Regno Unito: fondamentalismo religioso sconfitto dai Lord

La Camera dei Lord ha detto no a un tentativo lanciato dalla destra fondamentalista religiosa di cancellare la nuova normativa contro le discriminazione basate sull’orientamento sessuale.

Regno Unito: fondamentalismo religioso sconfitto dai Lord - Camera dei Lord - Gay.it
2 min. di lettura

LONDRA – La Camera dei Lord del Regno Unito ha respinto il tentativo di gruppi religiosi di bloccare una nuova legge che impedisce di discriminare nella fornitura di beni e servizi ai cittadini sulla base dell’orientamento sessuale. La legge rientra nel ben più ampio ombrello normativo messo in atto dalla autorità britanniche per contrastare ogni forma di discriminazione, sia che riguardi il sesso, l’etnia, la religione o altre condizioni individuali. La legge è già in vigore in Irlanda del Nord e la sua estensione al resto del paese è prevista per il mese di aprile e dichiara illegittimo, ad esempio, che un ristoratore si rifiuti di servire una coppia di gay, o lesbiche, o transgender. Mentre all’interno della House of Lords avveniva il dibattito all’esterno manifestanti dei gruppi evangelici, fondamentalisti cristiani (compresi alcuni prelati sia della chiesa anglicana che di quella cattolica romana) e attivisti musulmani protestavano per poter mantenete il loro diritto alla discriminazione. Un po’ come avveniva negli USA negli anni ’50 nei confronti delle persone di colore.
L’argomento utilizzato ha invocato la libertà di religione e di coscienza. Gli oppositori della legge hanno sostenuto che questa li costringerà a farsi “promotori” di omosessualità nelle loro scuole o a dover affittare i loro padiglioni a gruppi gay. Majid Katme, uno dei leader della frangia musulmana, aveva scritto agli altri imam la settimana scorsa invitandoli a unirsi alla protesta perché le nuove norme avrebbero richiesto “a credenti musulmani e cristiani di accettare e assumere omosessuali o chiunque altro con devianze sessuali nelle nostre istituzioni musulmani, centri, moschee, scuole, club, compagnie, hotel, aziende, negozi eccetera.” Naturalmente gli attivisti di queste stesse organizzazioni richiedono che nessuno possa essere discriminato e penalizzato per via del suo credo religioso, ma pretendono che le stesse protezioni non valgano anche per altre categorie di persone.
Fortunatamente non tutti i gruppi religiosi hanno sostenuto queste proteste, ritenute assurde e ingiustificate. Anzi è da sottolineare che gran parte delle associazioni, tra le quali il Muslim Council of Britain (musulmana), il Board of Deputies of British Jews (ebraica) e Faithworks (cristiana) hanno dato il proprio sostengo alla normativa anti discriminazioni. I Lord a larga maggioranza, 199 a 68, hanno dato il loro voto a favore del Sexual Orientation Regulations. Perché discriminare contro altri in nome della propria fede è, diciamolo, cosa ingiusta e meschina, nonché in totale contrasto con i più basilari concetti del rispetto dei diritti umani. Di tutti gli umani. (Roberto Taddeucci)

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
stati-uniti-transfobia-omofobia-antisemitismo-e-suprematismo-bianco-dilagano-nelle-fila-del-partito-repubblicano (2)

Stati Uniti: transfobia, omofobia, antisemitismo e suprematismo bianco dilagano nel Partito Repubblicano

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard - Xavier Dolan - Gay.it

Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard

News - Federico Boni 1.3.24
Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO) - Due megattere maschi fanno sesso storico primo avvistamento alle Hawaii - Gay.it

Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO)

News - Redazione 1.3.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale - olly alexander - Gay.it

Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale

Culture - Redazione 1.3.24

Hai già letto
queste storie?

russia-putin-comunita-lgbt-bambini

Russia, Putin sulla comunità LGBTQIA+: “Giù le mani dai bambini”

News - Redazione Milano 23.2.24
I repubblicani d'America presentano legge per bandire le atlete trans dalla squadra olimpica - Laurel Hubbard 1 - Gay.it

I repubblicani d’America presentano legge per bandire le atlete trans dalla squadra olimpica

News - Federico Boni 7.2.24
Ciclone Fabrizio Corona sul Calcio: “Presto parlerò dei calciatori gay e del perché non fanno coming out” - fabrizio corona - Gay.it

Ciclone Fabrizio Corona sul Calcio: “Presto parlerò dei calciatori gay e del perché non fanno coming out”

News - Redazione 13.10.23
L'estate italiana dell'omobitransfobia, Zan: "Il Governo Meloni è corresponsabile, chi lo nega è complice" - alessandro zan - Gay.it

L’estate italiana dell’omobitransfobia, Zan: “Il Governo Meloni è corresponsabile, chi lo nega è complice”

News - Federico Boni 8.9.23
Estonia, dal 1° Gennaio 2024 il matrimonio egualitario è in vigore.

Estonia, coppie lesbiche e coppie gay possono sposarsi

News - Redazione Milano 2.1.24
Sammy Mahdi, il politico belga di destra che ha vinto lo show drag Non sono una Signora - Sammy Mahdi - Gay.it

Sammy Mahdi, il politico belga di destra che ha vinto lo show drag Non sono una Signora

News - Redazione 28.9.23
coppia gay mano nella mano

Perché noi persone queer abbiamo ancora paura a tenerci per mano?

News - Emanuele Bero 6.11.23
tdor ungheria transgender

Ungheria, 60 persone transgender presentano ricorso al Tribunale Europeo dei Diritti dell’Uomo contro le leggi anti-trans

News - Francesca Di Feo 20.11.23