Pavia: all’università arriva il doppio libretto per le persone trans

Saranno riconosciuti i dati "alternativi" all'identità ufficiale: la soddisfazione di Arcigay e Universigay.

Pavia: all'università arriva il doppio libretto per le persone trans - pavia - Gay.it
2 min. di lettura

Svolta storica nella carriera universitaria degli studenti transessuali: il Senato accademico dell’università di Pavia ha approvato ieri l’introduzione del doppio libretto per assicurare agli iscritti dell’ateneo il rispetto della “identità di genere percepita”, se in contrasto con quella anagrafica.

Il provvedimento è stato votato all’unanimità e segna il primo importante passo per l’istituzione di un doppio documento in cui viene registrato un nuovo numero di matricola e i nuovi estremi di identificazione dello studente che vuole farsi riconoscere come appartenente al sesso opposto.

Il provvedimento ha lo scopo essenziale di aiutare gli studenti in fase di transizione di genere in quelle situazioni dove nome e dati anagrafici sono esposti all’attenzione e al giudizio di compagni di studio e professori. Durante gli appelli d’esame, ad esempio, il professore si rivolgerà allo studente con il nome scelto per la nuova identità di genere. Anche nelle situazioni quotidiane della vita universitaria, come operazioni di segreteria e prestiti dalla biblioteca, il personale degli uffici potrà interagire con lo studente chiamandolo con il nome scelto dal ragazzo o dalla ragazza e in modo da rispettare l’identità di genere percepita.

Inoltre, agli studenti che ne faranno richiesta, verrà fornito un nuovo tesserino identificativo, il più possibile indistinguibile da quello generico, con i dati anagrafici richiesti dallo studente. Sarà registrata, quindi, una “identità alias” o “di elezione”, non ufficiale ma valida in tutte le situazioni della vita universitaria, che permetterà agli studenti di essere chiamati con il nome che preferiscono.

Il sistema dell’identità alias permette agli studenti di sostenere l’esame senza che il professore venga informato della transizione di genere del candidato, per garantire che la valutazione finale non venga influenzata da eventuali pregiudizi.

A chiedere questa piccola grande rivoluzione sono state le associazioni Arcigay e Universigay, che hanno espresso piena soddisfazione per il traguardo raggiunto. “Un momento storico per il nostro ateneo – spiega la presidentessa di Universigay Michela Pompeifinalmente possiamo dire a tutti gli studenti che i loro diritti sono rispettati. Dopo anni di lotta, anche le persone in transizione possono iniziare a vivere l’università come tutti i loro coetanei, con la spensieratezza necessaria dei vent’anni“.

Oltre all’università di Pavia, diversi altri atenei italiani hanno approvato soluzioni simili: tra questi la Statale e la Bicocca a Milano, Pisa, Genova e Firenze.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Angelina Mango è pronta per l'Eurovision Song Contest che si terrà a maggio in Svezia

Perché Angelina Mango può vincere Eurovision 2024

Musica - Emanuele Corbo 11.4.24
Marco Mengoni per un noto brand di gioielli

Marco Mengoni è un gioiello, ma la verità è che tutti guardano un’altra cosa

Musica - Emanuele Corbo 10.4.24
Transgender triptorelina

Germania, approvata legge sull’autodeterminazione: “Le persone trans esistono e meritano riconoscimento”

News - Redazione 15.4.24
Pietro Fanelli, Isola dei Famosi 2024

Pietro Fanelli, chi è il naufrago dell’Isola dei Famosi 2024?

Culture - Luca Diana 10.4.24
Mahmood è in tour in Europa per presentare l'album "Nei letti degli altri"

Mahmood più libero che mai sul palco, il suo tour strega l’Europa e “Tuta gold” conquista il triplo disco di platino

Musica - Emanuele Corbo 9.4.24
BigMama Concertone Primo Maggio 2024

BigMama inarrestabile diventa conduttrice per il Concertone del Primo Maggio

Musica - Emanuele Corbo 15.4.24

Continua a leggere

I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The TV Glow è il film horror trans* che aspettavamo?

Cinema - Riccardo Conte 25.1.24
Hunter Schafer - ruoli trans

Hunter Schafer non vuole recitare soltanto come donna trans e ha ragione

Cinema - Mandalina Di Biase 4.4.24
afghanistan-persone-transgender

L’Afghanistan a 3 anni dall’ascesa dei talebani: stupri, torture e violenze all’ordine del giorno per le persone transgender

News - Francesca Di Feo 2.4.24
tdor-2023-torino

TDOR Torino 2023: “Marciamo per noi stessə, per chi non può farlo e per chi non c’è più”

News - Francesca Di Feo 13.11.23
transgender allattamento seno

Le mamme transgender e i genitori AMAB possono allattare: lo dice la scienza

Corpi - Francesca Di Feo 22.2.24
trans-visibility-night-star-t-2024

Torino ospita la quarta edizione di Star.T: una notte dedicata alla visibilità trans per celebrare storie, talenti e memoria

Culture - Francesca Di Feo 15.3.24
Il regista Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit - Il regista trans Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit - Gay.it

Il regista Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit

Cinema - Redazione 10.1.24
Trace Lysette (ELLE)

Con o senza Oscar, Trace Lysette ha già vinto per la comunità trans*

Cinema - Redazione Milano 5.1.24