Pesaro: giudice non ammette l’aggravante omofoba nell’aggressione a un ragazzo gay

Ecco a cosa serve il DDL Zan.

aggressione omofoba roma padova pesaro
Ennesima aggressione omofoba.
3 min. di lettura

È entrato nel vivo il processo ai 3 responsabili del pestaggio omofobo avvenuto a Pesaro il 13 novembre 2019. Perché di questo si era trattato, un’aggressione omofoba. Ma per il giudice, come riporta Corriere Adriatico, l’aggravante di omofobia non è necessaria. E nemmeno la costituzione come parte civile di Arcigay, Anpi e Gens Nova.

Il ragazzo, quella notte, era fuori dalla discoteca “Il Colosseo” di Montecchio, quando un gruppo di 3 persone l’ha attaccato prima verbalmente e poi fisicamente. I 3 omofobi sono un ragazzo 20enne albanese, operaio e pregiudicato, uno studente 27enne di origini napoletane, anch’esso pregiudicato, e una studentessa di 27 anni.

Niente aggravante omofoba per il giudice di Pesaro

L’accusa per il gruppo era di lesioni personali aggravate dal “motivo abietto della discriminazione sessuale” e atti persecutori.

E le argomentazioni proposte dall’avvocato del ragazzo erano chiare: se 3 persone picchiano un coetaneo dicendogli “Brutto gay. Qui non puoi stare in questo locale. Vattene via o ti ammazzosarebbe giusto considerare l’aggravante di omofobia. Ma per il giudice, non è stato così. Una decisione che piace ai 3 imputati, e a cui applaude anche Marco Defendini, l’avvocato di uno dei tre:

Si è trattato di una lite e discussione tra ragazzi senza alcun intento di discriminazione della persona offesa o di qualsivoglia diritto di associazioni o enti.

La delusione di Arcigay

Arcigay Agorà Pesaro-Urbino, non ammessa come parte civile, non può che mostrare la propria delusione su come si siano svolti i fatti, e parla di:

Delusione riguardo la decisione del Tribunale di Pesaro di non riconoscere l’aggravante omofobica nel reato commesso contro un proprio iscritto, studente a Urbino, attaccato verbalmente e fisicamente nei pressi della discoteca Il Colosseo di Montecchio. È evidente dagli atti che gli aggressori non conoscevano la vittima, che hanno attaccato solo perché riconosciuta come gay. Come è possibile non vedere l’aggravante di omofobia qui?

È stata persino respinta la nostra richiesta, assieme a quelle di Anpi e Gens Nova, di costituzione di parte civile. Il giudice non riconosce quale danno materiale avremmo subito.

Partiamo dal presupposto che il danno lo si dimostra in corso di processo e non prima. Ribadiamo che se si attacca una persona perché fa parte di una minoranza, in questo caso quella LGBT+, proprio perché fa parte di suddetta minoranza, l’attacco non è solo personale ma riguarda la comunità LGBT+ tutta, dunque pure noi di Arcigay.

Il presidente Arcigay Giacomo Galeotti, conclude ironizzando:

Provocatoriamente invito la comunità LGBT+ di Pesaro e Urbino a farsi picchiare in Provincia di Rimini dove le aggravanti omofobiche vengono riconosciute in processi simili. Ci riserviamo il diritto di eventuali ricorsi con i nostri avvocati e continueremo a sostenere tutte le vittime di omolesbobitransfobia come abbiamo sempre fatto.

Nessuna discrezionalità con il ddl Zan

La situazione, alla fine, è sempre la stessa: in assenza di una legge come il ddl Zan, che preveda una condanna per questi reati riconoscendoli per quelli che sono – ovvero aggressioni omofobe – si ricade nella discrezionalità del giudice, che può decidere se inserire o meno l’aggravante, come avvenuto in altri processi simili.

Il ddl Zan, alla fine, serve proprio anche a questo: garantire la tutela a una minoranza in caso di discriminazioni, offese verbali o attacchi fisici. Senza una legge ad hoc, sarà sempre il giudice ad accettare la costituzione di parti civili che avrebbero tutto il diritto di essere presenti, e a considerare o negare un’aggravante.

Nel caso di Pesaro, in particolare, l’omofobia è stata la causa scatenante, che non ha portato solo lesioni alla vittima, ma anche mesi di paura, che il ragazzo è riuscito a scacciare solo con l’aiuto di quelle stesse associazioni LGBT che volevano costituirsi come parte civile.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Franzc Dereck 8.7.21 - 18:16

Stanno cambiando il processo civile e penale e solo per riprendere la prescrizione e favorire i corrotti. Ma l'unica vera rivoluzione sarebbe limitare , anzi annullare la discrezionalità dei Giudici ed evitare l'interpretazione delle leggi che fa di ogni processo un caso a parte.

Trending

Rocco Barocco attacca il Pride

Rocco Barocco, lo stilista apertamente gay attacca il Pride

News - Mandalina Di Biase 17.7.24
Paola Turci e Francesca Pascale sarebbero in crisi

Paola Turci e Francesca Pascale hanno sciolto la loro unione civile

News - Redazione 18.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
Discorso di Re Carlo terapie di conversione farmaci bloccanti

Gran Bretagna, Re Carlo “Divieto assoluto alle terapie di conversione incluse le persone trans”: il discorso scritto dai Laburisti vincitori alle elezioni

Corpi - Redazione Milano 17.7.24
Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella: "Ci sbatte in faccia il privilegio ottenuto senza alcun talento specifico" - Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella - Gay.it

Selvaggia Lucarelli vs. Paolo Stella: “Ci sbatte in faccia il privilegio ottenuto senza alcun talento specifico”

Culture - Redazione 18.7.24
Maria De Filippi e Amadeus, Festival di Sanremo

“Festival di Sanremo” cercasi: su Canale 5 arriva “Amici-Verissimo”, sul Nove “Suzuki Music Party”

Culture - Luca Diana 18.7.24

Continua a leggere

Modena, negata casa in affitto a coppia gay: "Il proprietario vuole una famiglia. Uomo, donna e figlio" - Alessandro Jumbo Manfredini - Gay.it

Modena, negata casa in affitto a coppia gay: “Il proprietario vuole una famiglia. Uomo, donna e figlio”

News - Redazione 28.6.24
Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido "fr*cio di merd*" - Federico Fashion Style - Gay.it

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido “fr*cio di merd*”

News - Redazione 19.4.24
Camerun, il bacio all'amata contro l'omofobia di Brenda Biya, figlia del presidente Paul Biya - Brenda Biya - Gay.it

Camerun, il bacio all’amata contro l’omofobia di Brenda Biya, figlia del presidente Paul Biya

News - Federico Boni 4.7.24
Sospesa Messico-USA per cori omofobi. E Chilavert attacca Vinicius in lacrime: "Il calcio non è da fr*ci" - Matt Turner e Vinicius - Gay.it

Sospesa Messico-USA per cori omofobi. E Chilavert attacca Vinicius in lacrime: “Il calcio non è da fr*ci”

News - Redazione 27.3.24
Serbia, attivisti LGBTQIA+ in piazza dopo un'aggressione omofoba da parte della polizia (VIDEO) - Da Se Zna Serbia - Gay.it

Serbia, attivisti LGBTQIA+ in piazza dopo un’aggressione omofoba da parte della polizia (VIDEO)

News - Redazione 8.3.24
Aggressione Ragazzo Gay Milano Piazza Diaz

Milano, ragazzo di 22 anni accoltellato in pieno centro perché gay

News - Redazione Milano 19.5.24
Simone Pillon cancellato su X per omofobia scrive ad Elon Musk: "Pensavo avessi cacciato i censori LGBT" - Simone Pillon censurato su X per omofobia scrive ad Elon Musk - Gay.it

Simone Pillon cancellato su X per omofobia scrive ad Elon Musk: “Pensavo avessi cacciato i censori LGBT”

News - Redazione 27.6.24
L’Indonesia vuole vietare i media LGBTQIA+ e il giornalismo investigativo - indonesia gay protest - Gay.it

L’Indonesia vuole vietare i media LGBTQIA+ e il giornalismo investigativo

News - Redazione 29.5.24