La storia di Miluzca, in viaggio per il mondo e verso sé stessa.

Intorno ai quattordici anni sono andata via di casa. Mio padre mi picchiava dicendomi che gli uomini non fanno quelle cose da donne. Per i bambini è automatico, senti che il corpo non è connesso con quello che ti dicono di essere.

ragazza trans mit
Bandiera transgender.
3 min. di lettura

Miluzca è nata in Perù e ha peregrinato per molti paesi dell’America Latina e dell’Europa, prima di trovare dimora in Italia, dove ha deciso di aprire una sua attività imprenditoriale. Ci racconta la sua storia.

«Sin dalla tenera età ho subito molti maltrattamenti. Mio padre mi picchiava e mi diceva che io ero un uomo. Io prendevo i trucchi di mia madre e quando mi beccavano, mio padre mi picchiava dicendomi che gli uomini non fanno quelle cose da donne. Io però penso che un bambino non capisce ancora queste cose, per i bambini è un comportamento automatico, senti che il corpo non è connesso con quello che ti dicono di essere».

processo di transizione

«Mi obbligavano a fare cose maschili come il calcetto e il karate. Io ero più interessata alle bambole di mia sorella e alla pallavolo. Mi dicevano che la pallavolo è uno sport da donna. Il nome che ho scelto infatti, è quello di una giocatrice di pallavolo. Intorno ai quattordici anni sono andata via di casa. Stavo sola al mondo. A volte ci penso: come ho potuto andare via e stare in balìa da un lato degli omofobi e dall’altro dei pedofili?»

«All’epoca quando si vedeva una persona transgender o un uomo gay la gente ti urlava dalla finestra insulti gratuiti e ti gettava i sassi. Questa era la situazione nel piccolo paese dove sono nata, così mi sono spostata nella capitale, Lima. Avevo quindici anni e lavavo i vestiti di altra gente, a volte lavoravo in cucina. Ho dovuto lavorare, anche se mi sarebbe piaciuto frequentare la scuola e l’università. Ma mi dicevano che una persona come me avrebbe disturbato gli altri studenti. Parliamo degli anni ’90».

Miluzca - storia transgender
Miluzca indossa uno dei suoi abiti.

Hai potuto fare una cura ormonale in Perù?

«No, lì non c’era diritto a niente. Lì le persone LGBT non hanno diritto a nulla, ancora adesso. Sono dovuta andare sulla strada e prostituirmi. Ho sofferto altra violenza, quella della polizia».

«Quindi non potevo nemmeno lamentarmi della violenza omofoba e transfobica, perché da chi andavo, se la polizia era altrettanto violenta?»

«Poi sono andata Buenos Aires. Nei primi anni novanta non c’era alcuna tutela per le persone trans, in Argentina. Se una persona transgender non sembrava perfettamente una donna cisgender e un poliziotto se ne accorgeva, ti sbatteva in galera per ventiquattro ore. Paradossalmente la prostituzione non era vietata, quindi non ci rinchidevano in galera per questo, ma perché c’era un’assurda legge per cui non ti potevi vestire come una persona del genere opposto».

La storia di Miluzca, in viaggio per il mondo e verso sé stessa. - argentina transgender - Gay.it
Pride, Argentina

Ma torniamo a te. Non ti sei fermata in Argentina, hai continuato il tuo viaggio.

«Sì. Sono andata anche in Brasile e anche lì era molto violento, ma non mi va di parlarne. È difficile per me tornare su questi ricordi. Poi ho provato ad entrare in Germania ma non me lo hanno permesso e alla fine sono arrivata finalmente in Italia».

Ti trovi bene qui in Italia?

«Certamente è meglio di altri paesi in cui sono stata, ma le persone transgender subiscono delle discriminazioni anche qui. È difficile per noi trovare un lavoro diverso dalla prostituzione…».

È per questo che tu stai provando ad aprire una tua azienda, per essere imprenditrice di te stessa. Di cosa ti occupi?

«Io creo abiti. Al momento lo faccio per le mie amiche. Li faccio su misura, pezzi unici, in base alle loro esigenze. Il mio sogno è aprire una mia azienda di moda».

C’è qualcosa che vuoi dire ai nostri lettori?

«La vita è sempre bella, nonostante le sue problematiche. Vedere un nuovo giorno è sempre bellissimo».

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie - 10 persone famose che non sapevi fossero non binarie - Gay.it

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie

Corpi - Gio Arcuri 13.5.24
Francesco Cicconetti, l'Università di Urbino gli riconosce l'identità di genere anche sul diploma - Francesco Cicconetti - Gay.it

Francesco Cicconetti, l’Università di Urbino gli riconosce l’identità di genere anche sul diploma

News - Redazione 17.5.24
Sara Drago

Sara Drago: “La realtà è piena di diversità, sarebbe bellissimo interpretare un uomo” – intervista

Cinema - Luca Diana 11.5.24
Sergio Mattarella 17 maggio giornata internazionale contro omofobia transfobia bifobia

17 maggio, Mattarella contro l’omobitransfobia: “Non è possibile accettare di rassegnarsi alla brutalità”

News - Redazione 17.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24

Leggere fa bene

tdor italia 2023 dati odio transfobico

TDOR, l’Italia è il paese con più crimini verso persone trans* in Europa insieme alla Turchia

News - Redazione Milano 20.11.23
Pride Christmas Nutcracker (TARGET)

Schiaccianoci queer e Babbo Natale in sedia a rotelle? È subito polemica

News - Redazione Milano 28.11.23
Triptorelina - immagine di repertorio

Adolescente trans costretto alla mastectomia perché la triptorelina arriva in ritardo

News - Francesca Di Feo 14.2.24
Triptorelina, il testo integrale della relazione sull'ispezione al Centro per le terapie affermative del Careggi di Firenze

Triptorelina, il Governo ottiene l’approccio patologizzante, cosa dice il testo integrale

Corpi - Francesca Di Feo 16.4.24
deumanizzat-bambin-trans-ideologia

Deumanizzatǝ: quando la vita di unǝ bambinǝ trans vale meno della propaganda di potere

Corpi - Francesca Di Feo 10.4.24
Napoli, derubata e stuprata ragazza trans: "Ho paura, temo ripercussioni" - stupro - Gay.it

Napoli, derubata e stuprata ragazza trans: “Ho paura, temo ripercussioni”

News - Redazione 15.1.24
Transgender triptorelina

Germania, approvata legge sull’autodeterminazione: “Le persone trans esistono e meritano riconoscimento”

News - Redazione 15.4.24
Lombardia, si discute mozione Lega contro la Triptorelina per affermazione di genere di minori: ma è un atto precluso alle regioni - Transgender triptorelina - Gay.it

Lombardia, si discute mozione Lega contro la Triptorelina per affermazione di genere di minori: ma è un atto precluso alle regioni

News - Redazione 7.5.24