L’Unione Europea chiede alla Lituania regolamenti più definiti per la transizione di genere

L'adeguamento ai regolamenti UE da parte di un paese ancora fortemente influenzato dal proprio retaggio sovietico manderebbe un chiaro messaggio alla confinante Russia omobitransfobica.

ascolta:
0:00
-
0:00
lituania-transizione-di-genere
3 min. di lettura

Tirata d’orecchie per la Lituania: nei giorni scorsi, il Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa ha sollecitato il governo a prendere misure decisive per regolamentare più chiaramente le procedure di riassegnazione di genere, facendo seguito a una sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (CEDU) risalente a più di 15 anni fa.

Paese fortemente influenzato dal proprio retaggio sovietico poiché parte della Federazione Russa fino ai primi anni 90’, la Lituania è stato indipendente dal 1991, e parte dell’Unione Europea dal 2004, nell’ambito di uno dei più significativi allargamenti nella storia dell’UE, che ai tempi segnò l’adesione di 10 nuovi stati membri.

Un momento cardine nel processo di integrazione europea, simbolo della riunificazione dopo decenni di divisione durante la Guerra Fredda.

La Lituania si trovò allora a fare i conti con la pesante influenza sovietica sulle proprie politiche, e andò incontro a un profondo processo di rinnovamento per adeguare i propri regolamenti a quelli dell’UE – anche in ambito di diritti delle minoranze e comunità LGBTQIA+.

La situazione dei diritti LGBTQIA+ in Lituania

Sebbene le relazioni omosessuali, sia maschili che femminili, siano legalmente accettate, la Lituania non riconosce ancora le unioni civili né i matrimoni tra persone dello stesso sesso, lasciando le coppie omosessuali prive di riconoscimento legale.

Le identità non conformi, benché legali, sono inoltre ancora oggetto di atteggiamenti negativi diffusi. Sondaggi hanno mostrato una profonda resistenza culturale all’accettazione dell’omosessualità: un’indagine GLOBSEC del marzo 2023 ha rivelato che solamente il 22% dei cittadini lituani appoggia il matrimonio tra persone dello stesso sesso, con una marcata opposizione (60%) e una significativa percentuale di indecisi (18%).

Questo pone la Lituania tra i paesi dell’Unione Europea con il minimo sostegno per il matrimonio omosessuale, superata solo dalla Bulgaria.

Per quanto riguarda la popolazione transgender, nonostante il riconoscimento di alcuni progressi — come la consolidazione della giurisprudenza interna che permette la modifica dei documenti ufficiali anche in assenza di un intervento chirurgico completo di riassegnazione di genere, il diritto a richiedere il rimborso dei costi per alcune procedure mediche, e la legislazione secondaria che consente la modifica dei nomi in linea con l’identità di genere — l’UE evidenzia da quasi vent’anni la mancanza di un quadro legislativo chiaro che regoli le condizioni e le procedure per la chirurgia di riassegnazione di genere.

Un cambiamento possibile oggi più che mai, grazie al governo liberale – seppur di centrodestra – della premier Ingrida Šimonytė, che più volte ha dimostrato il proprio sostegno per la causa LGBTQIA+ e per le questioni progressiste.

Rimane da osservare se il paese riuscirà a superare il punto morto legislativo che ha caratterizzato il periodo precedente, anche attraverso un’intensa attività di educazione e sensibilizzazione rivolta alla popolazione per promuovere l’accettazione delle identità non conformi.

Lituania e Russia

La posizione della Lituania, al confine con la Russia, aggiunge naturalmente una dimensione geopolitica complessa – visti i trascorsi conflittuali tra i due paesi. Dopo diversi tentativi di riannessione, la Russia riconobbe con fatica l’indipendenza di questo piccolo stato confinante solo nel 1991, lasciando però profonde orme culturali e sociali sulla sua popolazione.

La Russia è notoriamente conosciuta per le sue politiche e atteggiamenti omofobi, spesso in contrasto aperto con i valori e gli standard dei diritti umani promossi dall’Unione Europea e dal Consiglio d’Europa.

In questo momento critico, la Lituania si posiziona come avamposto dell’Unione Europea, avendo l’opportunità distintiva di ribadire i principi fondamentali di apertura e inclusione, pilastri dell’UE, in netto contrasto con le politiche della vicina Russia.

L’adozione di una legislazione chiara e comprensiva sulla transizione di genere in Lituania avrebbe infatti non solo un impatto significativo sulle vite delle persone transgender nel paese, ma servirebbe anche come modello per altri stati membri del Consiglio d’Europa ancora sotto l’influenza sovietica.

La decisione del Comitato dei Ministri di riprendere in considerazione il caso entro marzo 2025 pone una scadenza implicita, che la comunità internazionale, insieme alle organizzazioni per i diritti umani e LGBTQIA+, monitorerà con attenzione nei prossimi mesi.

La Lituania si trova quindi di fronte a una scelta cruciale: procedere lungo il percorso della progressività e dell’inclusione, o rimanere ancorata a un’inerzia legislativa che la tiene indietro rispetto ai suoi vicini e agli standard internazionali, e quindi vulnerabile alle influenze esterne.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Papa Francesco Dignitas Infinita - Chiesa Cattolica - Vaticano

Il documento del Vaticano che mette l’intera comunità LGBTI ai margini: teoria gender, surrogata, bambini e altre mistificazioni reazionarie

Culture - Giuliano Federico 8.4.24
Giovanni Donzelli foto instagram @giovadonze

Giovanni Donzelli di Fratelli d’Italia, outing di sua moglie che spiega “È un marito etero”

Culture - Mandalina Di Biase 9.4.24
Raffaella Carrà - la sua casa a Via Nemea 21 a Roma è in vendita

La casa di Raffaella Carrà a Roma Nord è in vendita, ma nessuna piazza ha il suo nome

Musica - Mandalina Di Biase 11.4.24
Amadeus

Amadeus lascia la Rai e raggiunge Fazio sulla NOVE di Discovery

Culture - Mandalina Di Biase 10.4.24
Marco Mengoni per un noto brand di gioielli

Marco Mengoni è un gioiello, ma la verità è che tutti guardano un’altra cosa

Musica - Emanuele Corbo 10.4.24
Ma Ricky Martin si è eccitato sul palco del Celebration Tour di Madonna? (VIDEO) - Ricky Martin sale sul palco del Celebration Tour di Madonna - Gay.it

Ma Ricky Martin si è eccitato sul palco del Celebration Tour di Madonna? (VIDEO)

Musica - Redazione 9.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

Russia, il regime di Putin durerà almeno fino al 2030. Vinte le elezioni farsa con l'88% dei voti - cover Putin1 - Gay.it

Russia, il regime di Putin durerà almeno fino al 2030. Vinte le elezioni farsa con l’88% dei voti

News - Redazione 18.3.24
Russia LGBTQI+ Repressione 2023 - foto di Politico.com (2015)

Russia, irruzione della polizia nei bar e club LGBT di Mosca, arresti

News - Redazione Milano 2.12.23
Russia LGBT - terapia riparativa

Russia: “curare le persone LGBTI”, smascherati 12 enti che operano indisturbati tra abusi fisici, sessuali e psicologici

Corpi - Francesca Di Feo 5.3.24
Transgender triptorelina

Cos’è la triptorelina e come viene utilizzata nelle terapie di affermazione di genere per l* adolescenti

Corpi - Francesca Di Feo 14.3.24
Triptorelina - immagine di repertorio

Gran Bretagna, stop ai farmaci salva vita bloccanti della pubertà per bambinǝ e adolescenti transgender e gender non conforming

Corpi - Francesca Di Feo 14.3.24
Transgender triptorelina

Triptorelina, 35 associazioni trans* ed LGBTQIA+ chiedono di partecipare al tavolo tecnico per la revisione dei protocolli

Corpi - Francesca Di Feo 28.3.24
Associazioni LGBTQIA+ italiane in piazza per dire basta alla criminalizzazione degli attivisti russi - sit in Russia 8 - Gay.it

Associazioni LGBTQIA+ italiane in piazza per dire basta alla criminalizzazione degli attivisti russi

News - Redazione 11.1.24
giappone-corte-suprema-diritti-trans

Giappone, sì all’autodeterminazione delle persone trans da parte della Corte Suprema

News - Francesca Di Feo 26.10.23