Oscar 2021, tutti i registi dichiaratamente LGBT ad aver vinto la statuetta

Nel 2003 l'ineguagliabile (?) record di 3 registi dichiaratamente gay nominati. Da oltre mezzo secolo un regista dichiaratamente LGBT non vince la statuetta.

Oscar 2021, tutti i registi dichiaratamente LGBT ad aver vinto la statuetta - Oscar 2021 tutti i registi dichiaratamente LGBT ad aver vinto la statuetta - Gay.it
2 min. di lettura

Dopo aver visto tutti i film a “tematica” LGBT candidati in 93 anni di Oscar e tutti gli attori dichiaratamente LGBT ad aver vinto la statuetta, proseguiamo il nostro avvicinamento alla notte delle notti di domenica guardando ai registi.

Nella Hollywood d’oro, quella degli anni ’40 e ’50, diversi registi dichiaratamente omosessuali hanno infatti scritto indelebili pagine di cinema. Se tra gli attori era praticamente impossibile vivere il proprio io più o meno apertamente, tutto cambiava dietro la macchina da presa, con non poche nomination e statuette vinte. Il gigantesco George Cukor, celebre a L.A. per i suoi sfavillanti party in piscina con gigolò, modelli e chi più ne ha più ne metta, vinse l’Oscar nel 1966 con My Fair Lady dopo 4 nomination andate a vuoto: nel 1935 per Piccole donne, nel 1942 per Scandalo a Filadelfia, nel 1949 per Doppia vita e nel 1952 per Nata ieri. Ma nonostante tutti, ma proprio tutti, sapessero della sua omosessualità, Cukor non si è mai dichiarato, per quanto facesse a gara con Cole Porter su chi organizzasse i migliori party gay di Hollywood. Prima di lui, e dopo la nomination per Lili di Charles Walters, fu Vincent Minnelli ad infrangere il muro, vincendo la statuetta nel 1959 con Gigi 7 anni dopo la nomination per Un americano a Parigi. Secondo marito di Judy Garland, dalla quale ebbe la figlia Liza, Vincent era bisessuale, con 3 matrimoni che seguirono le nozze con Judy.

Nel 1962 fu Jerome Robbins, al fianco di Robert Wise e alla regia del suo primo e unico film, a vincere l’Oscar. Quel film era West Side Story. Il “comitato per le attività anti-americane” lo obbligò a fare nomi di “altri comunisti”, onde evitare l’outing pubblico, e alla fine cedette, facendo i nomi di Sterling Hayden, Burl Ives, Robert Montgomery, Zero Mostel, Elia Kazan e Lela Rogers, madre di Ginger Rogers.

Due anni dopo, nel 1964, è il bisessuale Tony Richardson a vincere la statuetta grazie a Tom Jones. Richardson, ex marito di Vanessa Redgrave, non dichiarò mai la propria bisessualità, morendo di AIDS all’età di 63 anni nel 1991. Nel 1970 è infine John Schlesinger, dichiaratamente gay, a vincere la statuetta grazie alla regia di Un uomo da marciapiede, che vedeva Jon Voight nei panni di un gigolò bisessuale. 12 mesi prima c’era stata la nomination del nostro Franco Zeffirelli, candidato come miglior regista con Romeo e Giulietta. Se vi state chiedendo perché non ci sia Luchino Visconti, il motivo è semplice. Non venne mai nominato agli Oscar per la regia, ma solo e soltanto per la  migliore sceneggiatura originale de La caduta degli dei,  nel 1970. Pier Paolo Pasolini, invece, non venne proprio mai candidato.

Pallottoliere alla mano, da oltre mezzo secolo, nessun altro regista dichiaratamente LGBT ha mai vinto l’Oscar, dopo 5 statuette in poco più di un decennio. James Ivory, 3 nomination tra il 1986 e il 1993, è riuscito a vincere l’Oscar per la sceneggiatura non originale di Chiamami col tuo nome nel 2018, a 89 anni. Gus Van Sant è stato nominato due volte, per le regie di Will Hunting – Genio ribelle e Milk; Stephen Daldry addirittura 3, per Billy Elliot, The Hours e The Reader; Pedro Almodovar una, per la regia di Parla con Lei, così come Rob Marshall e Lee Daniels, rispettivamente per Chicago e Precious.

Inarrivabile, in tal senso, la notte degli Oscar del 2003, con 3 registi nominati dichiaratamente gay su 5. Daldry, Almodóvar e Marshall, battuti però da Roman Polański con Il pianista.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Justin Timberlake Arrestato Ubriaco Gossip Droghe

Justin Timberlake arrestato, guidava ubriaco. Il gossip impazza: “Popper e Truvada nel sangue”. Ma è davvero così?

Musica - Emanuele Corbo 19.6.24
Foggia Sit In Omofobia Giugno 2024

Foggia reagisce all’aggressione di Alessandro: “Se questa terra non ci ama, noi la ameremo ancora più forte”

News - Francesca Di Feo 20.6.24
Antoine Dupont, il capitano francese di rugby "pronto ad interrompere una partita” per insulti omofobi - Antoine Dupont - Gay.it

Antoine Dupont, il capitano francese di rugby “pronto ad interrompere una partita” per insulti omofobi

Corpi - Redazione 20.6.24
Drag Race Italia 4 si farà? E se sì, dove andrà in onda? - Drag Race Italia - Gay.it

Drag Race Italia 4 si farà? E se sì, dove andrà in onda?

News - Redazione 20.6.24
Guglielmo Scilla e la trasformazione fisica: "Allenarmi è diventato un viaggio liberatorio, ho faticato ad accettarmi" (VIDEO) - Guglielmo Scilla 2 - Gay.it

Guglielmo Scilla e la trasformazione fisica: “Allenarmi è diventato un viaggio liberatorio, ho faticato ad accettarmi” (VIDEO)

Corpi - Redazione 19.6.24
Mahmood per Paper Magazine

Mahmood apre il dibattito: “Sputo o lubrificante?”, e i fan si scatenano. I commenti più divertenti

Musica - Emanuele Corbo 19.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

MARK SELIGER, VANITY FAIR

Tutte pazzə per Emma Stone: perché piace così tanto?

Cinema - Riccardo Conte 11.3.24
Il regista Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit - Il regista trans Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit - Gay.it

Il regista Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit

Cinema - Redazione 10.1.24
Trace Lysette (ELLE)

Con o senza Oscar, Trace Lysette ha già vinto per la comunità trans*

Cinema - Redazione Milano 5.1.24
Oscar 2024, Pedro Almodovar punta ad un altro trionfo con Strange Way of Life - Strange Way of Life ecco Manu Rios nel Brokeback Mountain di Pedro Almodovar - Gay.it

Oscar 2024, Pedro Almodovar punta ad un altro trionfo con Strange Way of Life

Cinema - Federico Boni 22.12.23
Lily Gladstone in Killers of the Flower Moon (2023)

Lily Gladstone vuole decolonizzare il suo genere

Cinema - Redazione Milano 2.1.24
barbie margot robbie

Margot Robbie, Barbie e gli Oscar 2024. Ecco le prime parole dell’attrice dopo le polemiche sulle mancate nomination

Cinema - Redazione 1.2.24
Oscar 2024, Ryan Gosling in difesa delle escluse Robbie e Gerwig: "Non ci può essere Ken senza Barbie" - Barbie Margot Robbie - Gay.it

Oscar 2024, Ryan Gosling in difesa delle escluse Robbie e Gerwig: “Non ci può essere Ken senza Barbie”

Cinema - Redazione 24.1.24
BARBIE (2023)

Ma Barbie è stato davvero snobbato agli Oscar?

Culture - Riccardo Conte 24.1.24