Crotone, 15enne gay preso a pugni e calci. Il padre: “Subiva minacce da mesi, nessuna legge lo tutela”

Nuova terribile violenza ai danni di un adolescente gay, questa volta sul lungomare di Crotone. Maiorino (M5S): "DDL Zan va approvato subito, è già tardi"

aggressione omofoba roma padova pesaro
Ennesima aggressione omofoba.
2 min. di lettura

Mentre tra i palazzi del potere si continua a discutere dell’effettiva necessità di una legge che punisca chi si macchia di reati a sfondo omotransfobico, un nuovo caso di violenza legata all’orientamento sessuale della vittima si è verificato, questa volta a Crotone. Un ragazzo gay di appena 15 anni è stato infatti picchiato con calci e pugni sul lungomare della città calabrese sabato scorso.

Stando a quanto rivelato dal padre dell’adolescente, riprese dai giornali locali, l’aggressore maggiorenne avrebbe da tempo minacciato il figlio, difeso durante il pestaggio da una coppia di passanti. “Mio figlio subiva vessazioni da mesi“, ha confessato l’uomo al Corriere della Calabria, rivelando il passato scolastico travagliato del ragazzo gay e di essere preoccupato per il suo futuro:

Solo ora ho più chiara la situazione. Mio figlio da questo ragazzo più grande di lui subiva vessazioni da mesi. Ieri ha trovato il coraggio di farmi sentire dei messaggi vocali in cui dalla stessa persona veniva minacciato, gli ha anche detto che gli avrebbe tagliato la testa con un’ascia. Mi fa soffrire la consapevolezza di essere solo con mio figlio. Non mi crea problemi il suo orientamento sessuale, voglio che sia felice, lo rispetto comunque esso sia, ma mi fa paura il contesto culturale in cui viviamo. Non c’è legge che tuteli contro queste mortificazioni e mio figlio ne ha subite tante. Abbiamo cambiato tre scuole, sempre perché veniva etichettato come una femminuccia, veniva escluso. Questa è la vera sofferenza per un genitore, non il fatto che sia gay.

Scarsa anche la fiducia nel sistema politico e giudiziario nazionale, che ancora non tutela a sufficienza chi subisce atti di bullismo e violenza fisica con l’aggravante dell’orientamento sessuale o dell’identità di genere. Il riferimento è al ritardo nell’approvazione del DDL Zan, il disegno di legge che amplierebbe la Legge Mancino ad altri crimini d’odio:

Chi non vuole la legge Zan forse è perché ritiene giusto che si continui a legittimare simili cose. Bisogna essere toccati da vicino per capire il dolore che generano. Cosa resta da fare ad un padre come me allora? Farsi giustizia da soli?

A commentare la vicenda è stata nelle scorse ore anche Alessandra Maiorino, senatrice del Movimento 5 Stelle, che ha condiviso la notizia sulla sua pagina Facebook, con un commento in cui ha ripercorso i tristi casi di omofobia che negli scorsi giorni hanno catturato l’attenzione dei media:

Le parole di questo padre sono molto più utili e illuminanti delle decine di audizioni volute in maniera ostruzionistica dalla Lega in Senato. Le aggressioni in questi giorni si susseguono in maniera impressionante: Milano, Torino, il suicidio del povero Orlando, ora questo. Non possiamo non prendere posizione netta: la Legge Zan, cui tanto come Movimento 5 Stelle abbiamo contribuito partecipando alla scrittura e sostenendola senza incertezze, va approvata e va approvata subito. Ora. Perché ora è già tardi.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Niente Olimpiadi di Parigi 2024 per Lia Thomas, la decisione del CAS contro la nuotatrice trans - Lia Thomas - Gay.it

Niente Olimpiadi di Parigi 2024 per Lia Thomas, la decisione del CAS contro la nuotatrice trans

Corpi - Redazione 14.6.24
Alex Wyse in concerto

Alex Wyse contro i pregiudizi: “Siate liberi di essere ciò che siete. Nessuno può porci confini”

Musica - Emanuele Corbo 13.6.24
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24
Mahmood Ra Ta Ta e marijuana

Mahmood RA TA TA, bimbi senza mamma, una faccia mulatta e la marjuana

Musica - Emanuele Corbo 14.6.24
"C'è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+", intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno - Torino Pride 2023 - Gay.it

“C’è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+”, intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno

News - Francesca Di Feo 13.6.24
Prisma 2 Andrea Daniele scena sesso Lorenzo Zurzolo Mattia Carrano 01

Prisma 2, spoiler: la scena di sesso tra Andrea e Daniele non è gay, Bessegato: “Non sono una coppia gay”

Serie Tv - Mandalina Di Biase 11.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

Vannacci: "L'omofobia è una malattia psichiatrica e io le visite mediche le ho passate sempre tutte" - Vannacci - Gay.it

Vannacci: “L’omofobia è una malattia psichiatrica e io le visite mediche le ho passate sempre tutte”

News - Redazione 23.5.24
san-gregorio-magno-quindicenne-accoltella-il-padre

Ragazzo di 15 anni accoltella il padre che lo “accusa” di essere gay durante una lite domestica

News - Francesca Di Feo 18.12.23
Poliziotto costretto ad esami psichiatrici per verificare se fosse gay, il Tar condanna il ministero - carcere - Gay.it

Poliziotto costretto ad esami psichiatrici per verificare se fosse gay, il Tar condanna il ministero

News - Redazione 18.4.24
Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido "fr*cio di merd*" - Federico Fashion Style - Gay.it

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido “fr*cio di merd*”

News - Redazione 19.4.24
arezzo-whynot-chiuso

Arezzo, chiusa la serata queer WhyNot per troppi episodi di violenza verbale omobitransfobica

News - Francesca Di Feo 21.3.24
omofobia ragazzo giovane gay

Pontedera, 18enne cacciato di casa dopo il coming out: “Niente figli gay, vattene”

News - Francesca Di Feo 27.3.24
aggressione-marrazzo

Aggredito Fabrizio Marrazzo, leader del Partito Gay: “Non è intervenuto nessuno” – VIDEO

News - Francesca Di Feo 12.6.24
pro-vita-manifesti-como-brescia

Pro Vita e Famiglia, nuovi manifesti “anti-gender” a Como e Brescia: la risposta di Arcigay

News - Francesca Di Feo 6.1.24