“Le Olimpiadi 2036 spartite tra dittature che violano diritti”: arrestato l’attivista LGBTIQ+ britannico Peter Tatchell

L'uomo stava preparando una protesta contro il Comitato Olimpico che da oggi si riunisce a Mumbai.

ascolta:
0:00
-
0:00
Peter Tatchell attivista LGBTIQ+ arrestato Mumbai Olimpiadi 2036
Peter Tatchell attivista LGBTIQ+ arrestato Mumbai Olimpiadi 2036
5 min. di lettura

In India la polizia di Mumbai ha arrestato venerdì 13 ottobre l’attivista britannico per i diritti umani e i diritti LGBTIQ+ Peter Tatchell. L’uomo è segregato nella sua camera d’hotel e non può allontanarsi, dopo il divieto intimato dalle forze dell’ordine indiane. Secondo quanto riferito da Tatchell, si tratta di una detenzione preventiva. La polizia ha perquisito bagagli e oggetti personali e ha fotografato il suo diario, senza mostrare un mandato di un giudice. Tatchell riferisce che lui e il suo collega Soocoormanee sono sotto sorveglianza 24 ore su 24.

Tatchell si era presentato a Mumbai per protestare contro il congresso del CIO (Comitato Internazionale Olimpico) che si terrà dal 15 al 17 Ottobre. La protesta di Tatchell, prevista lunedì 17, contesta la candidatura di Cina, Qatar, Egitto, Turchia e Indonesia per l’organizzazione delle Olimpiadi del 2036. Paesi che, secondo Tatchell, sono “dittature che perseguitano i propri cittadini, in particolare le persone LGBTIQ+, le donne, i lavoratori migranti, i rifugiati e le minoranze etniche e religiose“.

Classe 1952, attivista LGBTIQ+ pioniere fin dagli anni ’80, co-fondatore dell’associazione britannica OutRage (sciolta nel 2011), editorialista per il Guardian, vicino al Partito Laburista e ai Verdi britannici, Peter Tatchell più volte attraverso i decenni si è distinto per la sua attività in situazioni di pericolo per la comunità LGBTIQ+ in varie zone del mondo (nello Zimbawbe di Mugabe, a Mosca nel 2018 quando fu arrestato). Lo scorso maggio, Tatchell ha attaccato senza mezzi termini la Corona britannica “Per Re Carlo III le persone LGBTIQ+ non esistono”.

Le forze dell’ordine indiane hanno spiegato a Tatchell che qualsiasi manifestazione nei pressi del Jio World Center di Mumbai, dove si riunirà il CIO, sono state vietate dal governo. È dunque presumibile, secondo l’attivista, che la sua detenzione in hotel sia stata ordinata dal governo indiano. “Ora sto discutendo con i miei colleghi della Fondazione Peter Tatchell di Londra – spiega l’attivista – su cosa fare riguardo alla protesta prevista per lunedì al Congresso del CIO”.

In India da mesi si discute dell’ipotesi di approvare il matrimonio egualitario. Secondo gli ultimi sviluppi, il panorama politico vede da un lato alcune forze progressiste e ampie fette di popolazione a sostegno dell’approvazione e dall’altro un forte timore da parte del Governo Mubi a modificare l’attuale legge. Entro fine anno il paese dovrebbe maturare una decisione, che potrebbe essere quella di ripiegare su una semplice civil partnership e dunque bocciare l’ipotesi di approvare il matrimonio egualitario.

“È scioccante che l’India si senta così minacciata da un semplice briefing sulle violazioni dei diritti umani” ha raccontato Tatchell.

Leggi: L’amore tra Kavita e Ankita e il matrimonio egualitario in India

 

 

Di seguito l’intero comunicato inviato dalla Peter Tatchell Foundation (traduzione Google) a proposito dell’arresto preventivo per bloccare la protesta contro il Comitato Olimpico.

La polizia di Mumbai ha messo agli “arresti domiciliari” l’attivista per i diritti umani Peter Tatchell nel suo hotel a Mumbai. Gli è vietato lasciare la sua camera d’albergo per ordine della polizia e quattro agenti sono di stanza nell’atrio per impedirgli di andarsene.

Questa mattina la polizia ha fatto visita al signor Tatchell nel suo hotel per spiegare la sua “detenzione preventiva”.

Hanno perquisito alcune delle sue cose e hanno fotografato il suo diario senza mandato.

Inoltre, la polizia di Mumbai, presumibilmente agendo sotto l’autorità del governo indiano, ha vietato una protesta pacifica programmata per i diritti umani davanti al Congresso del Comitato Olimpico Internazionale in città.

La protesta, prevista per questo lunedì, è stata organizzata dal veterano attivista britannico per i diritti umani, Peter Tatchell. L’obiettivo era evidenziare che quasi tutte le nazioni che probabilmente costruiranno le Olimpiadi del 2036 sono dittature che perseguitano i propri cittadini, in particolare le persone LGBT, le donne, i lavoratori migranti, i rifugiati e le minoranze etniche e religiose.

Nel tardo pomeriggio di venerdì 13 ottobre, sei agenti di polizia si sono presentati nella camera d’albergo del signor Tatchell e hanno interrogato lui e il suo collega, Pliny Soocoormanee, per due ore.

Ieri, quando sono arrivati per la prima volta all’hotel, la polizia ha detto che non erano consentite proteste vicino al Congresso del CIO, che si terrà al Jio World Center di Mumbai dal 15 al 17 ottobre.

“Non lo permettiamo [la protesta]. Non stiamo dando il permesso”, ha detto il subispettore Shrikrant Neve, della stazione di polizia di Kurla. “Lei lancia gravi accuse contro l’India [sulla sua situazione in materia di diritti umani]. Ciò che proponi di fare è negativo nei confronti di alcuni alleati dell’India”.

L’agente Neve si riferiva al nostro documento informativo da distribuire ai delegati e ai giornalisti del CIO. Evidenzia le violazioni dei diritti umani da parte dei probabili candidati che ospiteranno le Olimpiadi del 2036, come Cina, Qatar, Egitto, Turchia e Indonesia

Peter Tatchell ha detto:

“Quando ho sottolineato che la costituzione indiana garantisce la libertà di espressione e il diritto di riunione e di protesta pacifica, mi è stato detto ‘questi diritti si applicano solo ai cittadini indiani’. Gli stranieri non hanno questi diritti’”.

“Sono rimasto sbalordito. Davo per scontato che l’India fosse una democrazia e che fossero consentite proteste pacifiche da parte di chiunque. Questo divieto è un duro colpo per la reputazione democratica dell’India. È ciò che ci aspettiamo dai regimi di stato di polizia”.

“La polizia ha aggiunto che in ogni caso avevo violato le condizioni del mio visto turistico, che non consente altro che le attività turistiche. Non ero a conoscenza di questa restrizione e mi sono offerto di richiedere un nuovo visto. “Una protesta non sarà comunque consentita”, mi è stato detto”.

“Ho anche chiesto di incontrare gli alti funzionari di polizia della città, o i funzionari governativi competenti, per ottenere una dispensa – non per protestare – ma semplicemente per distribuire il nostro documento informativo ai delegati e ai giornalisti del CIO. Mi è stato detto che questo “non sarebbe stato consentito” e che “non sono consentite proteste di alcun tipo vicino alla riunione del CIO… l’intera area è vietata”.

“È scioccante che l’India si senta così minacciata da un semplice briefing sulle violazioni dei diritti umani”.

“Gli agenti si sono consultati ripetutamente al cellulare con colleghi di polizia senior e altri sconosciuti.”

“La polizia è stata molto cortese, amichevole e affascinante ovunque. Le loro numerose telefonate sembravano suggerire che stessero cercando di trovare un compromesso. Ma sembrava che avessero ricevuto ordine dai vertici di vietare qualsiasi azione diretta contro il CIO. Alla fine, gli agenti ci hanno esortato a non protestare e ci hanno avvertito di possibile detenzione e deportazione se lo avessimo fatto”.

“Dopo due ore la polizia se ne è andata. Poco più di un’ora dopo, sono tornati per notificare un “Avviso” ai sensi della “Sezione 14 del Foreigners Act 1946”, che proibisce le violazioni dei termini di un visto – punibili fino a cinque anni di reclusione e una multa”.

‘È stato firmato dall’ispettore senior, Ashok Khot, della polizia di Kurla e ha avvertito che qualsiasi violazione delle condizioni del visto turistico si tradurrebbe in ‘Azioni legali’”.

“Ora sto discutendo con i miei colleghi della Fondazione Peter Tatchell di Londra su cosa fare riguardo alla protesta prevista per lunedì al Congresso del CIO”.

“È evidente che io e il mio collega della Fondazione, il signor Soocoormanee, siamo sotto sorveglianza della polizia 24 ore su 24. Per tutto il venerdì notte e sabato mattina, gli agenti di polizia sono rimasti di stanza nella hall del nostro hotel, La Hotel Metro, a Kurla West, Mumbai. Non potremo fare nulla senza che la polizia lo sappia e intervenga per fermarci”.

“In questo momento, l’India sembra uno stato di polizia, come quello che ho vissuto ai Mondiali di Mosca nel 2018 e in Qatar nel 2022”, ha affermato Tatchell.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Russia, arrestate due donne per un bacio e costrette alle scuse pubbliche: “Nuocete alla psiche dei minori” - Russia arrestate due donne per un bacio social e costrette alle scuse pubbliche - Gay.it

Russia, arrestate due donne per un bacio e costrette alle scuse pubbliche: “Nuocete alla psiche dei minori”

News - Redazione 19.2.24
taiwan-intervista-post-elezioni (5)

Taiwan: “La Cina una minaccia costante, soprattutto per la comunità queer” parla un’attivista LGBTIQ+

News - Francesca Di Feo 14.2.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
James Scully di Fire Island e You festeggia il compleanno dell'amato Julio Torres - James Scully di Fire Island e You festeggia il compleanno dellamato Julio Torres - Gay.it

James Scully di Fire Island e You festeggia il compleanno dell’amato Julio Torres

Culture - Redazione 13.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 19/25 febbraio tra tv generalista e streaming - film 2024 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 19/25 febbraio tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 19.2.24
Vittorio Menozzi, Grande Fratello

Vittorio Menozzi, dopo il Grande Fratello in arrivo un nuovo programma tv: di cosa si tratta?

News - Luca Diana 14.2.24

Hai già letto
queste storie?

matrimonio-egualitario-india-corte-suprema

India, a breve la sentenza sul matrimonio egualitario a lungo posticipata

News - Francesca Di Feo 2.10.23
@socondendapefasatluce

Attivista transgender nel mirino dell’odio sui social: “È l’ignoranza sull’argomento a spaventarmi”

News - Riccardo Conte 6.9.23
mit

Il MIT ha bisogno d’aiuto: partecipa alla raccolta fondi

News - Redazione Milano 19.10.23
Stati Genderali

Contro la violenza di Stato corteo nazionale degli Stati Genderali a Bologna

News - Redazione Milano 17.10.23
matrimonio-egualitario-india-opinioni

India, la Corte Suprema dice no al matrimonio egualitario: “È responsabilità del parlamento”

News - Redazione 17.10.23
ucraina unioni civili

Ucraina, ecco come si allontana la legge sulle unioni civili

News - Giuliano Federico 20.9.23
Taiwan Pride - Taipei, 28 ottobre 2023 - foto: IG

La Cina trema, al Taiwan Pride 180.000 per la più grande marcia LGBTQIA+ dell’Asia Orientale

News - Francesca Di Feo 30.10.23
judith butler

Distruggere i generi: breve storia di Judith Butler

Culture - Federico Colombo 20.10.23