NON CAPISCO L’ODIO PER I GAY

Parla Corso Salani, regista di film di qualità ma low budget, e protagonista gay di 'Il vento di sera' di Andrea Adriatico. "Mi ha fatto scoprire le coppie di fatto".

NON CAPISCO L'ODIO PER I GAY - Corso Salani 2 - Gay.it
4 min. di lettura

Corso Salani è una figura davvero particolare del cinema italiano: attore impegnato e schivo al jet-set (era il giornalista Rocco Ferrante, l’intenso protagonista de ‘Il muro di gomma‘ di Marco Risi sulla strage di Ustica), regista di un cinema di ricerca a basso costo incentrato sui sentimenti e sulla memoria , è anche un gran viaggiatore e scopritore di terre lontane (dalla base americana ad Aviano in ‘Occidente‘, quasi una ‘no man’s land’ di frontiera, fino alle coste argentine di ‘Cono Sur‘ e a quelle cilene di ‘Palabras‘).

NON CAPISCO L'ODIO PER I GAY - Il vento di sera6 - Gay.it

E’ lui l’interprete principale del bel film gay italiano ‘Il vento, di sera‘ di Andrea Adriatico, una profonda opera d’autore che scava a fondo nel dramma assurdo, inspiegabile, della perdita da parte di un omosessuale del proprio compagno ucciso perché ha assistito a un omicidio che ricalca il caso Biagi. Un film notturno dalla regia elaborata e con un uso molto particolare del suono che dà un senso preciso al peregrinare disperato del protagonista, la cui interpretazione sobria e sofferta dimostra la composta bravura di Corso Salani.
Gay.it l’ha raggiunto in Polonia, dove sta effettuando dei sopralluoghi per un documentario.
Come sei diventato il protagonista de ‘Il vento, di sera’?
Non conoscevo nessuno della produzione. Poi ho incontrato Andrea Adriatico. Mi sono subito appassionato al progetto.
Hai accompagnato il film a Berlino, dove è stato presentato al Forum Internazionale del Nuovo Cinema?
No, non sono potuto andare ma so che è stato accolto molto bene.
Per molti attori italiani interpretare un omosessuale è un problema. Nel tuo caso?
E’ una cosa che non capisco. Un gay è un personaggio come un altro. Recitare è anche quello, entrare in un ruolo diverso da sé. Per me non c’è stato nessun problema. La sceneggiatura, poi, mi aveva colpito molto.
Il tuo registro interpretativo è molto calibrato, si tratta di un gay estremamente ‘misurato’…

NON CAPISCO L'ODIO PER I GAY - Il vento di sera - Gay.it

Abbiamo scelto di non calcare la mano. E’ stata anche una decisione di Andrea. Il protagonista potrebbe essere anche etero, non farebbe molta differenza. Ero più interessato all’aspetto legale delle coppie di fatto che non conoscevo, come l’impossibilità in Italia di assistere un malato in ospedale se non si è un parente. Sono molto contento di aver scoperto questa realtà.
Sei favorevole al matrimonio gay?
Sto con una ragazza polacca che ho sposato perché potesse stare in Italia. Spesso il matrimonio è più una comodità per avere vantaggi pratici. Sono comunque assolutamente a favore del matrimonio omosessuale. Non capisco questa strenua opposizione contro i gay, il problema è che viviamo in uno stato religioso e non laico.
E riguardo all’adozione dei bambini?
Non lo so, sono molto lontano dalla questione adozione. Io e la mia compagna non ne vogliamo…
Tornando al cinema, parlaci de ‘Il muro di gomma’.
Loro hanno scelto me. E’ un film a cui sono molto affezionato per il significato civile che ha. Ho partecipato anche a proiezioni nelle scuole, parla di valori famigliari estremamente importanti. E’ pazzesco che dopo così tanti anni non si sappia ancora nulla della tragedia di Ustica.
Tu sei un esperto di cinema a basso costo, hai anche tenuto un corso su questo argomento a Buenos Aires. E’ una scelta o più una necessità?

NON CAPISCO L'ODIO PER I GAY - Corso Salani - Gay.it

E’ più una necessità. Comunque mi sono trovato bene col low budget, non è un peso. Posso fare i film che desidero e posso girare in posti lontani.
Spesso nei tuoi film ci sono donne e uomini abbandonati, come mai?
Mi interessa indagare che cosa lasciano le esperienze amorose. Attraverso la memoria si rivive l’intensità della passione in un modo diverso. E’ uno spunto notevole.
E la passione per le terre lontane?
Spesso le storie nascono in quei posti, luoghi anche desolati. Di solito parto da un luogo e da un personaggio. Ma i luoghi fanno da sfondo. Anche Bologna, ne ‘Il vento, di sera’ è una città irriconoscibile, non è per nulla cartolinesca. Ricordiamo che a Bologna ci sono state le stragi più efferate degli ultimi anni.
Si potrà vedere in tutta Italia il tuo ultimo film ‘Palabras’?
Sì, ha una distribuzione scaglionata molto simile a ‘Il vento, di sera’. Arriverà.
Di che cosa tratta invece ‘Corrispondenze private’, presentato due anni fa al Torino Film Festival?
E’ uno studio dei miei lavori precedenti: una sorta di omaggio ai volti e alle parole delle attrici incontrate attraverso gli anni.
A che cosa stai lavorando adesso?
A un documentario su quattro ritratti femminili della Comunità Europea. Stiamo facendo molte ricerche.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Sara Drago

Sara Drago: “La realtà è piena di diversità, sarebbe bellissimo interpretare un uomo” – intervista

Cinema - Luca Diana 11.5.24
Sethu, è uscito il suo primo album "Tutti i colori del buio"

Sethu e i colori del buio: “Canto per tendere una mano a me stesso e agli altri, dopo Sanremo la depressione” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.5.24
Sarah Toscano, Amici 23

Sarah Toscano vince Amici 23: è lei la popstar del futuro

Culture - Luca Diana 19.5.24
Sergio Mattarella 17 maggio giornata internazionale contro omofobia transfobia bifobia

17 maggio, Mattarella contro l’omobitransfobia: “Non è possibile accettare di rassegnarsi alla brutalità”

News - Redazione 17.5.24

Continua a leggere

We Are the World, l'imperdibile doc Netflix che racconta la notte che ha cambiato il pop - The Greatest Night in Pop A2021 2 4 462 1a 001 - Gay.it

We Are the World, l’imperdibile doc Netflix che racconta la notte che ha cambiato il pop

Cinema - Federico Boni 1.2.24
Ilary Blasi, Unica

Ilary Blasi e il suo revenge docufilm: la recensione di “Unica”

Cinema - Luca Diana 26.11.23
Oscar 2024, le speranze LGBTQIA+ in prospettiva nomination tra film, registi, attori e attrici - oscar lgbt 2024 - Gay.it

Oscar 2024, le speranze LGBTQIA+ in prospettiva nomination tra film, registi, attori e attrici

Cinema - Federico Boni 30.11.23
Challengers vola al box office, è il primo film di Luca Guadagnino a conquistare gli USA - Challengers 1 - Gay.it

Challengers vola al box office, è il primo film di Luca Guadagnino a conquistare gli USA

Cinema - Redazione 29.4.24
David di Donatello 2024, Milena Vukotic Premio alla Carriera - Milena Vukotic Credits ph. Fiorenzo Niccoli - Gay.it

David di Donatello 2024, Milena Vukotic Premio alla Carriera

Cinema - Redazione 10.4.24
Sei nell'Anima, data d'uscita e primo teaser trailer del film dedicato alla vita di Gianna Nannini - Gianna Nannini SEI NELLANIMA. Il biopic 1 - Gay.it

Sei nell’Anima, data d’uscita e primo teaser trailer del film dedicato alla vita di Gianna Nannini

Cinema - Redazione 1.2.24
Rustin, il film sul celebre attivista LGBTQIA+ è arrivato su Netflix - RSTN 20220808 29938 R f - Gay.it

Rustin, il film sul celebre attivista LGBTQIA+ è arrivato su Netflix

Cinema - Federico Boni 30.11.23
Anne Hathaway in Eileen (2023)

Eileen, il film con Anne Hathaway: tra ossessione e donne ‘disgustose’

Cinema - Riccardo Conte 1.12.23