Regno Unito: fondamentalismo religioso sconfitto dai Lord

La Camera dei Lord ha detto no a un tentativo lanciato dalla destra fondamentalista religiosa di cancellare la nuova normativa contro le discriminazione basate sull’orientamento sessuale.

Regno Unito: fondamentalismo religioso sconfitto dai Lord - Camera dei Lord - Gay.it
2 min. di lettura

LONDRA – La Camera dei Lord del Regno Unito ha respinto il tentativo di gruppi religiosi di bloccare una nuova legge che impedisce di discriminare nella fornitura di beni e servizi ai cittadini sulla base dell’orientamento sessuale. La legge rientra nel ben più ampio ombrello normativo messo in atto dalla autorità britanniche per contrastare ogni forma di discriminazione, sia che riguardi il sesso, l’etnia, la religione o altre condizioni individuali. La legge è già in vigore in Irlanda del Nord e la sua estensione al resto del paese è prevista per il mese di aprile e dichiara illegittimo, ad esempio, che un ristoratore si rifiuti di servire una coppia di gay, o lesbiche, o transgender. Mentre all’interno della House of Lords avveniva il dibattito all’esterno manifestanti dei gruppi evangelici, fondamentalisti cristiani (compresi alcuni prelati sia della chiesa anglicana che di quella cattolica romana) e attivisti musulmani protestavano per poter mantenete il loro diritto alla discriminazione. Un po’ come avveniva negli USA negli anni ’50 nei confronti delle persone di colore.
L’argomento utilizzato ha invocato la libertà di religione e di coscienza. Gli oppositori della legge hanno sostenuto che questa li costringerà a farsi “promotori” di omosessualità nelle loro scuole o a dover affittare i loro padiglioni a gruppi gay. Majid Katme, uno dei leader della frangia musulmana, aveva scritto agli altri imam la settimana scorsa invitandoli a unirsi alla protesta perché le nuove norme avrebbero richiesto “a credenti musulmani e cristiani di accettare e assumere omosessuali o chiunque altro con devianze sessuali nelle nostre istituzioni musulmani, centri, moschee, scuole, club, compagnie, hotel, aziende, negozi eccetera.” Naturalmente gli attivisti di queste stesse organizzazioni richiedono che nessuno possa essere discriminato e penalizzato per via del suo credo religioso, ma pretendono che le stesse protezioni non valgano anche per altre categorie di persone.
Fortunatamente non tutti i gruppi religiosi hanno sostenuto queste proteste, ritenute assurde e ingiustificate. Anzi è da sottolineare che gran parte delle associazioni, tra le quali il Muslim Council of Britain (musulmana), il Board of Deputies of British Jews (ebraica) e Faithworks (cristiana) hanno dato il proprio sostengo alla normativa anti discriminazioni. I Lord a larga maggioranza, 199 a 68, hanno dato il loro voto a favore del Sexual Orientation Regulations. Perché discriminare contro altri in nome della propria fede è, diciamolo, cosa ingiusta e meschina, nonché in totale contrasto con i più basilari concetti del rispetto dei diritti umani. Di tutti gli umani. (Roberto Taddeucci)

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tiziano Ferro ospite di Voci Parallele

Giuni Russo “Voci Parallele”: Tiziano Ferro, Irene Grandi e tutti gli ospiti del concerto in ricordo di un’artista immensa

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24
I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming - ilm queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming

Corpi - Federico Boni 10.6.24
Prisma 2 Andrea Daniele scena sesso Lorenzo Zurzolo Mattia Carrano 01

Prisma 2, spoiler: la scena di sesso tra Andrea e Daniele non è gay, Bessegato: “Non sono una coppia gay”

Serie Tv - Mandalina Di Biase 11.6.24
Niente Olimpiadi di Parigi 2024 per Lia Thomas, la decisione del CAS contro la nuotatrice trans - Lia Thomas - Gay.it

Niente Olimpiadi di Parigi 2024 per Lia Thomas, la decisione del CAS contro la nuotatrice trans

Corpi - Redazione 14.6.24
L'Amante dell'Astronauta, l'amore queer "spudoratamente felice" che abbatte limiti ed etichette - Lamante dellastronauta 05 - Gay.it

L’Amante dell’Astronauta, l’amore queer “spudoratamente felice” che abbatte limiti ed etichette

Cinema - Federico Boni 14.6.24
Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora - Sephora bigmama - Gay.it

Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora

News - Gay.it 14.6.24

Hai già letto
queste storie?

Capodanno 2024

Benevenuto 2024 queer: Mahmood, Billie Eilish, Paola e Chiara, Madame e altrə amicə

News - Luca Diana 3.1.24
milano-transfobia-consiglio-comunale

Milano, transfobia in Consiglio Comunale da parte del consigliere Lega Samuele Piscina – LINGUAGGIO FORTE

News - Francesca Di Feo 4.3.24
triptorelina-tavolo-tecnico-schillaci-roccella

Triptorelina, parte la commissione del governo che ne “rivaluterà” l’utilizzo, ma le associazioni LGBTI+ non sono coinvolte

News - Francesca Di Feo 16.5.24
L’eurodeputata leghista Basso contro i manifesti pro famiglie arcobaleno di Ravenna: "Chiederò spiegazioni a Bruxelles" - Leurodeputata leghista Basso - Gay.it

L’eurodeputata leghista Basso contro i manifesti pro famiglie arcobaleno di Ravenna: “Chiederò spiegazioni a Bruxelles”

News - Redazione 8.1.24
stretto pride messina 2024

Stretto Pride 2024: sabato 20 luglio a Messina

News - Redazione 10.5.24
Roccella e Meloni: "Ci sono le femmine e ci sono i maschi. No teoria gender nelle scuole. GPA disumana" - Giorgia Meloni e Eugenia Roccella - Gay.it

Roccella e Meloni: “Ci sono le femmine e ci sono i maschi. No teoria gender nelle scuole. GPA disumana”

News - Redazione 20.5.24
L’Indonesia vuole vietare i media LGBTQIA+ e il giornalismo investigativo - indonesia gay protest - Gay.it

L’Indonesia vuole vietare i media LGBTQIA+ e il giornalismo investigativo

News - Redazione 29.5.24
Papa Francesco non vuole più seminaristi gay e avrebbe usato parole offensive verso le persone omosessuali - papa francesco wow - Gay.it

Papa Francesco non vuole più seminaristi gay e avrebbe usato parole offensive verso le persone omosessuali

News - Redazione 27.5.24