Jake Jacob: da mormone a gay dichiarato in slip per mostrare chi sia veramente

Per troppi anni Jake Jacob ha dovuto reprimere la sua omosessualità.

jake jacob
Jake Jacob ha abbondato la chiesa mormona per mostrare se stesso.
3 min. di lettura

Dodici anni. Tanto il tempo passato da quando Jake Jacob ha deciso di non vestire più gli “indumenti del tempio”, come viene chiamata la biancheria intima dai mormoni. Jake è un medico gay, che da 12 anni appunto ha lasciato la Chiesa mormona per le sue posizioni anti-LGBT. Non poteva vivere liberamente se stesso in quella comunità.

Nei giorni scorsi, Jake Jacob ha voluto parlare del suo allontanamento, e lo ha fatto con un post dal suo profilo Instagram. Oltre a un emozionante messaggio, ha condito il post con una sua foto, con indosso solamente i.. “suoi indumenti del tempio“.

jake jacob
Jake Jacob nella sua ultima foto social.

Jake Jacob in slip e maglietta per mostrarsi per quello che è

In maglietta aderente e slip che sottolineano ogni muscolo del suo corpo, in perfetta sintonia con la cultura dei mormoni, Jake Jacob ha scritto:

Sono passati 12 anni da quando ho deciso di smettere di indossarli, non aveva senso dato che stavo facendo sesso con uomini, considerato un peccato mortale dagli insegnamenti della chiesa mormone. 

La decisione consapevole di togliermi i vestiti mi ha cambiato la vita fisicamente, emotivamente e spiritualmente. Era il mio ultimo ricordo fisico, nel bene e nel male, dei miei legami con la religione dell’infanzia. È stato liberatorio per il mio corpo rimuovere finalmente gli abiti oppressivi che insistevano sul fatto che rimanessi sempre coperto invece di celebrare il corpo che Dio mi ha dato. È stato anche liberatorio eliminare il costante promemoria del senso di colpa e del trauma infantile, come spargere una vergogna inutile che mi sono portato dietro per anni su chi sono e il mio orientamento dato da Dio che non posso e non devo cambiare.

Ma non si tratta solo di un insegnamento sbagliato. L’omofobia della famiglia ha costretto Jake a subire una delle torture peggiori: la terapia di conversione.

È stato un passo necessario per superare anni di terapia di conversione, che mi ha insegnato quanto fossi distrutto e che in qualche modo Dio avrebbe dovuto aggiustarmi se fossi stato abbastanza retto, un obiettivo impossibile e in continuo movimento. Ho liberato il disprezzo per me stesso e il disprezzo radicato in me stesso con una vita in cui mi è stato detto che ero l’equivalente di un pedofilo e un assassino semplicemente per il fatto che volevo lo stesso amore che le persone eterosessuali godevano così naturalmente nella cultura di quel tempo.

E la libertà, dopo aver abbandonato i costumi (e la cultura) della Chiesa mormona.

Scivolando tra le mie lenzuola senza vestiti la prima notte ho sentito una libertà che non avevo mai provato prima. Potevo scegliere come presentare il mio corpo al mondo, non un’organizzazione religiosa corporativa. Ho iniziato un viaggio per amare il mio corpo, abbracciare i miei difetti, guardarmi allo specchio e scegliere di apprezzare ciò che vedo senza colpa o “umiltà” forzata, che ora so essere la ricerca di una perfezione costante impossibile del corpo e della mente. Ho iniziato ad amarmi per quello che sono, indipendente dall’approvazione o dall’accettazione di un potere superiore da parte dei miei pari.

La ritrovata libertà di Jacob è una benedizione per tutti. A seguire alcune delle sue foto social. Per tutte le altre, visitate il suo profilo Instagram.

jake jacob sui social

Jake Jacob: da mormone a gay dichiarato in slip per mostrare chi sia veramente - jake jacob 00004 - Gay.it

Jake Jacob: da mormone a gay dichiarato in slip per mostrare chi sia veramente - jake jacob 00003 - Gay.it

Jake Jacob: da mormone a gay dichiarato in slip per mostrare chi sia veramente - jake jacob 00001 - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
normanno2000 26.12.20 - 1:16

Troppo pompato.... sembra un bambolo di plastica

Trending

Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un'icona sconfitta dall'amore - BackToBlack2024 - Gay.it

Back to Black, recensione del biopic su Amy Winehouse. Il ricordo di un’icona sconfitta dall’amore

Cinema - Federico Boni 11.4.24
Amadeus

Amadeus lascia la Rai e raggiunge Fazio sulla NOVE di Discovery

Culture - Mandalina Di Biase 10.4.24
Victoria De Angelis dei Maneskin, vacanza romantica e baci social con l'amata Luna Passos (FOTO) - Victoria De Angelis dei Maneskin vacanza romantica e baci social con lamata Luna Passos FOTO - Gay.it

Victoria De Angelis dei Maneskin, vacanza romantica e baci social con l’amata Luna Passos (FOTO)

News - Redazione 9.4.24
Coming out di massa di calciatori in Germania? Bundesliga pronta a scendere in campo contro l’omobitransfobia - Bayer Leverkusen - Gay.it

Coming out di massa di calciatori in Germania? Bundesliga pronta a scendere in campo contro l’omobitransfobia

Corpi - Redazione 11.4.24
GialappaShow, Gigi è Mahmood con i ballerini cileni (VIDEO) - Gigi e Mahmood - Gay.it

GialappaShow, Gigi è Mahmood con i ballerini cileni (VIDEO)

Culture - Redazione 11.4.24
Mahmood è in tour in Europa per presentare l'album "Nei letti degli altri"

Mahmood più libero che mai sul palco, il suo tour strega l’Europa e “Tuta gold” conquista il triplo disco di platino

Musica - Emanuele Corbo 9.4.24

Hai già letto
queste storie?

Sepoltura coppie gay Mario Seghezzi Martinengo

Il sindaco leghista che apre alla sepoltura congiunta per coppie omosessuali

News - Redazione Milano 5.1.24
furry gay SiegedSec

Si firmano “furry gay” e vogliono “ragazze gatto”: hacker attaccano il più grande laboratorio nucleare al mondo

News - Redazione Milano 24.11.23
CARY GRANT IN NORTH BY NORTHWEST

Ma quindi Cary Grant era gay o no? La figlia smentisce tutto

Cinema - Redazione Milano 12.12.23
bandiere lgbtq+ significato, tutte le bandiere lgbt, bandiera rainbow

Bandiere LGBTQ+: Una guida pratica

Lifestyle - Redazione 17.10.23
casa arcobaleno

Dipinge la casa arcobaleno per le sue figlie e per rispondere al vicino omofobo

News - Redazione Milano 27.11.23
Dan Reynolds: "Sono qui per combattere insieme alla comunità LGBTQIA+" - Scaled Image 2 12 - Gay.it

Dan Reynolds: “Sono qui per combattere insieme alla comunità LGBTQIA+”

Musica - Redazione 16.10.23
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24