Nel Contratto della Scuola c’è la carriera alias per prof. trans. Lega e FDI costretti a silenziare la propria transfobia

Quell'articolo 21, novità assoluta del nuovo Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del personale del comparto Istruzione e ricerca, non si può toccare.

ascolta:
0:00
-
0:00
trans non binario intervista video Il Liceo Artistico Brera di Milano ha introdotto le carriere alias
non binary trans non binario intervista video Il Liceo Artistico Brera di Milano ha introdotto le carriere alias
4 min. di lettura

Il 14 luglio 2023 alle ore 17:50 ha avuto luogo l’incontro tra l’A.Ra.N. e le Organizzazioni e Confederazioni sindacali rappresentative del Comparto Istruzione e ricerca. Al termine della riunione l’agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni e sindacati (ad esclusione della UIL) hanno sottoscritto l’ipotesi di CCNL del personale del comparto Istruzione e ricerca relativo al periodo 2019-2021, contratto che era ancora “vacante” e che si può quasi definire storico, perché contenente non poche novità sul fronte dei diritti delle persone trans.

L’articolo 21, che nel precedente contratto non c’era, parla di “Transizione di genere“, con novità davvero importanti.

Al fine di tutelare il benessere psicofisico di lavoratori transgender, di creare un ambiente di lavoro inclusivo, ispirato al valore fondante della pari dignità umana delle persone, eliminando situazioni di disagio per coloro che intendono modificare nome e identità nell’espressione della propria autodeterminazione di genere, le Amministrazioni saranno chiamate a riconoscere un’identità alias al dipendente che ha intrapreso il percorso di transizione di genere di cui alla legge n. 164/1982 e s.m.i. e ne faccia richiesta tramite la sottoscrizione di un Accordo di riservatezza confidenziale.

Una carriera alias che riguarderà, ad esempio, il cartellino di riconoscimento, le credenziali per la posta elettronica, la targhetta sulla porta d’ufficio, eventuali tabelle di turno orari esposte negli spazi comuni, nonché divise di lavoro corrispondenti al genere di elezione della persona e la possibilità di utilizzare spogliatoio e servizi igienici neutri rispetto al genere, se presenti, o corrispondenti all’identità di genere del lavoratore.

Non si conformoreranno all’identità alias e resteranno pertanto invariate tutte le documentazioni e tutti i provvedimenti attinenti al dipendente in transizione di genere che hanno rilevanza strettamente personale (come ad esempio la busta paga, la matricola, i provvedimenti disciplinari) o la sottoscrizione di atti e provvedimenti da parte del lavoratore interessato.

Una svolta a lungo attesa per gli e le insegnanti transgender, a poco più di un anno dal suicidio di Cloe Bianco, professoressa umiliata e discriminata anche dalla destra nazionale solo e soltanto perché trans. “Il nuovo contratto segna un importante passo avanti verso una sempre maggiore valorizzazione di tutto il personale della scuola, sia docenti sia Ata”, ha commentato Giuseppe Valditara, ministro leghista dell’istruzione e del merito che non ha fatto minimamente riferimento a quell’articolo 21, forse perché indigesto al proprio partito e alla stessa maggioranza di governo.

Lo scorso febbraio, alla vigilia delle elezioni regionali in Lazio e in Lombardia, proprio la Lega si era scagliata contro la carriera alias nelle scuole, seguita a ruota da Fratelli d’Italia. A fine 2022 Pro Vita e Famiglia aveva diffidato 150 scuole, chiedendo proprio l’intervento del ministro, affinché vietasse quella Carriera Alias che consente agli studenti trans* di cambiare nome e genere a scuola ancor prima dei 18 anni e di un eventuale compimento del percorso giuridico relativo al cambiamento ufficiale di sesso. Al di fuori dell’università o della scuola la carriera alias non ha alcun valore legale: non sostituisce un documento d’identità.

Adesso la svolta a cui neanche il governo Meloni ha potuto dire di no, perché come sottolineato dal ministro Valditara a Il Fatto Quotidiano, simile articolo è ormai “presente in tutti i contratti” del settore pubblico. Scuola compresa. L’ipotesi di contratto dovrà ora superare tutti i controlli del Mef e della Funzione pubblica sulla parte economica, ma quell’articolo 21 non sarà comunque cancellabile, come rimarcato dalla segretaria della Flc Cgil Gianna Fracassi e dalla segretaria della Cisl Scuola Ivana Barbacci.

Questo articolo è stato inserito con la volontà di tutti e non c’è possibilità che venga modificato“, ha detto Barcacci al Fatto Quotidiano. “Non l’abbiamo ancora pubblicizzato perché stiamo facendo la sintesi dei temi di maggiore diffusione; questo è un argomento particolare che riguarda una fascia precisa di lavoratori. Lo valorizzeremo. Nessuno ha posto questioni, l’abbiamo anche perfezionato. È un diritto significativo come i tre giorni di permesso retribuito ai precari che è costato 74 milioni di euro”.

Come potranno ora Lega e Fratelli d’Italia tornare a tuonare contro la carriera alias nelle scuole? All’interno del nuovo Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del personale del comparto Istruzione e ricerca c’è anche l’articolo 18, che va ad abrogare l’art. 19 del CCNL 19/04/2018, tutto dedicato  alle unioni civili.

Al fine di assicurare l’effettività della tutela dei diritti e il pieno adempimento degli obblighi derivanti dall’unione civile tra persone dello stesso sesso di cui alla legge n. 76/2016, le disposizioni di cui al presente CCNL riferite al matrimonio, nonché le medesime disposizioni contenenti le parole «coniuge», «coniugi» o termini equivalenti, si applicano anche ad ognuna delle parti dell’unione civile“, si legge. Non ci sarà quindi più alcuna distinzione  tra insegnanti uniti in matrimonio e con unione civile.

Qui tutti i 178 articoli del nuovo contratto.

Nel Contratto della Scuola c’è la carriera alias per prof. trans. Lega e FDI costretti a silenziare la propria transfobia - Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del personale del comparto Istruzione e ricerca 1 - Gay.itNel Contratto della Scuola c’è la carriera alias per prof. trans. Lega e FDI costretti a silenziare la propria transfobia - Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del personale del comparto Istruzione e ricerca 2 - Gay.itNel Contratto della Scuola c’è la carriera alias per prof. trans. Lega e FDI costretti a silenziare la propria transfobia - Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del personale del comparto Istruzione e ricerca - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24
Amadeus, Sanremo Giovani 2023

Sanremo verso Mediaset, Amadeus in onda sul NOVE già a fine agosto con tre programmi

Culture - Mandalina Di Biase 18.4.24
Charli XCX e Troye Sivan partono in tour insieme

Charli XCX e Troye Sivan annunciano un tour insieme: “È l’evento gay della stagione”

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
Angelina Mango Marco Mengoni

Angelina Mango ha in serbo una nuova canzone con Marco Mengoni e annuncia l’album “poké melodrama” (Anteprima Gay.it)

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri - Specchio specchio delle mie brame la sexy gallery social vip - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Bad Bunny, Leto, Scilla, Carta, Camilli e altri

Culture - Redazione 16.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

San Lazzaro di Savena, la sindaca Conti registra il figlio di PierFilippo e Nino: "Non potevo restare indifferente" - San Lazzaro di Savena la sindaca Conti registra il figlio di PierFilippo e Nino - Gay.it

San Lazzaro di Savena, la sindaca Conti registra il figlio di PierFilippo e Nino: “Non potevo restare indifferente”

News - Federico Boni 14.12.23
Dopo i fuorionda di Striscia la Notizia Giorgia Meloni lascia Andrea Giambruno: "La nostra relazione finisce qui" - Giorgia Meloni e Andrea Giambruno 2 - Gay.it

Dopo i fuorionda di Striscia la Notizia Giorgia Meloni lascia Andrea Giambruno: “La nostra relazione finisce qui”

News - Federico Boni 20.10.23
reintegrato-coordinatore-cittadino-fdi-omofobo

Dentro Fratelli d’Italia se sei omofobo fai carriera: la storia di Alessio Butti

News - Francesca Di Feo 1.12.23
L’eurodeputata leghista Basso contro i manifesti pro famiglie arcobaleno di Ravenna: "Chiederò spiegazioni a Bruxelles" - Leurodeputata leghista Basso - Gay.it

L’eurodeputata leghista Basso contro i manifesti pro famiglie arcobaleno di Ravenna: “Chiederò spiegazioni a Bruxelles”

News - Redazione 8.1.24
spadafora

Vincenzo Spadafora: “Sono gay e cattolico praticante, voglio portare avanti l’adozione per i single”

News - Redazione 14.3.24
elly schlein partio democratico

Abruzzo al voto, Elly Schlein: “Ci battiamo per il diritto delle donne a scegliere del proprio corpo”

News - Redazione 8.3.24
Gabriel Attal: “Francesi vuol dire poter essere premier rivendicando apertamente la propria omosessualità” - VIDEO - Gabriel Attal 1 - Gay.it

Gabriel Attal: “Francesi vuol dire poter essere premier rivendicando apertamente la propria omosessualità” – VIDEO

News - Redazione 31.1.24
Sardegna Partito Gay

Il Partito Gay Lgbt+ appoggia Alessandra Todde alle regionali in Sardegna

News - Lorenzo Ottanelli 23.1.24