Lovers Film Festival di Torino 2021, i vincitori: trionfa Swan Song di Todd Philips

Nel film Udo Kier interpreta Pat Pitsenberg, un anziano parrucchiere gay che rappresenta e ricorda la vita e le condizioni sociali delle persone lgbt dagli anni 60 gli anni 90.

Lovers Film Festival di Torino 2021, i vincitori: trionfa Swan Song di Todd Philips - OFF Swan Song 3 1 - Gay.it
4 min. di lettura

Lovers Film Festival di Torino 2021, i vincitori: trionfa Swan Song di Todd Philips - OFF Swan Song 2 - Gay.itSono stati annunciati i vincitori del trentaseiesimo Lovers Film Festival, con Swan Song di Todd Philips vincitore del premio più ambito, l’Ottavio Mai, per una somma di 1000 euro. Giurati 4 studenti dell’Università degli Studi di Torino (Jessica Tripodi, Davide Tiberga, Michelangelo Morello, Yulia Neproshina), presieduti e coordinati da Costantino della Gherardesca. Questa la motivazione.

Nel film l’attore di culto Udo Kier, 76 anni, porta quello che potrebbe essere un vero e proprio canto del cigno sullo schermo grazie ad una performance spettacolare che regge tutto il film. Il regista Todd Stephens affronta il tema sociale estremamente attuale della solitudine ma soprattutto il tema della memoria. Udo Kier interpreta Pat Pitsenberg, un anziano parrucchiere gay della provincia americana che rappresenta e ricorda la vita e le condizioni sociali delle persone lgbt dagli anni 60 gli anni 90. Il Film ci ricorda il coraggio delle persone LGBT in anni in cui erano costrette a prendere in mano il proprio destino ed imporre la propria identità senza attendere permessi o riconoscimenti. Il Film sottolinea la normalizzazione del mondo lgbt negli Stati Uniti contrapponendo il presente ad anni del XX secolo in cui essere gay comportava inevitabili compromessi ma anche uno stile di vita contro-culturale e libertino.

Lovers Film Festival di Torino 2021, i vincitori: trionfa Swan Song di Todd Philips - OFF Dramarama 2 - Gay.it

Menzione Speciale a Dramarama di Jonathan Wysecki, perché il “film affronta il tema del coming out in un ambiente americano cristiano degli anni ‘90, con una sceneggiatura profonda e quasi teatrale e una recitazione di ensemble ben riuscita nonostante la giovane età degli attori”.

A vincere la sezione documentari Real Lovers, 4 studenti dell’Università degli Studi di Torino (Matteo Masi, Cristian Cerutti, Giulia Seccia, Chiara Iurlaro) presieduti e coordinati da Adele Tulli, il premio offerto da Ucca Aps, Arci Torino e Altera di 500 euro è andato a Limiar di Coraci Ruiz. Questa la motivazione.

Attraverso un racconto intergenerazionale, la regista si confronta con il percorso di transizione del figlio, riuscendo a far emergere con grande delicatezza un dialogo profondo sulle dimensioni personali e politiche legate all’identità di genere. Documentando anche l’evoluzione del pensiero e delle lotte femministe in Brasile, il film risulta essere un’opera profondamente intimista che ci comunica il messaggio urgente della concezione fluida di un genere che scardina le sue soglie tradizionali.

Lovers Film Festival di Torino 2021, i vincitori: trionfa Swan Song di Todd Philips - OFF Threshold 1 1 - Gay.it

Menzione speciale a Socks on Fire di Bo McGuire, che “racconta in pieno stile queer la discriminazione nel profondo sud degli Stati Uniti, il film riesce a trattare l’omofobia come vera e propria forma d’orrore. L’ibridazione tra realtà e finzione serve a ricercare le radici dell’odio, per affrontarlo e dargli fuoco“.

La giuria cortometraggi, ovvero 4 studenti della Scuola Holden di Torino (Matteo Di Lizia, Giulio Arras, Cecilia Bardini, Irene Filippi) presieduti e coordinati da Francesco Foschini, hanno assegnato il premio di 300 euro sostenuto da Sicurezza & Lavoro a Snake di Andrey Volkashi, “per la preziosa ricerca d’archivio. Per la sensibilità e lo sguardo del regista che consegna la sua coscienza poetica al pubblico, in un dialogo armonioso tra linguaggio visivo e sonoro”.

Lovers Film Festival di Torino 2021, i vincitori: trionfa Swan Song di Todd Philips - OFF LA NAVE DEL OLVIDO 1 1 - Gay.it

Menzione Sperciale a Dal giorno finché sera di Alessandro Gattuso. Il premio Torino Pride, deciso dai giurati Stefania Basso, Tosca Cellini, Gigi Malaroda, Angela Mazzoccoli e Giziana Vetrano, è stato assegnato al film giudicato più efficace nell’esprimere il passaggio di senso tra generazioni diverse, pronte ad accogliere le nuove istanze identitarie: La nave del olvido di Nicol Ruiz, che ” reinterpreta, anche attraverso un eccellente uso della fotografia, il “realismo magico” della letteratura latinoamericana nella chiave di esseri extraterrestri che forse indicano un percorso per uscire dalla convenzionalità sociale. Il fim pone al centro la figura di una donna socialmente umile ed apparentemente senza grandi strumenti culturali, che però con determinazione conquista e mantiene alto il diritto all’autodeterminazione ed alla ricerca della felicità, andando controcorrente rispetto al mondo che la circonda ma sapendo indicare anche alle nuove generazioni un percorso da seguire”.

Il festival, da un’idea dello scrittore Willi Vaira e di Claudio Carossa, ha inoltre dedicato un riconoscimento alla memoria di Giò Stajano, una delle figure più importanti e significative della cultura LGBTQI italiana, per troppo tempo passata in secondo piano. Il premio della somma di 500 euro è assegnato a Landlocked di Timothy Hall, “per aver raccontato con rara sensibilità, forza e grande umanità una tematica profonda e sinora poco affrontata cinematograficamente, come il lento e difficile percorso di riavvicinamento tra un figlio e il proprio genitore transgender. Nuove ed intime realtà vissute tra turbamenti, sofferenze e gioie nel vicendevole imparare che la vita di ogni persona deve essere solo di reciproco amore, rispetto e comprensione. Da oggi e per sempre, basta odio, basta violenza e la complice ignoranza”.

Lovers Film Festival di Torino 2021, i vincitori: trionfa Swan Song di Todd Philips - OFF JUMP DARLING 2 2 scaled - Gay.it

Il Premio “giovani” Matthew Sheppard, assegnato da 4 studenti (Alice Viscogliosi, Marta Rabellino, Martina Braconaro, Miriam Mussone, Noemi Mussone) presieduti e coordinati da Walter Revello, presidente di Libere Gabbie, è andato a Jump, Darling di Phil Connell, “per aver raccontato con potenza visiva ed emotiva il confronto generazionale nell’accettazione di sè, dei propri limiti, dei propri sogni e averci ricordato che non è mai troppo tardi per prendere in mano le redini della propria vita”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora - Sephora bigmama - Gay.it

Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora

News - Gay.it 14.6.24
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Maluma, Leto, Scilla, Ghali, Mendes e tanti altri - specchio specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Maluma, Leto, Scilla, Ghali, Mendes e tanti altri

Corpi - Redazione 14.6.24
Prisma 2 Andrea Daniele scena sesso Lorenzo Zurzolo Mattia Carrano 01

Prisma 2, spoiler: la scena di sesso tra Andrea e Daniele non è gay, Bessegato: “Non sono una coppia gay”

Serie Tv - Mandalina Di Biase 11.6.24
Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l'omofobia - Dennis Gonzalez - Gay.it

Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l’omofobia

Corpi - Redazione 13.6.24
L'Amante dell'Astronauta, l'amore queer "spudoratamente felice" che abbatte limiti ed etichette - Lamante dellastronauta 05 - Gay.it

L’Amante dell’Astronauta, l’amore queer “spudoratamente felice” che abbatte limiti ed etichette

Cinema - Federico Boni 14.6.24

Continua a leggere

The Visitor, recensione. Il Teorema politico, depravato e sovversivo di Bruce LaBruce - OFF The Visitor 05 - Gay.it

The Visitor, recensione. Il Teorema politico, depravato e sovversivo di Bruce LaBruce

Cinema - Federico Boni 18.4.24
Riley, recensione. Essere un atleta gay. Il potente coming-of-age autobiografico di Benjamin Howard - OFF Riley 03 CourtesyofWindsorFilmCompany 1 - Gay.it

Riley, recensione. Essere un atleta gay. Il potente coming-of-age autobiografico di Benjamin Howard

Cinema - Federico Boni 20.4.24
Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente - close to you 01 - Gay.it

Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente

Cinema - Federico Boni 19.4.24
Lovers 2024, il programma con tutti i film e gli ospiti. Da Rupert Everett a BigMama e Fabio Canino - OFF Throuple 02 - Gay.it

Lovers 2024, il programma con tutti i film e gli ospiti. Da Rupert Everett a BigMama e Fabio Canino

Cinema - Federico Boni 11.4.24
Lovers 2024, i vincitori. Trionfa la coppia di pensionati in crisi di Les Tortues di David Lambert - OFF Les Tortues Turtles 02 - Gay.it

Lovers 2024, i vincitori. Trionfa la coppia di pensionati in crisi di Les Tortues di David Lambert

Cinema - Redazione 21.4.24
Maria Grazia Cucinotta: "Bisognerebbe crescere i bambini liberi di vedere l'amore in ogni sua forma" - Maria Grazia Cucin 1 - Gay.it

Maria Grazia Cucinotta: “Bisognerebbe crescere i bambini liberi di vedere l’amore in ogni sua forma”

Culture - Federico Boni 17.4.24
Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria - Lil Nas X - Gay.it

Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria

Cinema - Federico Boni 22.4.24
Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24