Kathy Kozachenko, prima di Harvey Milk fu lei la prima persona LGBT d’America eletta ad una carica pubblica

Nel 1974 Kathy Kozachenko faceva la Storia d'America. Ritiratasi quasi subito dalla scena politica, oggi esorta più persone LGBT a candidarsi.

Kathy Kozachenko, prima di Harvey Milk fu lei la prima persona LGBT d'America eletta ad una carica pubblica - Kathy Kozachenko 1 1 - Gay.it
2 min. di lettura

In pochi la conoscono, tant’è che si può quasi definire ‘dimenticata’, eppure il 2 aprile del 1974 l’allora 21enne Kathy Kozachenko fece la storia della politica americana, in quanto prima persona dichiaratamente LGBT ad essere eletta ad una carica pubblica. L’evento divenne realtà nel consiglio comunale di Anna Arbor, Michigan, ben 3 anni prima dell’elezione storica di Harvey Milk al consiglio comunale di San Francisco (e altri 3 fecero altrettanto). Un tempo studentessa all’Università del Michigan, Kathy rientrava in partito di sinistra che abbracciava sostenzialmente studenti universitari e neolaureati. Ma la carriera politica della Kozachenko fu brevissima, perché passati due anni in consiglio comunale decise di non candidarsi per un secondo mandato.

In quel 1974, però, Kathy infilò un piede in quel portone per secoli rimasto chiuso con il chiavistello, e oggi fortunatamente spalancato. In questo momento, infatti, in tutti gli Stati d’America ci sono 855 persone dichiaratamente LGBT + regolarmente elette, come riportato dal Victory Institute. Ed è proprio attraverso una rubrica del Victory Institute che la Kozachenko ha oggi esortato più persone LGBT a candidarsi per cariche pubbliche.

Abbiamo bisogno che tu corra per quella carica, che tu possa essere il prossimo storico primo. Abbiamo visto che non possiamo essere compiacenti, che abbiamo bisogno di ancora più candidati LGBTQ in corsa per una poltrona. Candidati LGBTQ di ogni estrazione sociale, con background diversi, con diverse prospettive. Abbiamo bisogno di più candidati LGBTQ di colore, più candidati transgender, più candidati womxn, più candidati immigrati LGBTQ, più candidati intersessuali, più candidati LGBTQ con idee audaci che continueranno a portare avanti il ​​nostro movimento.

La Kozachenko si è detta “così orgogliosa” per tutti gli attivisti che hanno seguito i suoi passi. “Tutte quelle persone che hanno lottato, lottato e lottato per il matrimonio egualitario, le persone transgender che hanno lottato così tanto per i loro diritti e per capire chi sono. Penso che nulla di tutto ciò sarebbe accaduto senza l’energia e l’attivismo di molte, molte persone che non si arrendono, e sono grata a tutti loro, sono grata per aver svolto un piccolo ruolo in tutto questo”. Un piccolo, gigantesco ruolo, in quel lontano 2 aprile del 1974.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Franzc Dereck 7.4.20 - 9:08

Una storia pochissimo conosciuta , grazie per averla raccontata. Consideratela una battuta ma , cosi' come per le quote rosa , anche i " nostri " candidati devono rispettare le proporzioni , altrimenti si rischia di fare razzismo all'inverso.

Trending

Sergio Mattarella 17 maggio giornata internazionale contro omofobia transfobia bifobia

17 maggio, Mattarella contro l’omobitransfobia: “Non è possibile accettare di rassegnarsi alla brutalità”

News - Redazione 17.5.24
Bridgerton, la showrunner Jess Brownell annuncia l'arrivo di una storia d'amore queer - BRIDGERTON 302 Unit 00627R - Gay.it

Bridgerton, la showrunner Jess Brownell annuncia l’arrivo di una storia d’amore queer

Serie Tv - Redazione 16.5.24
Nemo The Code significato e come è nata

Nemo, il magnifico testo non binario di “The Code” è nato così: ecco cosa racconta davvero

Musica - Mandalina Di Biase 13.5.24
Francesco Cicconetti, l'Università di Urbino gli riconosce l'identità di genere anche sul diploma - Francesco Cicconetti - Gay.it

Francesco Cicconetti, l’Università di Urbino gli riconosce l’identità di genere anche sul diploma

News - Redazione 17.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24

Hai già letto
queste storie?

Settimo torinese, insulti omofobi sui manifesti del candidato Pd Antonio Augelli: "Fr*cio" - Settimo insulti omofobi manifesti elettorali Antonio Augelli - Gay.it

Settimo torinese, insulti omofobi sui manifesti del candidato Pd Antonio Augelli: “Fr*cio”

News - Redazione 15.5.24
anna paola concia gay it

Concia accusa “massimalisti da destra e sinistra” ed è già eliminata dal progetto di educazione alle relazioni

News - Redazione Milano 9.12.23
Lodi Pride 2024: sabato 22 giugno - lodipride2024 sabato22 giugno 1 2 - Gay.it

Lodi Pride 2024: sabato 22 giugno

News - Redazione 8.5.24
elly schlein partio democratico

Abruzzo al voto, Elly Schlein: “Ci battiamo per il diritto delle donne a scegliere del proprio corpo”

News - Redazione 8.3.24
Rosso, Bianco e Sangue Blu potrebbe diventare una trilogia - Rosso bianco e sangue blu foto - Gay.it

Rosso, Bianco e Sangue Blu potrebbe diventare una trilogia

News - Redazione 14.5.24
Università Bocconi, sospesi tre studenti per commenti transfobici sui bagni gender neutral dell'ateneo - bagniinclusivi scaled 1 - Gay.it

Università Bocconi, sospesi tre studenti per commenti transfobici sui bagni gender neutral dell’ateneo

News - Redazione 15.2.24
Chi ha paura di un pene eretto? Polemiche UK per la serie Un Uomo Vero: "Porno di basso livello" - tom pelphrey b31035 - Gay.it

Chi ha paura di un pene eretto? Polemiche UK per la serie Un Uomo Vero: “Porno di basso livello”

News - Redazione 15.5.24
Riccardo Saccotelli, sopravvissuto a Nassiriya: "Io carabiniere gay ho difeso la Patria come Vannacci" - Riccardo Saccotelli carabiniere sopravvissuto alla strage di Nassiriya replica a Vannacci - Gay.it

Riccardo Saccotelli, sopravvissuto a Nassiriya: “Io carabiniere gay ho difeso la Patria come Vannacci”

News - Redazione 9.5.24