Pakistan: i leader religiosi tentano di contrastare la legge che garantirebbe pieni diritti alle persone trans*

Proposta nel 2018, la legge è ancora in sospeso. Interviene il Tribunale della Sharia

ascolta:
0:00
-
0:00
Legge diritti trans* Pakistan Gay.it
3 min. di lettura

Il tentativo del Pakistan di fare un notevole passo avanti sui diritti LGBTQ+ ha subito una brusca frenata nelle scorse ore quando il CII – Council of Islam Ideology – ha dichiarato contro le leggi della Sharia la proposta di legge avanzata nel 2018 che avrebbe riconosciuto il cambio di genere legale per le persone trans* nel Paese secondo il principio dell’autodeterminazione.

Il disegno di legge era stato approvato dall’Assemblea nazionale nel 2018. In sospeso da allora, a novembre 2021 era stato sfidato da una contro proposta del senatore Mushtaq, da sempre accanito oppositore della legge. Entrambe le proposte si trovano ancora in sospeso presso la Camera alta del Parlamento.

Legge diritti trans* Pakistan Gay.it
La proposta di legge del 2018 garantirebbe pieni diritti alle persone trans* in Pakistan

Il testo della legge proposta dall’Assemblea nazionale recitava:

«Ogni persona transgender, cittadina pakistana, che abbia raggiunto l’età di diciotto anni ha il diritto di farsi registrare secondo l’identità di genere auto-percepita con NADRA su CNIC, CRC, Patente di guida e passaporto in conformità con le disposizioni dell’Ordinanza NADRA, 2000 o qualsiasi altra legge pertinente»

Le modifiche proposte da Mushtaq, invece, prevedono la creazione di una commissione medica che decida se sia opportuno per una persona cambiare sesso invece dell’autodeterminazione. Nella commissione dovrebbero essere appuntati un medico professore, uno psicologo, un chirurgo generale maschio, un chirurgo generale donna e un ufficiale medico capo.

Legge diritti trans* Pakistan Gay.it
La comunità trans* in Pakistan gode di diritti negati in altri Paesi del Medio Oriente

Certo, verrebbe meno il principio dell’autodeterminazione, ma sarebbe comunque un notevole traguardo per un Paese in cui, nonostante il terzo genere sia riconosciuto, l’omosessualità è ancora illegale. Paradossalmente, la società pakistana è più incline a tollerare le persone transgender che non quelle gay, lesbiche o bisessuali, quando solitamente accade il contrario. Il fatto che si tratti di una Repubblica islamica potrebbe far pensare nell’immaginario comune che i diritti LGBTQ+ siano calpestati.

In realtà, la situazione è nettamente migliore rispetto ad altre parti del mondo: la Corte Suprema di Islamabad ha riconosciuto il terzo genere nel 2009 insieme al diritto di voto per le persone LGBTQ+. Il che non significa, ovviamente, che la situazione sia idilliaca. Esponenti del clero religioso sono ancora contro l’omosessualità e non mancano casi di omofobia, discriminazioni, violenze e persino omicidi. La realtà è spesso diversa da quanto scritto sulle carte, ma quanto meno la legislazione pakistana riconosce alcuni diritti alla comunità, cosa che non si può dire di altri Paesi del Medio Oriente.

Legge diritti trans* Pakistan Gay.it
Nonostante la legislazione, i casi di violenza non mancano, soprattutto a sfondo religioso

Per questo è stata accolta con stupore la protesta dei leader religiosi, che sembrano aver trovato un modo per affossare definitivamente il disegno di legge che, oltre a garantire i pieni diritti alle persone transgender, introdurrebbe anche sanzioni per gli atti di discriminazione e violenza nei loro confronti. La motivazione che hanno addotto consiste nel fatto che l’ordinanza andrebbe contro i principi stabiliti dalla Sharia, la legge islamica a cui si attengono le Repubbliche islamiche del Medio Oriente.

La scorsa settimana il caso è stato discusso dal Tribunale federale della Sharia capitanato dal giudice Syed Muhammad Anwar. All’udienza l’aula era affollata da persone transgender, accorse da tutto il Paese per la preoccupazione circa il loro futuro. Tramite una delegazione, hanno chiesto al tribunale di ottenere l’assistenza di esperti di genere dovesse la commissione medica diventare realtà e hanno fatto appello alle autorità di non intraprendere azioni contro la comunità transgender.

Legge diritti trans* Pakistan Gay.it
La legge significherebbe un punto di svolta per le Repubbliche islamiche

Il giudice Anwar ha dichiarato: «Il nostro obiettivo è proteggere la comunità e garantire che ottengano i propri diritti. Chiudere gli occhi non risolverà alcun problema».

La proposta di legge è quindi destinata ad essere discussa nuovamente in Parlamento. Gli attivisti sono in stato di allerta per i possibili tentativi dei leader religiosi di affossarla, ma sono anche fiduciosi. Se la legge dovesse veramente passare, sarebbe un esempio per tutte le Repubbliche islamiche dove tutti i diritti civili della comunità LGBTQ+ sono ancora negati.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

spiagge gay italiane spiagge queer lgbtqia

Speciale Spiagge 2024: 100 spiagge gay in Italia da non perdere

Viaggi - Redazione 1.7.24
Parigi 2024, hanno bloccato Grindr nel villaggio Olimpico? - grindr olympic - Gay.it

Parigi 2024, hanno bloccato Grindr nel villaggio Olimpico?

News - Redazione 24.7.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Powell, Pascal e Kenworthy - specchio specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Powell, Pascal e Kenworthy

Corpi - Redazione 24.7.24
Giancarlo Commare e il presunto coming out alla domanda del tiktoker: "Quanto sei gay? Sono gay" (VIDEO) - Giancarlo Commare ha fatto coming out - Gay.it

Giancarlo Commare e il presunto coming out alla domanda del tiktoker: “Quanto sei gay? Sono gay” (VIDEO)

Culture - Redazione 22.7.24
Tutti i coming out "vip" del 2024 - Coming Out 2024 - Gay.it

Tutti i coming out “vip” del 2024

News - Federico Boni 19.7.24
Pestaggio Roma Coppia Gay - La difesa dei 4 presunti aggressori smentisce l'omofobia "Non sapevamo fossero gay"

Pestaggio coppia gay a Roma, gli aggressori “Non abbiamo usato insulti omofobi”

News - Redazione 22.7.24

Hai già letto
queste storie?

papa francesco e comunità lgbtq

Papa Francesco: “L’ideologia gender è diversa da omosessuali e transessuali, che devono essere accettati e integrati”

News - Redazione 3.5.24
Cecilia Gentili Interview photographed by Oscar DIaz_

Dio e il corpo transgender, il funerale di Cecilia Gentili diventa un momento di orgoglio queer e i cattolici si indignano

Culture - Mandalina Di Biase 27.2.24
Hunter Schafer e la storia d'amore con Rosalìa durata 5 mesi: "Oggi è famiglia, qualunque cosa accada" - Hunter Schafer e Rosalia - Gay.it

Hunter Schafer e la storia d’amore con Rosalìa durata 5 mesi: “Oggi è famiglia, qualunque cosa accada”

Culture - Redazione 3.4.24
“Bambi - Storia di una metamorfosi” diventa film, con Mario Sesti alla regia - Bambi. Storia di una metamorfosi di Reali Emiliano diventa film - Gay.it

“Bambi – Storia di una metamorfosi” diventa film, con Mario Sesti alla regia

Cinema - Redazione 4.6.24
Intervista a Paul B Preciado - My Biographie Politique

Lə infinitə Orlando che ci donano il caos non binario, utopico e liberatorio: intervista a Paul B. Preciado

Cinema - Giuliano Federico 27.3.24
Jennifer Garner e Ben Affleck, il coming out del figliə come persona non binaria: "Mi chiamo Fin" - fin affleck ben affleck e jennifer garner - Gay.it

Jennifer Garner e Ben Affleck, il coming out del figliə come persona non binaria: “Mi chiamo Fin”

Culture - Redazione 11.4.24
Elliot Page denuncia la “devastante” eliminazione dei diritti LGBTQIA+ in tutto il mondo durante i Juno Awards (VIDEO) - Elliot Page 1 - Gay.it

Elliot Page denuncia la “devastante” eliminazione dei diritti LGBTQIA+ in tutto il mondo durante i Juno Awards (VIDEO)

News - Redazione 25.3.24
Milano Carriera Alias

Milano, dal 2025 le persone trans potranno richiedere l'”identità alias” per gli abbonamenti dei mezzi pubblici

News - Federico Boni 25.6.24