Marine Le Pen e i diritti LGBT: la destra francese al ballottaggio per conquistare l’Eliseo e spaccare l’Europa

Il 24 aprile andrà in scena il secondo e definitivo scontro tra Emmanuel Macron e la leader della destra estrema transalpina.

ascolta:
0:00
-
0:00
Marine Le Pen e i diritti LGBT: la destra francese al ballottaggio per conquistare l'Eliseo e spaccare l'Europa - Marine Le Pen e i diritti LGBT - Gay.it
Marine Le Pen
2 min. di lettura

5 anni fa Marine Le Pen spaventava l’Europa, arrivando al ballottaggio contro Emmanuel Macron per le presidenziali di Francia. Incassati 7.678.491 voti al primo turno, la terzogenita di Jean-Marie Le Pen si fermò ai 10.638.475 voti del secondo turno, perdendo nettamente contro l’allora 39enne, che stravinse con il 66,1% dei voti. Cinque anni dopo, con l’Europa travolta dall’invasione russa dell’Ucraina e al suo 3° tentativo per l’Eliseo, la 53enne leader dell’estrema destra transalpina punta al colpaccio, dopo aver strappato nel weekend il 23% delle preferenze al primo turno. Mai aveva incassato tanti voti, con i sondaggi che annunciano un clamoroso testa a testa in vista del ballottaggio finale. 51% Macron, 49% LePen.

Ma il Rassemblement National può davvero puntare all’Eliseo? Nelle ultime settimane Marine ha portato avanti una campagna elettorale più edulcorata e meno aggressiva del solito, quasi intimista si potrebbe dire, facendo dimenticare ai francesi i mille complimenti rivolti negli anni a Vladimir Putin, ammorbidendo la propria immagine, facendosi persino ‘simpatica’, più umana, in strada tra la gente. Chiara l’intenzione, ovvero ripulire l’immagine di un partito di estrema destra che punta all’inimmaginabile jackpot, conquistando la presidenza di Francia. Peccato che decenni di politica non si possano cancellare con un colpo di photoshop o un buon ufficio stampa.

Le idee di Marine sono ampiamente conosciute, cavalcando perfettamente la visione della destra internazionale, sovranista, estremista e populista, che tanto piace anche a Matteo Salvini e a Giorgia Meloni.

Sul fronte dei diritti LGBTQ+, Marine le Pen si è opposta alla legge del 2013 che ha esteso il matrimonio alle coppie di persone dello stesso sesso, promettendo di cambiarla nel caso in cui dovesse approdare all’Eliseo. Eppure la leader del Rassemblement National piace e non poco a molti francesi LGBTQ+. Sul tema ‘gestazione per altri’, Marine ha espresso netta contrarietà su qualsiasi ipotesi di approvazione da parte del governo francese: “È una deriva mortale per la nostra società, l’essere umano non è oggetto di consumo”.

Due ex mariti alle spalle e tre figli, perché la ‘famiglia tradizionale’ è sacra, Le Pen all’Eliseo potrebbe spaccare in due l’Europa, con Putin ad augurarsi un suo trionfo. In passato Marine ha ricevuto prestiti da banche russe quando era a capo del Front National (11 milioni di euro solo nel 2014) e si è già detta contraria ad ulteriori sanzioni nei confronti che possano coinvolgere il petrolio russo.  Dovesse vincere, la candidata del Rassemblement National  ha annunciato l’addio alla Nato da parte della Francia.

Numeri alla mano Macron sembrerebbe nettamente favorito, perchè dopo il primo turno ha ricevuto il sostegno pubblico dalla conservatrice Pécresse, dalla socialista Hidalgo, dal comunista Roussel, dal verde Jadot e soprattutto da Mélenchon, che ha invitato i suoi elettori a “non regalare neanche un voto a Le Pen”. Il pallottoliere darebbe un 60% di consensi all’attuale Presidente, con Marine appoggiata ‘solamente’ da Zemmour e da Dupont-Aignan, che hanno conquistato il 9% dei voti al primo turno, arrivando così più o meno al 35% del totale.

Ma un ballottaggio è altra cosa, la ‘rabbia’ dell’elettorato medio dopo 2 anni di Covid-19 e una guerra in corso con rialzo dei prezzi e economia stagnante potrebbero incidere sorprendentemente sul risultato finale, anche perché chi non ha votato Macron al primo turno potrebbe semplicemente rimanere a casa. Il 24 aprile andrà in scena il secondo e forse definitivo scontro tra Emmanuel e Marine. Dopo le vittorie del serbo Vucic e dell’ungherese Orban, l’eventuale trionfo dell’ultradestra in Francia potrebbe essere il punto di non ritorno verso un’Europa mai più unita.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

queer palm, festival di cannes, i vincitori

Festival di Cannes. Tutti i film vincitori della Queer Palm dal 2010 ad oggi

Cinema - Gio Arcuri 17.5.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24
Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Taiwan, la drag queen Nymphia Wind si esibisce per la presidente uscente Tsai Ing-wen (VIDEO) - Nymphia Wind - Gay.it

Taiwan, la drag queen Nymphia Wind si esibisce per la presidente uscente Tsai Ing-wen (VIDEO)

News - Redazione 17.5.24

Hai già letto
queste storie?

I repubblicani d'America presentano legge per bandire le atlete trans dalla squadra olimpica - Laurel Hubbard 1 - Gay.it

I repubblicani d’America presentano legge per bandire le atlete trans dalla squadra olimpica

News - Federico Boni 7.2.24
Steven Miles, il pornodivo bisessuale, Proud Boy e trumpiano, condannato a 24 mesi di carcere per l'assalto a Capitol Hill - Steven Miles - Gay.it

Steven Miles, il pornodivo bisessuale, Proud Boy e trumpiano, condannato a 24 mesi di carcere per l’assalto a Capitol Hill

News - Redazione 20.2.24
Jill Biden: "Donald Trump è pericoloso per la comunità LGBTQ+ e per gli Stati Uniti" - Jill Biden - Gay.it

Jill Biden: “Donald Trump è pericoloso per la comunità LGBTQ+ e per gli Stati Uniti”

News - Redazione 16.4.24
sondrio-manifesti-provita

Sondrio, anche qui spuntano i manifesti ProVita: “Basta confondere l’identità sessuale dei bambini”

News - Francesca Di Feo 11.12.23
Libri omocausto Gay.it

Storie dall’omocausto: cinque libri per saperne di più

Culture - Federico Colombo 24.1.24
vladimir putin russia

Russia, il movimento LGBTQIA+ ufficialmente equiparato alle organizzazioni terroristiche

News - Redazione 22.3.24
Aleksander Miszalski al cracovia pride

Polonia, il nuovo sindaco di Cracovia si unirà al Pride e isserà la bandiera rainbow sul Municipio

News - Francesca Di Feo 10.5.24
A sin: Giorgia Meloni con Elena Donazzan (è noto che la prima non ami la seconda) - a destra Cloe Bianco

Nessuna pace per Cloe Bianco, Elena Donazzan sarà candidata alle Europee da Fratelli d’Italia

News - Redazione Milano 7.12.23