia musulmani

Coldplay, contestazione di 300 musulmani fondamentalisti al concerto: “Sostengono la causa LGBTQIA+”

News - Redazione Milano 16.11.23
Islam LGBTIAQ musulmani Politecnico Milano

Seminari e incontri islamici anti-LGBTQIA+: bufera sul Politecnico di Milano, ecco cosa è successo

Culture - Francesca Di Feo 11.4.24