In Batman l’idea di far morire Robin nacque dall’epidemia dell’HIV

Il creatore del fumetto ha ricordato l'origine dell'idea di far morire il compagno di Batman.

In Batman l'idea di far morire Robin nacque dall'epidemia dell'HIV - robin - Gay.it
2 min. di lettura
In un’intervista Jim Starlin, il creatore dei Guardiani della Galassia, ha parlato delle cause della morte di Robin, vicenda che scrisse personalmente sulle pagine del fumetto Batman.
Il fatto risale al 1998, quando Dc Comics diede vita a una delle mosse pubblicitarie più memorabili nella storia del fumetto. Tecnicamente, si trattava del secondo Robin a sparire. Il primo, creato nel ’39 e di nome Dick Grayson era sparito già anni prima. Il nuovo Robin era un ragazzo di strada di nome Jason Todd, che Batman sorprese mentre gli rubava una ruota della sua Batmobile.
Todd era un tipo ombroso e incline a scoppi di violenza. Molti lettori non amavano il personaggio e questo portò a Death in the Family, il numero della saga in cui Robin moriva per mano del Joker. Ma proprio prima dell’ultima puntata fu data ai lettori la possibilità di scegliere, attraverso un numero telefonico da chiamare.
Su 10.000 chiamate, per meno di 100 voti vinse la “condanna a morte” del compagno dell’uomo pipistrello. Solo però recentemente l’autore della storyline, Jim Starlin, ha raccontato un aneddoto su come sono andarono davvero all’epoca le cose.
robain_death_adx500_copy
“L’idea di uccidere Robin venne alla fine degli anni ’80 con l’inizio dell’epidemia di Aids. Fu Dc comics a lanciare l’idea – quale personaggio dovrebbe morire di Aids? Io scelsi Robin. Alla fine però fu presa una decisione diversa: scelsero Jimmy Olsen, ma quando scoprirono che l’attore che lo impersonava nel film degli anni ’50 in Superman, Jack Larson, era gay, abbandonarono del tutto il progetto per paura delle conseguenze mediatiche.”
L’idea probabilmente nacque dalla volontà di cavalcare l’onda pubblicitaria che aveva portato all’onore delle cronache Ryan White, un ragazzo sieropositivo che divenne famoso in quegli anni proprio come simbolo della lotta all’HIV. L’episodio ha un valore forse marginale per la storia del fumetto ma evidenzia come l’HIV abbia influenzato la cultura popolare in modi talmente profondi da non risultare spesso riconoscibili.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Maria Francesca Focarelli Baro 30.11.16 - 13:51

Si potrebbe avere la fonte attendibile di tale intervista all'autore? Perché personalmente trovo l'articolo falso e un innaggiamento all'odio... Jason Todd morì a causa delle torture inflitte dal Joker e per le ferite causate dell'esplosione di una bomba attivata sempre da quest'ultimo...in Africa. Poi se i retroscena sono altri, chino la testa e ammetto la mia ignoranza, ma vorrei le prove. Tra l'altro era il 1988, non 1998, ma qui do la colpa alla tastiera.

Avatar
Maria Francesca Focarelli Baro 30.11.16 - 13:50

Si potrebbe avere la fonte attendibile di tale intervista all'autore? Perché personalmente trovo l'articolo falso e un innaggiamento all'odio... Jason Todd morì a causa delle torture inflitte dal Joker e per le ferite causate dell'esplosione di una bomba attivata sempre da quest'ultimo...in Africa. Poi se i retroscena sono altri, chino la testa e ammetto la mia ignoranza, ma vorrei le prove. Tra l'altro era il 1988, non 1998, ma qui do la colpa a mmmmh tolta tastiera.

Trending

Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il percorso di Federico Massaro dopo l’uscita di Vittorio Menozzi

Culture - Luca Diana 27.2.24
FR*CINEMA

A Roma arriva FR*CINEMA, tra film queer e riappropriazione culturale

Cinema - Redazione Milano 28.2.24
Roberto Vannacci Paola Egonu Matteo Salvini

Vannacci sospeso dall’Esercito Italiano, Egonu lo querela, Salvini lo difende

News - Giuliano Federico 28.2.24
Alberto De Pisis

Alberto De Pisis, tra carriera, amori e speranze per il futuro: “Mi piacerebbe diventare papà” – intervista

Culture - Luca Diana 28.2.24
Hiv sentenza Bari su U uguale U Gay.it

U = U, sentenza storica, assolto un uomo accusato di aver trasmesso l’Hiv: se non è rilevabile non si può trasmettere

Corpi - Daniele Calzavara 28.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24

Continua a leggere

libri hiv stigma Rebecca Makka Hervé Guibért Giulia Scomazzon Elena Di Cioccio

Oltre lo stigma Hiv: libri, narrazioni e discorsi

Culture - Federico Colombo 30.11.23
prepcamp viiv healthcare

PrEP oltre gli stereotipi, ecco “come mi ha migliorato la vita”: le storie vere di Claudia, Marcello, Carlotta e Lorenzo – VIDEO

Corpi - Daniele Calzavara 20.11.23
milano checkpoint

5 anni di Milano Check Point, tra prevenzione e sensibilizzazione

Corpi - Redazione Milano 13.10.23
ARIM

Al via la XI edizione ARIM, sport e musica sostengono la lotta all’Hiv

Corpi - Daniele Calzavara 19.9.23
Supereroe gay Northstar Marvel

Il primo supereroe gay, quando nel 1983 Northstar incontrò un suo ex

Culture - Francesca Di Feo 19.10.23
Donatella Versace lotta con noi: sostegno a Milano Check Point nella lotta ad hiv e malattie a trasmissione sessuale - donatella versace alessandro zan milano check point 2 - Gay.it

Donatella Versace lotta con noi: sostegno a Milano Check Point nella lotta ad hiv e malattie a trasmissione sessuale

Corpi - Redazione Milano 1.12.23
Elton John al parlamento inglese: "Il prossimo premier faccia di più per sradicare l’aids entro il 2030" - Elton John - Gay.it

Elton John al parlamento inglese: “Il prossimo premier faccia di più per sradicare l’aids entro il 2030”

News - Redazione 30.11.23
Echo, la regista Sydney Freeland spiega come il suo essere donna trans l'abbia aiutata a girare la serie Disney Marvel - Echo foto - Gay.it

Echo, la regista Sydney Freeland spiega come il suo essere donna trans l’abbia aiutata a girare la serie Disney Marvel

Serie Tv - Redazione 11.1.24