Pesaro: giudice non ammette l’aggravante omofoba nell’aggressione a un ragazzo gay

Ecco a cosa serve il DDL Zan.

aggressione omofoba roma padova pesaro
Ennesima aggressione omofoba.
3 min. di lettura

È entrato nel vivo il processo ai 3 responsabili del pestaggio omofobo avvenuto a Pesaro il 13 novembre 2019. Perché di questo si era trattato, un’aggressione omofoba. Ma per il giudice, come riporta Corriere Adriatico, l’aggravante di omofobia non è necessaria. E nemmeno la costituzione come parte civile di Arcigay, Anpi e Gens Nova.

Il ragazzo, quella notte, era fuori dalla discoteca “Il Colosseo” di Montecchio, quando un gruppo di 3 persone l’ha attaccato prima verbalmente e poi fisicamente. I 3 omofobi sono un ragazzo 20enne albanese, operaio e pregiudicato, uno studente 27enne di origini napoletane, anch’esso pregiudicato, e una studentessa di 27 anni.

Niente aggravante omofoba per il giudice di Pesaro

L’accusa per il gruppo era di lesioni personali aggravate dal “motivo abietto della discriminazione sessuale” e atti persecutori.

E le argomentazioni proposte dall’avvocato del ragazzo erano chiare: se 3 persone picchiano un coetaneo dicendogli “Brutto gay. Qui non puoi stare in questo locale. Vattene via o ti ammazzosarebbe giusto considerare l’aggravante di omofobia. Ma per il giudice, non è stato così. Una decisione che piace ai 3 imputati, e a cui applaude anche Marco Defendini, l’avvocato di uno dei tre:

Si è trattato di una lite e discussione tra ragazzi senza alcun intento di discriminazione della persona offesa o di qualsivoglia diritto di associazioni o enti.

La delusione di Arcigay

Arcigay Agorà Pesaro-Urbino, non ammessa come parte civile, non può che mostrare la propria delusione su come si siano svolti i fatti, e parla di:

Delusione riguardo la decisione del Tribunale di Pesaro di non riconoscere l’aggravante omofobica nel reato commesso contro un proprio iscritto, studente a Urbino, attaccato verbalmente e fisicamente nei pressi della discoteca Il Colosseo di Montecchio. È evidente dagli atti che gli aggressori non conoscevano la vittima, che hanno attaccato solo perché riconosciuta come gay. Come è possibile non vedere l’aggravante di omofobia qui?

È stata persino respinta la nostra richiesta, assieme a quelle di Anpi e Gens Nova, di costituzione di parte civile. Il giudice non riconosce quale danno materiale avremmo subito.

Partiamo dal presupposto che il danno lo si dimostra in corso di processo e non prima. Ribadiamo che se si attacca una persona perché fa parte di una minoranza, in questo caso quella LGBT+, proprio perché fa parte di suddetta minoranza, l’attacco non è solo personale ma riguarda la comunità LGBT+ tutta, dunque pure noi di Arcigay.

Il presidente Arcigay Giacomo Galeotti, conclude ironizzando:

Provocatoriamente invito la comunità LGBT+ di Pesaro e Urbino a farsi picchiare in Provincia di Rimini dove le aggravanti omofobiche vengono riconosciute in processi simili. Ci riserviamo il diritto di eventuali ricorsi con i nostri avvocati e continueremo a sostenere tutte le vittime di omolesbobitransfobia come abbiamo sempre fatto.

Nessuna discrezionalità con il ddl Zan

La situazione, alla fine, è sempre la stessa: in assenza di una legge come il ddl Zan, che preveda una condanna per questi reati riconoscendoli per quelli che sono – ovvero aggressioni omofobe – si ricade nella discrezionalità del giudice, che può decidere se inserire o meno l’aggravante, come avvenuto in altri processi simili.

Il ddl Zan, alla fine, serve proprio anche a questo: garantire la tutela a una minoranza in caso di discriminazioni, offese verbali o attacchi fisici. Senza una legge ad hoc, sarà sempre il giudice ad accettare la costituzione di parti civili che avrebbero tutto il diritto di essere presenti, e a considerare o negare un’aggravante.

Nel caso di Pesaro, in particolare, l’omofobia è stata la causa scatenante, che non ha portato solo lesioni alla vittima, ma anche mesi di paura, che il ragazzo è riuscito a scacciare solo con l’aiuto di quelle stesse associazioni LGBT che volevano costituirsi come parte civile.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Franzc Dereck 8.7.21 - 18:16

Stanno cambiando il processo civile e penale e solo per riprendere la prescrizione e favorire i corrotti. Ma l'unica vera rivoluzione sarebbe limitare , anzi annullare la discrezionalità dei Giudici ed evitare l'interpretazione delle leggi che fa di ogni processo un caso a parte.

Trending

Svezia transizione 16 anni transgender

Svolta storica anche in Svezia, l’età per la transizione si abbassa a 16 anni, approvata la legge sull’autodeterminazione

News - Francesca Di Feo 18.4.24
Marco Mengoni insieme a Fra Quintale e Gemitaiz canta "Un fuoco di paglia" di Mace, nell'album MAYA. Nel ritornello, Marco si rivolge ad un amore con una desinenza di genere maschile.

Marco Mengoni, una strofa d’amore a un uomo

Musica - Mandalina Di Biase 19.4.24
Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido "fr*cio di merd*" - Federico Fashion Style - Gay.it

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido “fr*cio di merd*”

News - Redazione 19.4.24
Sandokan, c'è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi - Sandokan - Gay.it

Sandokan, c’è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi

Serie Tv - Redazione 18.4.24
Omosessualità Animali Gay

Animali gay, smettiamola di citare l’omosessualità in natura come sostegno alle nostre battaglie

Culture - Emanuele Bero 18.4.24
Amadeus, Sanremo Giovani 2023

Sanremo verso Mediaset, Amadeus in onda sul NOVE già a fine agosto con tre programmi

Culture - Mandalina Di Biase 18.4.24

Continua a leggere

St. Vincent e Grenadine, l'Alta Corte conferma: "Il sesso gay è illegale, legge ragionevolmente necessaria" - Caraibi - Gay.it

St. Vincent e Grenadine, l’Alta Corte conferma: “Il sesso gay è illegale, legge ragionevolmente necessaria”

News - Redazione 19.2.24
io che amo solo te

Io che amo solo te: una storia d’amore al teatro, come antidoto alla paura

Culture - Riccardo Conte 17.11.23
I giovani gay e bisessuali fumano e bevono più dei coetanei etero. Tutta colpa dell’omobitransfobia - I giovani gay e bisessuali fumano piu dei loro coetanei etero. Tutta colpa dellomobitransfobia - Gay.it

I giovani gay e bisessuali fumano e bevono più dei coetanei etero. Tutta colpa dell’omobitransfobia

News - Federico Boni 6.11.23
100 giorni di esternazioni omobitransfobiche di Roberto Vannacci, da generale a Capo di Stato maggiore - roberto vannacci - Gay.it

100 giorni di esternazioni omobitransfobiche di Roberto Vannacci, da generale a Capo di Stato maggiore

News - Redazione 7.12.23
arcobaleno rainbow

Treviso, marmista licenziato perché gay fa causa all’azienda

News - Francesca Di Feo 29.11.23
angelo duro omosessuale

Il monologo di Angelo Duro intriso di omofobia: gay che dovrebbero picchiare omofobi, r*cch*oni eccetera – VIDEO

Culture - Redazione Milano 31.10.23
Alghero_Omofobia_condanna

Alghero, frasi omofobiche ignobili e persecuzioni a coppia gay: condannato a un anno e a pagare 20.000 euro

News - Francesca Di Feo 25.3.24
san-gregorio-magno-quindicenne-accoltella-il-padre

Ragazzo di 15 anni accoltella il padre che lo “accusa” di essere gay durante una lite domestica

News - Francesca Di Feo 18.12.23