Iran: la polizia usa spray al peperoncino per impedire alle donne di entrare allo stadio

I fatti poco prima della partita tra Iran e Libano per la qualificazione ai mondiali.

ascolta:
0:00
-
0:00
Divieto donne allo stadio Iran Gay.it
3 min. di lettura

Ancora una volta, l’Iran si è schierato contro le donne. E di mezzo, questa volta, ci è andato a finire anche lo sport. Nella giornata del 29 marzo, infatti, si è tenuta a Mashhad – nella provincia di Khorasan – la partita tra Iran e Libano per le qualificazioni ai Mondiali di calcio del Qatar. Un momento di celebrazioni e supporto per la squadra nazionale, data come favorita dai sondaggi. Se non fosse che, all’apertura dei cancelli, alle donne non è stato permesso di entrare.

Nonostante i casi di Covid in crescita, il governo aveva comunque dato l’autorizzazione ai tifosi di essere presenti alla partita. Fuori dallo stadio Imam Reza si trovavano più di 12,500 persone, tra cui anche molte donne che avevano regolarmente acquistato il biglietto.

Divieto donne allo stadio Iran Gay.it
L’Iran vieta alle donne di entrare negli stadi, solo gli uomini possono assistere alle partite

Al momento dell’entrata, però, la polizia ha bloccato le donne che tentavano di accedere allo stadio. A seguito delle prime proteste, la situazione è degenerata ed è diventata più violenta. Sui social sono stati diffusi i video che mostrano come le donne che erano radunate vicino agli ingressi siano state disperse dalla polizia usando degli spray al peperoncino.

La questione dell’accesso agli stadi per le donne è una questione problematica nel Paese. Sin dall’instaurazione della Repubblica islamica nel 1979, alle donne è stato sempre vietato l’accesso alle strutture sportive, anche solo come spettatrici. La polizia ha sempre esercitato il divieto, anche se in realtà non c’è una vera e propria legge scritta che lo regoli. È semplicemente diventato normale da parte del governo. A proposito di Repubblica islamica, Gay.it ha intervistato Masih Alinejad, la giornalista e attivista iraniana apertamente schierata contro il regime, che ci ha raccontato della reale situazione in Iran per le donne.

Una direttiva ufficiale della FIFA per permettere alle donne di accedere agli stadi senza alcun tipo di discriminazione è arrivata solo nel 2019, a seguito della vicenda della tifosa Sahar Khodayari, che si è uccisa dandosi fuoco per paura di essere incarcerata dopo aver tentato di assistere a una partita.

Tuttavia, nonostante le richieste della FIFA – e nonostante qualche piccola apertura in poche occasioni – il governo iraniano ha mantenuto la sua linea e ha mantenuto il divieto. Ora, a seguito dei nuovi fatti, l’Iran è nuovamente nell’occhio del ciclone.

«Le autorità iraniane hanno ripetutamente dimostrato di essere disposte a fare di tutto per imporre il loro divieto discriminatorio e crudele alle donne che frequentano gli stadi di calcio»

Così ha dichiarato Tara Sepehri Far, ricercatrice iraniana di Human Rights Watch. Immediatamente sono arrivate proteste e polemiche riguardo l’accaduto, tra chi chiede alla FIFA di escludere l’Iran dai mondiali e chi invece chiede pesanti sanzioni da parte della Federazione.

Divieto donne allo stadio Iran Gay.it
Delle piccole aperture si sono avute dopo le direttive FIFA nel 2019, ma poi nulla è cambiato

Nelle ore successive è arrivata anche una dichiarazione dal Presidente Ebrahim Raisi, che ha promesso un’indagine interna su quanto accaduto, anche se molti temono si tratti solo di un tentativo di arginare le proteste. Anche il procuratore generale iraniano Mohammad Jafar Montazeri ha affermato in un’intervista alla radio che la situazione è stata gestita male e che se quelle donne avevano acquistato i biglietti, dovevano essere fatte entrare.

“Gestita male” sembra più un eufemismo, visto che da più di quarant’anni questi episodi di violenza si protraggono e non sembrano avere l’intenzione di fermarsi. La direzione della FIFA deve ancora esprimersi sull’accaduto e i primi provvedimenti sono attesi nei prossimi giorni.

 

Foto di copertina: Zurab Kurtsikidze (European Photo Agency)

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Angelina Mango Marco Mengoni

Angelina Mango ha in serbo una nuova canzone con Marco Mengoni e annuncia l’album “poké melodrama” (Anteprima Gay.it)

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
Omosessualità Animali Gay

Animali gay, smettiamola di citare l’omosessualità in natura come sostegno alle nostre battaglie

Culture - Emanuele Bero 18.4.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
Svezia transizione 16 anni transgender

Svolta storica anche in Svezia, l’età per la transizione si abbassa a 16 anni, approvata la legge sull’autodeterminazione

News - Francesca Di Feo 18.4.24
Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24
Jakub Jankto coming out

Jakub Jankto: “Agli altri calciatori gay dico di fare coming out. Non abbiate paura, non succede nulla”

Corpi - Redazione 17.4.24

Hai già letto
queste storie?

Jakub Jankto e il coming out: "Non devo più nascondermi, anche con i ragazzi. Ora sono felice" - Jakub Jankto 3 - Gay.it

Jakub Jankto e il coming out: “Non devo più nascondermi, anche con i ragazzi. Ora sono felice”

Corpi - Federico Boni 20.12.23
GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24
Menunni (FDI): "La maternità torni cool, che le 18enni vogliano sposarsi e fare figli" - VIDEO - Lavinia Mennuni - Gay.it

Menunni (FDI): “La maternità torni cool, che le 18enni vogliano sposarsi e fare figli” – VIDEO

News - Redazione 28.12.23
fifa mondiali 2034

FIFA, i mondiali di calcio del 2034 si terranno nell’omobitransfobica Arabia Saudita

News - Federico Boni 2.11.23
Greta Gerwig (by Ellen Fedors for Rolling Stone)

Cannes 2024: Greta Gerwig, regista di Barbie, è la presidente della giuria!

Culture - Riccardo Conte 14.12.23
Poliziotto costretto ad esami psichiatrici per verificare se fosse gay, il Tar condanna il ministero - carcere - Gay.it

Poliziotto costretto ad esami psichiatrici per verificare se fosse gay, il Tar condanna il ministero

News - Redazione 18.4.24
Jessica Andrade, la lottatrice queer fa suo il record di donna con il maggior numero di vittorie UFC - Jessica Andrade - Gay.it

Jessica Andrade, la lottatrice queer fa suo il record di donna con il maggior numero di vittorie UFC

Corpi - Redazione 16.4.24
Islam LGBTIAQ musulmani Politecnico Milano

Seminari e incontri islamici anti-LGBTQIA+: bufera sul Politecnico di Milano, ecco cosa è successo

Culture - Francesca Di Feo 11.4.24