PACS: L’UNIONE TROVA UN ACCORDO

Dopo trattative ad oltranza sulle unioni civili, la coalizione di Prodi decide di tutelare le persone, non le coppie, con forti riserve della Rosa nel Pugno. Deluse le associazioni LGBT.

PACS: L'UNIONE TROVA UN ACCORDO - rutelli prodi fassino - Gay.it
5 min. di lettura

ROMA – “L’Unione proporrà il riconoscimento giuridico dei diritti, prerogative e facoltà alle persone che fanno parte delle unioni di fatto. Al fine di definire natura e qualità di una unione di fatto non è dirimente il genere dei conviventi né il loro orientamento sessuale”. Recita così il testo dell’Unione sul riconoscimento giuridico delle unioni di fatto sul quale la coalizione sembra aver raggiunto una faticosa intesa. “Va considerato piuttosto quale criterio qualificante – continua il testo – il sistema di relazioni sentimentali, assistenziali e di solidarietà da loro stabilito e consiviso”.
Come noto l’Italia è tra gli ultimissimi paesi dell’Unione Europea che non si è provvisto di nessun tipo di legislazione volto alla tutela delle coppie omosessuali. Gli eterosessuali hanno, se non altro, la possibilità di poter contrarre matrimonio; le coppie gay e lesbiche non hanno niente che possa tutelarle.
Per la prossima legislatura la coalizione di centro-destra attualmente al governo sembra decisa a continuare sulla stessa strada. Nulla è stato fatto in questa direzione e nulla continuerà a venir fatto. Questo perché secondo vari esponenti della Casa delle Libertà non ci sarebbe alcun bisogno di legiferare in materia, c’è il codice civile e dunque non servirebbero nuove regolamentazioni.

PACS: L'UNIONE TROVA UN ACCORDO - brodi brinda - Gay.it

Nel centro-sinistra il problema se non altro era riconosciuto come esistente e sin dallo scorso novembre è stato avviato un tavolo di trattative per dibattere del programma e anche su questo tema sul quale esistono divergenze di vedute. Nell’Unione guidata da Romano Prodi ciò ha costretto e costringe l’ampia e variegata coalizione a lunghe e faticose mediazioni. Raggiunto l’accordo sulla stragrande maggioranza dei temi, sul tema delle unioni omosessuali c’è stato sino alla fine un particolare lavoro di mediazione per poter raggiungere un qualche tipo di programma condiviso.
I DS già nella legislatura che sta finendo avevano fatto in modo che si cominciasse a parlare dell’argomento, attraverso il progetto di legge presentato da Franco Grillini sul PaCS, il Patto Civile di Solidarietà simile al modello già attuato in Francia. La Margherita di Francesco Rutelli non gradiva tuttavia che si facesse riferimento ad un nuovo istituto giuridico e alla fine l’ha spuntata, tant’è che nella formulazione concordata, in disaccordo però con la Rosa nel Pugno, è stato eliminato ogni riferimento all’istituto giuridico e si fa riferimento solo ai diritti delle singole persone.

PACS: L'UNIONE TROVA UN ACCORDO - franco grillini pugno - Gay.it

Deluso il commento di Grillini: «L’accordo fatto dopo lunga e penosa malattia è un po’ la montagna che partorisce il topolino. Nel senso che quello che c’è scritto in quelle righe può essere visto come la classica coperta che si può tirare da una parte o dall’altra. Certo è che sembra che Rutelli, leader della Margherita, abbia voluto sfogliare la margherita fino in fondo: no ai matrimoni gay, no al Pacs, no alle Unioni Civili che lui stesso aveva proposto, no ai contratti che lui stesso aveva proposto. Siamo al riconoscimento dei diritti della persona che vive in una unione di fatto, una linea straordinariamente coincidente con le cose che dice il cardinale Ruini, cioè il riconoscimento dei diritti dei singoli ma assolutamente no a qualunque riconoscimento giuridico dell’esistenza delle coppie omosessuali. Ironicamente potremmo ringraziare Rutelli che graziosamente ci concede il riconoscimento come persone omosessuali. Almeno una cosa è chiara in questa scarna e scarsa descrizione, e cioè che sono comprese anche le persone omosessuali, in quanto quel riferimento all’orientamento sessuale è l’unico riferimento nell’intero programma dell’Ulivo all’esistenza della questione. Concludendo mi sembra una cosa un po’ vuota, che lascia aperto uno spiraglio e che consegna nelle mani nostre, del movimento, la necessità di mettere in campo iniziative di straordinaria mobilitazione nei prossimi mesi per far sì che il prossimo Parlamento legiferi positivamente su questo. Certamente si poteva fare di più».

PACS: L'UNIONE TROVA UN ACCORDO - andrea benedino - Gay.it

Estremamente negative anche le reazioni di Arcigay e Arcilesbica. Il presidente nazionale di Arcigay Sergio Lo Giudice ha detto che essendo venuto a mancare il «riconoscimento giuridico delle Unioni civili, non ci potrà essere un appoggio di gay e lesbiche al programma dell’Unione. Gli impegni precedentemente assunti dai leader del centrosinistra e dal candidato premier sono stati stracciati».
Il problema fondamentale è che è scomparso ogni accenno alla realizzazione dell’istituto delle Unioni civili concordato nell’incontro di San Martino in Campo del 5 e 6 dicembre scorso, che conteneva un impegno preciso nel senso di un “riconoscimento giuridico di una forma di relazione capace di assicurare prerogative e facoltà e di garantire reciprocità nei diritti e nei doveri”.
Secondo Francesca Polo, presidente di Arcilesbica, «quella formulazione rappresentava un punto di sintesi fra le diverse culture politiche che compongono l’Unione che, tuttavia, riusciva a tenere conto anche della legittima ed indifferibile richiesta avanzata dall’ampio movimento che nel Paese sostiene la necessità di una legge sui Pacs: un riconoscimento giuridico pubblico delle coppie che vogliano accedere al nuovo istituto. Il testo licenziato ieri tradisce quelle istanze».

PACS: L'UNIONE TROVA UN ACCORDO - Goric CritLib - Gay.it

Per Riccardo Gottardi, co-presidente di Ilga Europe «è decisamente un compromesso. Non si capisce bene cosa significa, ma nelle nostre famiglie i figli non sono tutelati, non sono chiamate famiglie, non mi pare ci sia la volontà di riconoscere pari dignità alle unioni tra due persone… be’, dopo tanto discutere e con tanti esempi a cui ispirarsi in giro per il mondo sarebbe stato legittimo aspettarsi qualcosa di più».

PACS: L'UNIONE TROVA UN ACCORDO - emma4 - Gay.it

In ambito politico la Rosa nel Pugno ha dato il proprio parere negativo. «Delle proposte che abbiamo fatto – spiega Emma Bonino – nessuna è stata accolta: in particolare l’abolizione del finanziamento alle scuole private, specialmente a quelle cattoliche. Per quanto riguarda i Pacs, il riconoscimento giuridico alle unione di fatto non c’è». Ha concluso: «Mi auguro che ci ripensino».
Daniele Capezzone, nell’esprimere il suo disappunto, si rivolge diretttamente a gay e lesbiche: «Dopo quanto è avvenuto stanotte nel vertice dell’Unione, mi permetto di rivolgere un forte, solidale, affettuoso invito alla comunità GLBT per una mobilitazione comune e trasversale nei prossimi giorni. Occorre che l’Unione superi il grave errore di queste ore. Sparisce dal programma, infatti, non solo la dizione “pacs”, ma il concetto stesso di “unione civile”. Insomma, si arriva su posizioni ancora più retrive di quelle dei settori più filoconfessionali dell’Unione. Tutto ciò non è accettabile. C’e’ chi si dimostra più ruiniano di Ruini…».

PACS: L'UNIONE TROVA UN ACCORDO - bertinotti prim03 - Gay.it

Il segretario di Rifondazione Comunista Fausto Bertinotti ha ammesso che con Rutelli ci sono stati duri scontri ma a suo avviso sarebbe stato fatto un buon lavoro e si sarebbe raggiunto un risultato positivo. Per Oliviero Diliberto dei Comunisti Italiani «è stato un lavoro lungo, faticoso, partendo spesso da posizioni diverse: ciascuno di noi avrebbe voluto poter tirare da una parte o dall’altra in maniera più significativa». Sui Pacs «si è trovato un ragionevole compromesso sul quale è d’accordo anche la Margherita», anche se il termine usato non sarà Pacs, ma nel testo del programma la indifferenza circa «l’orientamento sessuale resta». Infine nota ottimista anche per il leader dei Verdi Alfonso Pecoraro Scanio secondoil quale è stato «trovato un sostanziale accordo su tutto, anche sulle unioni civili».
Vedremo se i gay e le lesbiche italiani saranno d’accordo con lui.
Clicca qui per discutere di questo argomento nel forum Movimento Omosessuale.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Consumo di contenuti p0rn0 con persone trans nel mondo - dati forniti da Pornhub

L’Italia è la nazione che guarda più p0rn0 con persone trans*

News - Redazione Milano 20.4.24
Mahmood 17 Maggio Omobitransfobia

Cosa dirà Mahmood il 17 Maggio nella giornata contro l’omobitransfobia?

Musica - Mandalina Di Biase 22.4.24
Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria - Lil Nas X - Gay.it

Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria

Cinema - Federico Boni 22.4.24
BigMama a Domenica In

BigMama: “Prima di Lodovica nascondevo la mia sessualità, non pensavo di meritare amore”

Musica - Emanuele Corbo 22.4.24
Spice Girls, è reunion per i 50 anni di Victoria Beckham: "L'amicizia non finisce mai" (foto e video) - Victoria Beckham - Gay.it

Spice Girls, è reunion per i 50 anni di Victoria Beckham: “L’amicizia non finisce mai” (foto e video)

News - Redazione 22.4.24
Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: "Un sogno diventato realtà" - Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri genitori - Gay.it

Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: “Un sogno diventato realtà”

Culture - Redazione 23.4.24

Hai già letto
queste storie?

polonia-riconoscimento-coppie-omosessuali-cedu

Polonia, negare il riconoscimento alle coppie omosessuali viola la Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo

News - Francesca Di Feo 14.12.23
Alessandro Cecchi Paone e Simone Antolini uniti civilmente: "Lanciamo un messaggio a tutto il Paese" - Alessandro Cecchi Paone e Simone Antolini 2 1 - Gay.it

Alessandro Cecchi Paone e Simone Antolini uniti civilmente: “Lanciamo un messaggio a tutto il Paese”

Culture - Redazione 29.12.23
Romania, il premier Ciolacu chiude alle unioni civili: "La nostra società non è pronta" - Marcel Ciolacu - Gay.it

Romania, il premier Ciolacu chiude alle unioni civili: “La nostra società non è pronta”

News - Redazione 24.11.23
come costituire le unioni civili in italia

Polonia, il governo annuncia: “A breve un disegno di legge sulle unioni civili”

News - Redazione 28.12.23
romania-unione-civile-in-italia (1)

Denis e Gianluca, la loro unione sbeffeggiata dalla burocrazia romena: “Ci hanno riso in faccia” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 9.1.24
Cesena, Forza Nuova affisse manifesti funebri per le unioni civili. Mirco Ottaviani assolto dalla Corte d'Appello - Cesena Forza Nuova 1 - Gay.it

Cesena, Forza Nuova affisse manifesti funebri per le unioni civili. Mirco Ottaviani assolto dalla Corte d’Appello

News - Redazione 21.3.24
unioni-civili-assegno-di-mantenimento

Unioni civili, l’assegno di mantenimento in caso di scioglimento dovrà tenere conto anche del periodo di convivenza

News - Francesca Di Feo 29.12.23
romania-unioni-civili

Romania in ritardo sul riconoscimento delle coppie omo, cresce l’estrema destra: l’allarme dellə attivistə

News - Francesca Di Feo 18.12.23