Omicidio Varani: chieste le aggravanti della crudeltà e dei futili motivi per Foffo e Prato

I due hanno agito col solo scopo di "far male a qualcuno".

Omicidio Varani: chieste le aggravanti della crudeltà e dei futili motivi per Foffo e Prato - varani - Gay.it
2 min. di lettura

C’era da aspettarselo: la procura di Roma ha richiesto il rinvio a giudizio per Manuel Foffo e Marc Prato, accusati di aver ucciso Luca Varani il 4 marzo scorso alla periferia di Roma. Oltre alla premeditazione, per i due indagati vengono proposte le aggravanti della crudeltà e dei futili motivi.

 

Il pm Francesco Scavo, nel provvedimento di chiusura dell’indagine, ha scritto che i due presunti assassini “dopo aver fatto entrambi ripetuto uso di sostanze alcoliche e stupefacenti nei giorni antecedenti” l’omicidio, la notte del 3 marzo sono usciti dalla casa di Foffo e hanno “girato in macchina per le vie di Roma alla ricerca di un qualsiasi soggetto di uccidere o comunque da aggredire al solo fine di provocargli sofferenze fisiche e togliergli la vita“. Tornati a casa, all’alba del 4, i due hanno telefonato a Varani invitandolo a recarsi nell’appartamento.

Quando Luca è arrivato, i due lo “hanno fatto denudare”, scrive sempre il pm, per ottenere una prestazione sessuale e gli hanno offerto una bevanda con uno psicofarmaco che “lo stordiva a tal punto da costringerlo a recarsi in bagno”: lì ha avuto inizio l’atroce massacro che si è concluso in camera da letto dopo due ore di agonia.

Le indagini hanno confermato la ricostruzione secondo cui sono stati i due indagati a uccidere Varani a coltellate e colpi di martello. Luca Varani è stato sottoposto ad un’agonia interminabile: secondo l’autopsia gli assassini si sono accaniti prima con il martello sulla testa e sulla bocca, poi hanno tentato di strangolarlo con una corda di nylon e subito dopo lo hanno massacrato alla gola con i coltelli da cucina. Almeno trenta le ferite sul petto e alla testa, inferte solo per vederlo soffrire. La vittima è morta dissanguata.

Secondo quanto raccontato da Manuel Foffo, dopo averlo commesso lui e Marc hanno dormito a fianco del cadavere per circa sei ore. Poi, nel pomeriggio, sono usciti per liberarsi degli abiti sporchi e del telefono della vittima. Alla sera Prato si è fatto accompagnare dall’amico in un albergo di piazza Bologna, dove il sabato avrebbe tentato il suicidio.

Foffo invece ha trascorso la notte nell’appartamento del massacro, dormendo su un divano, a pochi metri dal cadavere. La mattina del 5 marzo, Manuel ha raccontato al padre l’accaduto e ha deciso di costituirsi. Quando gli inquirenti gli hanno chiesto perché avessero ucciso Luca, Foffo ha detto solo: “Volevamo fare male a qualcuno”. Sulla base di questa ricostruzione sono state richieste le aggravanti della crudeltà e dei futili motivi.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Luigi C 17.1.17 - 7:44

Non comprendo l'espressione dell'articolo :" c'era da aspettarselo...". Queste due belve umane non hanno diritto ad alcuna considerazione , non avendone loro avuta nei confronti della loro vittima. Ed è , per il CP , un'aggravante essersi messi in condizioni di esaltazione per droghe od alcool.

Avatar
Mauro Magoelite Casotti 22.12.16 - 7:20

Ne conosciamo di storie di orrore, ma non so perchè questa disturba e innervosisce, inquieta più di tutte le altre, da Cogne a Garlasco passando per Sara Scazzi. Non si riesce a immaginare un'accanimento simile contro un ragazzo "random", per il piacere in se della crudeltà. E' una cosa che toglie sonno e ragione a chi l'ascolta.

Trending

I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The Tv Glow: guarda il trailer dell’attesissimo film horror trans* – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 29.2.24
Alberto De Pisis

Alberto De Pisis, tra carriera, amori e speranze per il futuro: “Mi piacerebbe diventare papà” – intervista

Culture - Luca Diana 28.2.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
FR*CINEMA

A Roma arriva FR*CINEMA, tra film queer e riappropriazione culturale

Cinema - Redazione Milano 28.2.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
Roberto Vannacci Paola Egonu Matteo Salvini

Vannacci sospeso dall’Esercito Italiano, Egonu lo querela, Salvini lo difende

News - Giuliano Federico 28.2.24

Continua a leggere

Bingham Cup 2024, a Roma il Campionato Mondiale di Rugby per squadre inclusive - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, a Roma il Campionato Mondiale di Rugby per squadre inclusive

Corpi - Redazione 7.2.24
telefono Insulti froci checche scarti omofobia roma gay help line

“Fr*ci di m*rda, scarto della società”: a Roma insulti a coppia gay dopo la disdetta di una prenotazione

News - Redazione Milano 19.10.23
Roma lgbtqia+

Coming Out Day 2023, il comune di Roma celebra la giornata dicendo basta all’omobitransfobia

News - Redazione 10.10.23
Florida legge anti-LGBT Gay.it

Roma, il Comune ipotizza corsi LGBTQIA+ nelle scuole. E la destra attacca

News - Redazione 20.10.23
io che amo solo te

Io che amo solo te: una storia d’amore al teatro, come antidoto alla paura

Culture - Riccardo Conte 17.11.23
roma gay

Guida 2024 ai migliori locali gay di Roma

Viaggi - Giorgio Romano Arcuri 1.1.24
Roma, via libera del Comune a finanziamenti per sportelli d'ascolto e centri antidiscriminazione LGBTQIA+ - roma - Gay.it

Roma, via libera del Comune a finanziamenti per sportelli d’ascolto e centri antidiscriminazione LGBTQIA+

News - Redazione 19.12.23
Rainbow Awards 2023, la 2a edizione dedicata a Michela Murgia. Tra i premiati Elly Schlein, Gualtieri ed Emma Bonino - Rainbow Awards 2023 - Gay.it

Rainbow Awards 2023, la 2a edizione dedicata a Michela Murgia. Tra i premiati Elly Schlein, Gualtieri ed Emma Bonino

Culture - Federico Boni 8.11.23