A Sanremo sventola bandiera Mengoni, che questa sera aprirà il festival

"Amadeus ha portato tutte le sfumature rainbow della musica, è stato impeccabile". Ma il direttore artistico categorico: "Fuori la politica dall'Ariston".

ascolta:
0:00
-
0:00
Marco Mengoni - Sanremo 2024
Marco Mengoni - Sanremo 2024
4 min. di lettura

in aggiornamento

Alla conferenza stampa dedicata alla prima serata del Festival, Mengoni spiega:

Quello che sento è di non essermi mai staccato da Sanremo, come se avessi sempre vissuto qua. Sono una persona fortunata, non tutti hanno questa possibilità – molti amici mi invidiano perché potrò dire cose tipo “Dirige l’orchestra il maestro…. canta….”. Ecco vedete, sto sudando come sempre, anche se fingo benissimo e anche stasera ce la farò a non apparire emozionato e tremolante. Ho studiato tanto, ho studiato 74 anni di Sanremo e ho ripescato alcune cose. Vorrei ringraziare Amadeus che mi ha lasciato fare, i miei autori. Ciò che volevo proporre è stato accettato, io faccio un altro mestiere ed entro in punta di piedi per provare a dare il mio contributo.

Questa sera farò un po’ di cose: il mio mestiere (fare musica), ci sarà ‘Due vite’, ci sarà una dimensione lunare sul palco. Farò un po’ di canzoni che mi hanno permesso di essere qui oggi. Durante la serata cercherò di non sbagliare i nomi e di non impappinarmi e cercherò di essere chiaro nella dizione e di non emozionarmi. Proverò ad essere me stesso, uno che prova a fare il serio ma che poi è goffo. Ci saranno tante persone con cui mi esibisco, la scena si riempirà di umanità.

Il mio stile di moda rispetta il mio modo di vivere ed essere. Durante le sedute di psicoterapia settimanali mi confronto con me stesso ed è vero che sembro più giovane grazie alla moda e questo dice qualcosa di me, perché sono finalmente a uno stadio della mia vita in cui non voglio essere pesante come ero un tempo, voglio divertirmi e non farmi travolgere dalla pressione e dalle aspettative. Voglio divertirmi, per me, per chi non c’è più, per chi non può esserlo. Per troppo tempo ho pensato troppo, voglio ora leggerezza. E posso dire questo: io sono contento di essere me, nel bene e nel male.

Ho riguardato con molta gioia i vecchi Sanremo, ho riscoperto Anna Marchesini e sono pazzo di lei, posso dire che lei mi ispirerà molto nella conduzione di stasera. Io anche nella vita nei momenti di imbarazzo, mi salvo facendo le voci. Lo faccio anche con i miei amici.

Non credo si debba uscire dalla fragilità, ma bisogna trovare gli strumenti per gestirla, educandoci. Io mi aiuto con una psicoterapeuta e con lei parlo di tutto, dico tutti i miei pensieri e li chiamo giochi.

Sanremo è il palco più importante, Amadeus ha portato tutte le sfumature rainbow della musica, è stato impeccabile. Ai giovani che iniziano, posso dire che non sono tutte paillettes e lustrini, che io posso indossare liberamente solo dopo un lavoro su me stesso, ma a loro dico che devono rendersi conto che lavorano 24 ore su 24 e devono allenare la propria emotività per gestire la pressione, perché è la cosa più difficile.

Non posso dire di auspicare la vittoria di una donna, ma auspico la vittoria di un bel brano. Non ho ascoltato tutte le canzoni in gara, e non posso sbilanciarmi.

Dopo la vittoria con Due vite l’anno scorso, Marco Mengoni torna a Sanremo come co-conduttore di Amadeus della prima serata del festival. Sarà lui il primo ad apparire sul palco dell’Ariston questa sera, quando si aprirà il sipario sulla 74° edizione del Festival della Canzone Italiana. Secondo indiscrezioni, la scaletta prevede che Marco dia il benvenuto, poche battute iniziali per rompere il ghiaccio.

In giro per la città l’eccitazione dei fan per Mengoni è palpabile e si propaga in tutti i meandri di quel coacervo di eventi e occasioni che circondano il Teatro Ariston. Ma l’artista è stato molto discreto e ha evitato passerelle eclatanti agli eventi mondani, attento a non oscurare i colleghi in gara. Ieri pomeriggio è apparso all’Ariston, durante le prove generali dei partecipanti. Si è accomodato in prima fila senza che quasi nessuno se ne accorgesse. Ha scambiato alcune chiacchiere con le persone del suo team e con Amadeus.

Questa sera, durante la prima serata del Festival – previste 30 esibizioni, e un orario di chiusura ottimisticamente per le ore 3 del mattino – Mengoni avrà spazio anche per il suo show, si parla di almeno 3 brani, tra cui la canzone vincitrice dell’ultima edizione, Due vite. Da pochi giorni la popstar italiana ha annunciato un nuovo capitolo del suo tour per il 2025.

Presente a Sanremo da circa una settimana, Mengoni si è preparato a lungo per affrontare questa inedita avventura di show-man, sebbene – a quanto trapela – la sua scaletta sia stata poco maneggiata dai suoi autori tv (Federico Giunta, autore fedelissimo di Alessandro Cattelan, scuderia Marta Donà, la stessa di Mengoni). “Marco è perfettamente a suo agio con le sue idee e la sua spontaneità” ci dicono “e a parte la griglia delle uscite e delle canzoni, non abbiamo dovuto inventare chissà quale siparietto”. Mengoni è del resto noto per essere un tipo dalla battuta pronta e dall’innata ironia, due talenti che lo aiuteranno su un palco capace di terrorizzare chiunque.

Non è previsto un monologo. Marco era stato protagonista nel 2022 di uno spazio di riflessione a due, L’inno alla gentilezza”, un dialogo sulla potenza distruttiva delle parole all’epoca dei social. insieme all’attore Filippo Scotti. Più spontanea e meno programmata di quanto si pensi fu invece la sbandierata della Progress Pride flag sul palco di Liverpool per l’Eurovision: Mengoni nascose la bandiera queer dentro quella italiana e si mise in fila insieme agli atri artisti.

In passato Mengoni ha chiarito ampiamente le sue posizioni a proposito della persecuzione delle famiglie arcobaleno scatenata dal Governo Meloni, dichiarando di avere paura di un governo anacronistico. Lo scorso Novembre, quando fu annunciata la sua partecipazione come co-conduttore a Sanremo, si erano alzate le proteste dell’associazione ultra-cattolica Pro Vita, che aveva definito l’artista di Ronciglione come “paladino LGBT pro-gender”.

Ma per quanto Amadeus si ostini a dire che la politica resterà fuori dall’Ariston, il festival dimostra di essere la piattaforma di dialogo politico più influente del paese. E dunque la stessa richiesta di Amadeus di tenere fuori la politica, è già un atto politico. Così come accogliere i trattori, non pare un atto che tenga fuori la politica.

articolo in aggiornamento

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Amici 23, tutti gli allievi al Serale

Amici 23, da Dustin a Holden: tutti gli allievi al Serale

Culture - Luca Diana 25.2.24
Olivia Rodrigo in bad idea right? (2023)

Olivia Rodrigo è la rockstar (e attivista) che meritiamo: il suo Guts Tour contro le leggi anti-aborto

Musica - Riccardo Conte 26.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

Sanremo 2024, - 4. Chi vince secondo le interazioni social? Amoroso, Mannoia e Ghali davanti a tutti - Sanremo 2024 social - Gay.it

Sanremo 2024, – 4. Chi vince secondo le interazioni social? Amoroso, Mannoia e Ghali davanti a tutti

Culture - Redazione 2.2.24
Peter Gomez e Roberto D’Agostino fanno outing a Mahmood e Marco Mengoni: "Sono gay dichiarati" (VIDEO) - Mengoni e Mahmood sono gay dichiarati outing in tv - Gay.it

Peter Gomez e Roberto D’Agostino fanno outing a Mahmood e Marco Mengoni: “Sono gay dichiarati” (VIDEO)

Culture - Redazione 12.2.24
Fedez direttore artistico di Sanremo 2025? Il rapper replica allo "scoop" di Fiorello - VIDEO - scherzo fedez sanremo 2025 - Gay.it

Fedez direttore artistico di Sanremo 2025? Il rapper replica allo “scoop” di Fiorello – VIDEO

Culture - Redazione 27.10.23
Paola e Chiara, Mattia Stanga e Daniele Cabras conducono il Prima Festival 2024

Sanremo 2024, Paola e Chiara saranno le conduttrici di “Prima Festival”. Ma non saranno sole…

News - Luca Diana 24.11.23
Loredana Bertè Pazza Sanremo 2024

Sanremo 2024 è scomodo, Loredana Bertè: “Quando ti obbligano…”

Musica - Redazione Milano 28.1.24
Sanremo 2024, le classifiche radio e Spotify a poche ore dalla finale. Vola Mahmood - Sanremo 2024 le classifiche radio e Spotify alla vigilia della finale - Gay.it

Sanremo 2024, le classifiche radio e Spotify a poche ore dalla finale. Vola Mahmood

Culture - Federico Boni 10.2.24
BigMama a Sanremo 2024

Sanremo 2024, BigMama è la donna queer che ha rapito l’Ariston

Musica - Luca Diana 7.2.24
Marco Mengoni annuncia il tour negli stadi nel 2025 e rivela: “Vorrei ma non ho ancora trovato l’amore” - Marco Mengoni - Gay.it

Marco Mengoni annuncia il tour negli stadi nel 2025 e rivela: “Vorrei ma non ho ancora trovato l’amore”

Musica - Redazione 28.1.24