Power Lesbians e Power Suits: breve storia di una rivoluzione del costume

Da Chanel a Cate Blanchett, dai red carpet agli uffici delle CEO: completi evergreen, con pantalone, ma anche con gonna, dai tessuti raffinati o dal taglio più informale, monocolore, di tweed, gessati.

Power Suits Gay.it
3 min. di lettura

Power Lesbians, definizione che allude a un potere che fu maschile. Power Suits, definizione di un abito che fu simbolo di quel potere. Questo è il breve racconto di come l’abito giacca+pantalone sia oggi un look da tutti i giorni per donne che lasciano noi lesbiche senza fiato.

Butch, dykes, femmes, ognuna ha il suo guardaroba preferito. C’è però un capo di abbigliamento che ritorna ciclicamente e non passa mai di moda, i cosiddetti Power Suits. Completi eleganti e professionali, con pantaloni –  ma anche gonne –, giacca abbinata e camicia. Quel che il maschio definisce “abito”, e che le donne sdrammatizzano, con l’ironia di chi indossa la divisa simbolo semplicemente come look per tutti i giorni. Possono essere raffinati, sportivi o casual, monocolore, di tweed o gessati. L’importante è che siano ciò che si indosserebbe a un meeting o un evento importante e che trasmettano rigorosamente potere. E poco importa se – in verità – di quel potere non ci importa nulla.

Power Suits Gay.it
I primi tailleur femminili degli anni Venti

Per quanto spesso vengano descritti come un capo tipicamente maschile, i Power Suits esistono nella moda femminile già dagli anni Venti, quando una pioniera della sartoria come Chanel le introdusse per le sue clienti. Si trattava allora di tailleur abbinati alle gonne in jersey e di diversi colori, con linee rigorose ed eleganti che permettevano una certa libertà nel quotidiano. I completi si sono poi evoluti negli anni Sessanta quando, grazie a Yves Saint Laurent, nacque lo smoking per le donne. Qui l’idea che una donna indossasse un abito così simile a quello di un uomo scatenò le prime polemiche, a proposito dell’aspetto troppo androgino che le belle fanciulle andavano assumendo, ma la rivoluzione che abbatteva gli steccati di genere era iniziata e nulla poteva fermarla. Anzi, lo smoking di Yves Saint Laurent sarà indossato dalle dive del cinema, una su tutte Marlene Dietrich. Così i Power Suits furono in un certo senso simbolo di emancipazione e liberazione delle donne. Ma ci fu un successivo passo, altrettanto importante, che portò i Power Suits ai giorni nostri, associandoli a quel che oggi molti chiamano Power Lesbians.

Negli anni Ottanta, la mascolinità femminile diventa mainstream. Le donne, soprattutto dopo la rivoluzione culturale e sessuale del ’68, indossano i pantaloni come simbolo di ribellione al patriarcato. Le donne androgine vengono innalzate a dee (come dimenticare Grace Jones e i suoi incredibili outfit?). È a questo punto che quei completi di sartoria assumono quelle forme e quelle linee che conosciamo e indossiamo ancora oggi: spalline a soffietto o squadrate, pantaloni a gamba larga e accostamenti di colori e forme che evocano un’indiscussa autorità caratteriale.

Power Suits Gay.it
Power Suits: i completi femminili ieri e oggi

L’universo lesbico oggi è particolarmente affezionato a questo indumento. Non importa se la donna che lo indossa sia etero o no: al primo avvistamento di una Power Suits, possiamo essere sicuri di trovare qualche donna lesbica in iperventilazione. Rachel Weisz con uno smoking nero? Fatto. Cate Blanchett che indossa un completo con ogni colore dell’arcobaleno? Adoriamo un guardaroba variopinto. Su ogni red carpet c’è qualcuna che si esibisce con quel set coordinato che fa sognare. E che dire dei “thirst traps” che hanno invaso il mondo LGBTQ+ di Tik Tok? Alcuni dovrebbero essere illegali.

Anche al cinema e in tv abbiamo una buona dose di esempi, da Winona Ryder in Heathers a Jennifer Beals in The L Word e Viola Davis in Le regole del delitto perfetto, solo per citarne alcune. La lista è lunga. E ognuna ha il suo stile, che mette in mostra nella vita di tutti i giorni. Un trend che non passerà mai di moda.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24
Francesco Cicconetti, l'Università di Urbino gli riconosce l'identità di genere anche sul diploma - Francesco Cicconetti - Gay.it

Francesco Cicconetti, l’Università di Urbino gli riconosce l’identità di genere anche sul diploma

News - Redazione 17.5.24
parma pride 2024 intervista

Intervista a Parma Pride 2024: “Nutriamo l’amore! Le unioni civili sono un ripiego”

News - Gio Arcuri 14.5.24
Sergio Mattarella 17 maggio giornata internazionale contro omofobia transfobia bifobia

17 maggio, Mattarella contro l’omobitransfobia: “Non è possibile accettare di rassegnarsi alla brutalità”

News - Redazione 17.5.24
Nemo The Code significato e come è nata

Nemo, il magnifico testo non binario di “The Code” è nato così: ecco cosa racconta davvero

Musica - Mandalina Di Biase 13.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

Marcelo Burlon

Marcelo Burlon lascia il suo brand per godersi suo marito, i suoi cani e le nuove attività

Lifestyle - Redazione Milano 23.4.24
Kaiser Karl, Daniel Brühl è Karl Lagerfeld nella prima immagine ufficiale - Kaiser Karl - Gay.it

Kaiser Karl, Daniel Brühl è Karl Lagerfeld nella prima immagine ufficiale

Serie Tv - Redazione 12.1.24
Alessandro Michele - Creative Director Valentino

Valentino, Alessandro Michele direttore creativo dopo l’addio di Pierpaolo Piccioli che andrebbe da Chanel

Lifestyle - Mandalina Di Biase 28.3.24
Sabato De Sarno direttore creativo Gucci - foto @tyrellhampton + @federicociamei

Sabato De Sarno non vuole controllare le emozioni

Culture - Riccardo Conte 26.3.24
Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: "Un sogno diventato realtà" - Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri genitori - Gay.it

Simon Porte Jacquemus e Marco Maestri sono diventati genitori di Mia e Sun: “Un sogno diventato realtà”

Culture - Redazione 23.4.24
Gabriele Esposito, Giuseppe Giofrè e Simone Susinna - Foto: Instagram

18 bollenti mutande indossate per Calvin Klein

Lifestyle - Luca Diana 5.1.24
Sabato De Sarno (MUBI)

Sabato De Sarno, Paul Mescal e l’Apple Vision Pro

Lifestyle - Redazione Milano 19.3.24
Mahmood inSAFE FROM HARM A FILM BY WILLY CHAVARRIA

Mahmood, il video integrale di Willy Chavarria designer di collezioni non binarie

Lifestyle - Mandalina Di Biase 13.2.24