Pio e Amedeo: “Non chiediamo scusa, scardineremo l’opinione unica che vogliono imporci”

Lungo evitabile, discutibile, arrogante e urlato sfogo social dei due comici, all'attacco dopo 5 giorni di critiche.

Pio e Amedeo: "Non chiediamo scusa, scardineremo l'opinione unica che vogliono imporci" - Pio e Amedeo 1 - Gay.it
In prime time su Canale 5, Pio e Amedeo si sono concessi un chiacchieratissimo monologo contro il cosiddetto "politicamente corretto".
4 min. di lettura

Dopo 5 giorni di scontate, doverose e annunciate polemiche, Pio e Amedeo hanno replicato dal proprio profilo Instagram a chi li ha accusati di alimentare l’odio verbale con il loro lungo monologo di Felicissima Sera, venerdì scorso.

“Qualcuno forse da questo post si aspetta delle SCUSE e lo avvisiamo subito che rimarrà deluso”, esordiscono i due comici sui social. “Pensiamo che moltissime persone che hanno attaccato il nostro monologo non l’abbiano nemmeno visto per intero e che tanti lo abbiano guardato già prevenuti. Bene, ci rivolgiamo a loro, a “voi”. Non fate finta di non capire quello che abbiamo detto perché “vi” fa comodo trasformarlo nella solita querelle politica da quattro soldi. La politica non ci appartiene. La politica ci omaggia di spunti e personaggi senza distinzioni di partiti per fare quello che vogliamo fare, SATIRA, come abbiamo sempre fatto”.

Peccato che noi il monologo l’abbiamo visto, e rivisto, e rivisto, ed è il duo Pio e Amedeo a non aver forse collegato le intenzioni iniziali del proprio sketch a quanto effettivamente andato in onda.

“Mentre alcuni di “voi” erano impegnati a mettere l’arcobaleno nella foto profilo sui social, i sottoscritti qualche anno fa, sono andati in Russia a respirare la puzza dell’omofobia”, hanno rivendicato su Instagram. “Ci siamo messi in prima linea in uno Stato dove non badano troppo ai modi, perché insieme a Vladimir Luxuria eravamo lì per far sentire la voce per il diritto di uguaglianza, e di buona risposta siamo stati spinti in una macchina con violenza da energumeni e siamo stati buttati fuori fisicamente a calci da quel paese dove gruppi di imbecilli adescano ragazzi gay su internet per incontrarli, pestarli e fare un video per postarlo con fierezza sui social… il tutto senza gridare nessuna parola “politicamente scorretta”, incredibile! Le persone cattive purtroppo possono fare anche a meno dei “vostri” divieti linguistici”.

Quanto fatto in passato, da Iene, non ha però niente a che vedere con quanto detto venerdì sera, davanti a 4.3 milioni di italiani. “LE PAROLE HANNO LA LORO IMPORTANZA! Eccome se ce l’hanno…ma non SONO NULLA IN CONFRONTO ALL’INTENZIONE!”, hanno proseguito Pio e Amedeo. È logica: “le parole non valgono quanto l’intenzione!” Questo abbiamo detto! NON CI PROVATE. Si può fare così schifo anche usando solo termini “politicamente corretti”. Passiamo al nostro suggerimento di usare l’ironia: l’utilizzo dell’ironia laddove si può, è chiaro, è solo quello di tentare di disinnescare l’offesa. NESSUNO HA DETTO CHE l’IRONIA DISINNESCA LA VIOLENZA! La risata è solo un palliativo all’ignoranza, perchè se l’ignoranza è come il covid, il sorriderci su e non dare troppa importanza ai vocaboli è il vaccino. E IL VACCINO NON È LA CURA! Sorriderci su è solo l’ombrello sotto l’acquazzone”.

Ed è qui che l’errore si ripete. Sorridere non potrà mai essere il vaccino per combattere l’ignoranza, se tu vai ad alimentare quell’ignoranza difendendo l’utilizzo di termini inappropriati, che generano dolore, violenza, discriminazione. È un circolo vizioso dal quale diventa impossibile uscire.

“LA CURA all’ignoranza è l’EDUCAZIONE CIVICA, che prescinde dalla lingua. NON CI PROVATE “voi” A METTERCI IN BOCCA CONCETTI NON NOSTRI PERCHÉ CASCATE MALE!”, hanno continuato Pio e Amedeo. “La più grande sciocchezza che abbiamo sentito volete sapere quale pensiamo sia? Che bisogna appartenere ad una comunità per capirne le debolezze, che bisogna aver sofferto per capire. Ma noi stiamo parlando di affrontare un problema che non riguarda la “comunità”, bensì chi LA DENIGRA, LA OFFENDE e LA OSTEGGIA. SONO I CRETINI IL PROBLEMA, non la comunità…per risolvere il problema non bisogna essere della “comunità” ma conoscerne gli “aguzzini”, gli ignoranti intorno. Esistono le PERSONE, non le categorie, LE PERSONE! Esistono i cattivi, i vili, gli schifosi… quelli che adottano la violenza, è contro di loro che ci dobbiamo concentrare. PERCHÈ OGNUNO È LIBERO DI FARE CIÒ CHE VUOLE, SEMPRE MA NEL RISPETTO DEL VIVERE CIVILE! Questa è Democrazia. Non fermiamoci alla grammatica delle parole, OGGI PURTROPPO NON BASTA…EDUCHIAMO ANCHE LA TESTA E NON SOLO IL LINGUAGGIO!“. “Quando diciamo “VOI” ci rivolgiamo a quelli che non hanno capito il nostro messaggio. Perchè fortunatamente, di gay, neri ed ebrei che hanno capito il senso di quello che abbiamo detto ce ne sono tanti, tantissimi, e sono quelli, come noi, a cui basterebbe raggiungere LA VERA UGUAGLIANZA. Per chiudere sappiate che noi abbiamo appena cominciato la nostra battaglia ai luoghi comuni e all’ipocrisia. Il nostro obiettivo è sempre e sempre sarà quello di scardinare questa OPINIONE UNICA che vogliono imporci!”.

Evidentemente Pio e Amedeo sono convinti che si possa fare educazione tralasciando l’utilizzo di un determinato linguaggio. Ma così non è. Le cose devono andare di pari passo. Consigliamo loro di riascoltare quanto detto in 17 minuti. L’agghiacciante sketch sul Pride, che sarebbe inutile perché gli etero non scendono in strada per gridare W la Figa. L’agghiacciante paragone tra “ebrei” e “genovesi”. L’agghiacciante difesa di certe parole che nel nostro mondo, e non su Marte, fanno male, nel 95% dei casi. E il politicamente corretto non c’entra niente di niente, così come la balla del pensiero unico che chissà chi vorrebbe imporre al mondo. Chiedere rispetto e una buona educazione significherebbe alimentare lo spauracchio dell’opinione unica? Un fiume di parole e non un accenno di autocritica, neanche per sbaglio.

Cari Pio e Amedeo sarebbe bastato chiedere scusa, perché non tutte le ciambelle possono venire con il buco. Invece avete rilanciato, insistendo, proseguendo,  cavalcando il mantra del “non ci avete capito“, che è onestamente particolarmente offensivo. Perché detto tra noi, cari Pio e Amedeo, non avete scritto e recitato un trattato filosofico di rara complessità interpretativa. Non c’è bisogno di scomodare il compianto Umberto Eco per dar vita ad un’analisi semiotica di quei 17 brutti minuti. Che brutti erano, e brutti sono rimasti anche dopo questo infinito, evitabile, discutibile, arrogante e urlato sfogo.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
opeful94outlookit 4.5.21 - 23:11

È ovvio che tra dire per esempio "frocio" senza intendere il significato dispregiativo e dirlo intendendo proprio quello è peggio quest'ultimo caso, ma penso sia meglio non usare mai certe parole semplicemente perché il loro significato è dispregiativo anche usandole attribuendogli un significato diverso.

Avatar
patriziobuchergmailcom 4.5.21 - 19:23

Vediamo lo share della prossima puntata!!!!

Avatar
marzzio 4.5.21 - 19:11

Voi che potete, rispondetegli così: ma perché ve la prendete così tanto? Basta riderci su, no???

Trending

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
15 persone famose che non sapevi fossero non binarie - 10 persone famose che non sapevi fossero non binarie - Gay.it

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie

Corpi - Gio Arcuri 13.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
L'Unione Europea è la patria dei diritti LGBTQ+, ma sai davvero come funziona? - unione europea gay it 03 - Gay.it

L’Unione Europea è la patria dei diritti LGBTQ+, ma sai davvero come funziona?

News - Lorenzo Ottanelli 8.5.24
Sergio Mattarella 17 maggio giornata internazionale contro omofobia transfobia bifobia

17 maggio, Mattarella contro l’omobitransfobia: “Non è possibile accettare di rassegnarsi alla brutalità”

News - Redazione 17.5.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

Real Time, non solo Tommaso Zorzi. Tornano anche Enzo Miccio e Federico Fashion Style - Real Time non solo Tommaso Zorzi. Tornano anche Enzo Miccio e Federico Fashion Style 1 - Gay.it

Real Time, non solo Tommaso Zorzi. Tornano anche Enzo Miccio e Federico Fashion Style

Culture - Redazione 21.3.24
Virginia Raffaele e il meraviglioso monologo sull'amore tra Camillo e Karim, minacciati dall'odio sociale - Virginia Raffaele e il meraviglioso monologo sullamore tra Camillo e Karim 1 - Gay.it

Virginia Raffaele e il meraviglioso monologo sull’amore tra Camillo e Karim, minacciati dall’odio sociale

Culture - Federico Boni 27.1.24
Amadeus

Amadeus lascia la Rai e raggiunge Fazio sulla NOVE di Discovery

Culture - Mandalina Di Biase 10.4.24
ILARY BLASI IN 'UNICA' (NETFLIX)

Per sempre dalla tua parte, Ilary

Culture - Riccardo Conte 28.11.23
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, le insicurezze di Federico Massaro: il confronto con Beatrice Luzzi

News - Luca Diana 13.3.24
Sugo-Gate a Belve, Antonella Clerici fa il nome di Ligabue che smentisce: "Mai detta una cosa del genere" (VIDEO) - Sugo Gate a Belve Antonella Clerici fa il nome di Ligabue che smentisce - Gay.it

Sugo-Gate a Belve, Antonella Clerici fa il nome di Ligabue che smentisce: “Mai detta una cosa del genere” (VIDEO)

Culture - Redazione 24.4.24
Eurovision 2024, è il giorno della prima semifinale. Ecco ospiti e ordine d'uscita (VIDEO) - Eurovision 2024 - Gay.it

Eurovision 2024, è il giorno della prima semifinale. Ecco ospiti e ordine d’uscita (VIDEO)

Musica - Redazione 7.5.24
Leo Gullotta: "Il Governo Meloni non mi piace. Lei è una donna furba attorniata da fascisti, vuole comandare" (VIDEO) - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta: “Il Governo Meloni non mi piace. Lei è una donna furba attorniata da fascisti, vuole comandare” (VIDEO)

Culture - Redazione 13.3.24