“Il drag è stata autoanalisi”, parla Panthera Virus: “Sono la goth sex doll del drag italiano”

Decisa, fiera e prepotente, Panthera Virus si confessa a Gay.it

ascolta:
0:00
-
0:00
"Il drag è stata autoanalisi", parla Panthera Virus: "Sono la goth sex doll del drag italiano" - COVER 3 - Gay.it
6 min. di lettura

Panthera Virus si definisce la goth sex doll del panorama drag italiano, 29 anni, ciociara di origine, ma fiorentina d’adozione, ha debuttato fra le protagoniste della seconda edizione di Drag Race Italia, presentando un’estetica provocatoria, tra fetish, punk e influenze goth dei gruppi new wave.

L’esaltazione della nudità, l’eros sottile e il rimando continuo al feticcio ricercato in allusioni sadomaso, sono state le note performanti più saporite per gli amanti del drag modaiolo ma un po’ freak; e Panthera Virus è tutto questo, regina dell’oscurità, divinità cimiteriale affascinante che sorge dalle acque salmastre della moda, stringata e legata, pronta ad essere sacrificata in un falò voodoo.

Matteo Carlomusto aka Panthera Virus, nasce come designer di moda, stella promessa delle nuove leve controcorrenti del panorama berlinese. Matteo presenta la sue collezioni, a partire dal 2015, in giro per l’Europa principalmente in contesti alternativi e di nicchia come il Berghain di Berlino, dove ha avuto modo di fare il suo debutto fashion. Negli anni, Matteo ha presentato diverse collezioni, tra cui l’ultima “Porn Couture”, e ha avuto modo di collaborare con artisti musicali e della scena queer mondiale come Aquaria, Brooke Candy, Maneskin e Rosa Chemical.

Lo abbiamo incontrato per voi.

"Il drag è stata autoanalisi", parla Panthera Virus: "Sono la goth sex doll del drag italiano" - FINALE 1 scaled - Gay.it
photo by Enrico Berni

 

Come nascono i tuoi costumi e qual è il tuo preferito?

Prima della partecipazione al programma (ndr Drag Race 3 si farà, ecco qui >) non avevo mai realizzato nulla per me stessa, ho sempre indossato capi del mio brand che nascevano per altri scopi. D’altronde, con il mio drag, avevo fatto pochissime apparizioni. Circa un anno fa, dopo aver scoperto di far parte del cast, ho iniziato a lavorare per la prima volta su me stessa, ed è stato molto stimolante passare in primo piano come protagonista dell’abito stesso, e non come l’artista che c’è dietro. Non avevo messo in conto, però, che nel mio personaggio potessero esserci ispirazioni diverse e un lavoro di immagine che, per quanto simile al mio gusto di stilista, si discostasse in lieve forma da quello su cui avevo precedentemente lavorato. Nasce così il mio costume preferito, un abito e degli accessori realizzati interamente da capelli, con il quale ho sfilato nella puntata finale della Race. Uno dei primi vestiti che ho disegnato per me, ma l’ultimo su cui ho messo mano prima di partire per l’avventura.

 

"Il drag è stata autoanalisi", parla Panthera Virus: "Sono la goth sex doll del drag italiano" - PARIS 1985 1 scaled - Gay.it
photo by Enrico Berni

Parlaci del rapporto tra Matteo e Panthera.

Non amo molto discostare Panthera da Matteo, perché sono la stessa persona.
Una cosa che il drag mi ha aiutato a fare però è senza’altro restituire a Matteo la sicurezza e l’autostima che negli anni stava perdendo. La figura di Panthera, al contrario di Matteo, è una figura decisa, fiera, e a tratti prepotente, e, grazie ad essa, ho ritrovato la persona che ho sempre pensato di essere anche out of drag.
Il drag ha aiutato la mia persona in un lavoro di autoanalisi. E la persona ha aiutato il mio drag ed avere meno sovrastrutture.

Qual è il ricordo più bello della tua esperienza a Drag Race e quello più brutto?

Il ricordo più bello è sicuramente il momento in cui sono entrata in werkroom e ho visto con i miei occhi l’intera macchina di lavoro che c’è dietro. In quel momento tu sei catapultata improvvisamente in una nuova realtà di cui stai per fare parte e provi miliardi di emozioni nel tuo cervello, che però al tempo stesso vengono riprese da una telecamera. Quindi inconsciamente fai un doppio lavoro: lo stupore di un bambino con il nuovo giochino e la faccia da poker di un professionista che sta iniziando una nuova avventura.

"Il drag è stata autoanalisi", parla Panthera Virus: "Sono la goth sex doll del drag italiano" - GAY scaled - Gay.it
Panthera Virus x Gay.it by Enrico Berni

 

E’ stato bello scoprire lì per lì, realmente, quali fossero le compagne di viaggio, cercando di capire i punti forti e i punti deboli di ognuna fin dal primo momento, oltre ovviamente alla bellezza che nascondevamo dietro le nostre maschere. Anche loro hanno fatto parte del mio percorso in maniera considerevole perché per quanto io possa essere andata avanti per la mia strada, sono anche il frutto delle dinamiche che mi hanno circondato.
Il ricordo più brutto invece è stato capire, in più punti del percorso, che non era una guerra ad armi pari e che il mio duro lavoro di preparazione, da bambino ingenuo con gli occhi a cuoricino che stava per realizzare un sogno, non sarebbe stato premiato soltanto in base alla meritocrazia. Ancora più brutto, pero, è stato assistere, come in terza persona, al mio fallimento nelle prove che mi hanno portato, meritatamente, all’eliminazione.
Sono proprio i momenti più brutti però ad avermi insegnato tanto e se riguardo indietro sembra passata un’eternità e questa cosa mi fa capire quanto io mi sia evoluta in così poco tempo.

 

"Il drag è stata autoanalisi", parla Panthera Virus: "Sono la goth sex doll del drag italiano" - FINALE 2 scaled - Gay.it
photo by Enrico Berni

Quali sono i tuoi modelli di riferimento? Icone?

Nel lavoro di ricerca che è alla base dello studio costante del mio personaggio ci sono senz’altro quattro figure ben distinte come Diamanda Galas, Nina Hagen, Kembra Pfahler e Siouxsie Sioux. Esponenti illustri di un movimento che ha fortemente segnato una base salda della moda libera e avanguardista.
Loro quattro hanno caratterizzato molto, grazie al loro aspetto piuttosto che alle loro discografie, il make-up di Panthera dando vita ad un risultato che è frutto della loro ispirazione contaminata all’estetica che ho sempre cercato di raggiungere nel mio brand. D’altronde è anche grazie al mio lavoro che nasce il mio drag, avevo bisogno di una figura femminile come musa e ho deciso di crearla io.

Fra le varie Drag internazionali qual è la tua preferita e quella con la quale ti riconosci maggiormente?

Nel corso degli anni ho seguito Drag Race con molta passione e le prime drag a cui mi sono affezionata sono state, per motivi diversi, Tammie Brown e Violet Chachki. Loro due, seppur diverse anni luce tra loro, rappresentano quello che amo nel drag. Tammie Brown è la classica drag che mi fa sorridere anche restando ferma, trovo geniale la sua comicità e il multiverso dentro cui vive. Di Violet invece sono affascinata dal cambiamento che ha portato nell’arte performativa delle Drag del franchise, discostandosi molto dal classico cabaret a cui tutti eravamo abituati e avvicinandosi di più al mondo del burlesque e alle dive di un tempo. E’ scontato sottolineare che traiamo ispirazione dallo stesso universo fetish e questa cosa mi porta spesso a sentirla molto vicina alla mia visione di drag.

 

"Il drag è stata autoanalisi", parla Panthera Virus: "Sono la goth sex doll del drag italiano" - GAY 1 scaled - Gay.it
Panthera Virus x Gay.it by Enrico Berni

 

Mi riconosco anche, ma più sotto un aspetto etico e Queer, in Bimini.
Artista inglese geniale con cui ho avuto il piacere di collaborare più di una volta. Penso che lei sia il vero ritratto della libertà nel mondo drag, che talvolta ti porta a chiamarlo anche con nomi diversi. E per me quando inizi a sentire la necessità di distruggere il binarismo di alcuni termini che senti stretti hai fatto bingo, soprattutto in tempi come questi dove il 90% delle persone fa riferimento all’arte drag solo in base ad un format televisivo che, per forza di cose, è diventato mainstream, ed è automaticamente limitativo per molt*.

 

"Il drag è stata autoanalisi", parla Panthera Virus: "Sono la goth sex doll del drag italiano" - ROSA ROSSA 2 scaled - Gay.it
photo by Enrico Berni

Come definiresti il panorama drag Italiano di questo periodo?

In fermento.
Trovo molto bello che negli ultimi anni stiano nascendo nuove Drag ma soprattutto nuove tipologie di Drag. Più libere. Più creative. Più coraggiose.
Ed essendo nata da poco anche io, penso di far parte di questo nuovo movimento.

 

Panthera Virus in una t-shirt dedicata ai lettori di gay.it, cosa ci scriveresti?

VIRUS IS HERE

 

https://www.instagram.com/panthera.virus/

"Il drag è stata autoanalisi", parla Panthera Virus: "Sono la goth sex doll del drag italiano" - ENTRANCE 1 scaled - Gay.it
photo by Enrico Berni

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Roma Pride, treno arcobaleno sotto attacco: "È rainbow washing", ma è davvero così? Abbiamo indagato - Roma ecco il primo treno metro rainbow con i colori della Pride Progress VIDEO 2 - Gay.it

Roma Pride, treno arcobaleno sotto attacco: “È rainbow washing”, ma è davvero così? Abbiamo indagato

News - Francesca Di Feo 14.6.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Maluma, Leto, Scilla, Ghali, Mendes e tanti altri - specchio specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Maluma, Leto, Scilla, Ghali, Mendes e tanti altri

Corpi - Redazione 14.6.24
Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora - Sephora bigmama - Gay.it

Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora

News - Gay.it 14.6.24
Alex Wyse in concerto

Alex Wyse contro i pregiudizi: “Siate liberi di essere ciò che siete. Nessuno può porci confini”

Musica - Emanuele Corbo 13.6.24
Tiziano Ferro ospite di Voci Parallele

Giuni Russo “Voci Parallele”: Tiziano Ferro, Irene Grandi e tutti gli ospiti del concerto in ricordo di un’artista immensa

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24

Leggere fa bene

krystilia hepporn drag queen

Insegnante di giorno, drag queen di sera: intervista a Krystilia Hepporn

Culture - Gio Arcuri 9.5.24
momenti televisivi più queer dell'anno

I 10 momenti televisivi queer del 2023

Culture - Luca Diana 17.12.23
mammeamodonostro-intervista

Il viaggio di Giada e Iris continua: benvenuto Giulio, il fiore più bello sbocciato nelle avversità

News - Francesca Di Feo 7.2.24
Boise Pride Festival Drag Show Gay.it

Università USA vieta gli spettacoli drag e gli studenti si appellano alla Corte Suprema

News - Redazione 6.3.24
ghana-legge-anti-lgbt-ghana

Ghana, legge anti-gay, parla un attivista LGBTI: “La comunità viene già perseguitata, ma abbiamo una speranza”

News - Francesca Di Feo 12.3.24
Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24
Europee 2024, intervista a Matteo Di Maio di 'Stati Uniti d'Europa': "Ong e associazioni LGBTI+ devono essere coinvolte nelle decisioni dell'UE"" - Matteo Di Maio Europa - Gay.it

Europee 2024, intervista a Matteo Di Maio di ‘Stati Uniti d’Europa’: “Ong e associazioni LGBTI+ devono essere coinvolte nelle decisioni dell’UE””

News - Federico Boni 21.5.24
intervista a enna pride

Enna Pride: “Sentiamo che questo Pride è necessario, mancano rappresentanza e visibilità sul territorio”

News - Gio Arcuri 29.5.24