Sapienza, cancellata la festa del Pride universitario: le accuse degli organizzatori

Cancellata all'ultimo momento la festa che avrebbe dovuto chiudere il Festival LGBTQIA+ de La Sapienza.

Sapienza, cancellata la festa del Pride universitario: le accuse degli organizzatori - Scaled Image 1 20 - Gay.it
2 min. di lettura

Nei giorni scorsi, come scritto, l’Università La Sapienza di Roma ha tenuto una serie di incontri ed eventi LGBT per dire basta all’omofobia, bifobia e transfobia, con tanto di primo storico Pride all’interno dell’Ateneo, tra le vie della Città universitaria.

Una settimana che si sarebbe dovuta concludere con la festa “Shut up and Dance!”, improvvisamente annullata. ‘La Sapienza è sempre più escludente: egli ultimi mesi è sempre più difficile fare iniziative organizzate dagli studenti e dalle studentesse su qualsiasi tematica‘, rimarcano gli organizzatori, di fatto fermati dalla burocrazia universitaria, che denunciano ‘ha voluto rendere difficile l’organizzazione di un evento culturale come il Festival LGBTQIA+‘.

Le richieste di prenotazione delle aule, anche quelle fatte da parte dai nostri rappresentanti, o sono state revocate all’ultimo minuto, o sono state ignorate, o ci si è inventati scuse campate in aria per rifiutarle, nonostante fosse tutto in regola. Per gli ingenti costi da sostenere, impensabili per un’associazione autofinanziata come la nostra, per il rischio di denunce minacciato da più parti in questi giorni e per l’impossibilità di un confronto con l’istituzione universitaria siamo stati costretti ad annullare la festa “Shut up and dance”. Questo perché la Sapienza ha deciso di emanare un regolamento per le feste estremamente restrittivo, pensato a misura di imprese private, di grandi investitori, pensato per impedire alla componente studentesca di prendere parte attiva nella costruzione di momenti sociali e di partecipazione. La nostra era una festa nata per combattere contro tutte le forme di discriminazione, pensata come culmine di una settimana contro l’omo-lesbo-bi-transfobia.

Parole dure che ricordano i tanti (troppi?) episodi avvenuti nel corso dell’ultimo anno. Prima il convegno a dicembre sulla prevenzione all’HIV annullato improvvisamente e senza motivazioni valide dal preside di Ingegneria, Antonio D’Andrea; poi lo sgombero di Punto di Fuga, uno spazio aperto ad ex-Poste e gestito dalla comunità studentesca per tutte e tutti, che ora è diventato un ufficio amministrativo; infine lo sgombero di quella che per due anni è stata la sede dell’associazione studentesca PRISMA, per diventare il dopo-lavoro dell’associazione privata dei dipendenti della Sapienza, di cui Rettore e ex-Direttore Generale sono tra i dieci soci fondatori.

Tutto questo è gravissimo“, continuano gli organizzatori del Festival LGBTQIA+.Il clima repressivo che si respira è problematico e non permette di vivere appieno il nostro Ateneo per costruire uno spazio libero, in cui fare cultura, anche attraverso momenti di socialità e divertimento. Non vogliamo accettare l’idea di un’Università chiusa, che diventi solo un esamificio che ci tratti come utenti e non come persone. Non possiamo fermarci davanti a tutto questo, vogliamo un’Università che sappia ricoprire un ruolo sociale e culturale, che vada ben oltre il credito formativo, che sia capace di dialogare con gli studenti e le studentesse, che sappia costruire momenti, oltre alle classiche lezioni frontali, che siano formativi su più piani, per tutte e tutti. Invitiamo tutti a partecipare all’assemblea pubblica di Lunedì 21 alle ore 12, al Pratone della Città Universitaria, organizzata insieme alle altre realtà universitarie che lottano ogni giorno per un’Università diversa, per un’Università che sappia valorizzare e includere davvero i suoi studenti e le sue studentesse“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
L'artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché "a scuola diventerebbe gay" (VIDEO) - Bryce Mitchell - Gay.it

L’artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché “a scuola diventerebbe gay” (VIDEO)

Corpi - Redazione 24.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy - ecnv mommy - Gay.it

10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy

Cinema - Federico Boni 24.5.24
Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: "Solo l'amore conta" - Bari il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme - Gay.it

Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: “Solo l’amore conta”

News - Redazione 24.5.24

Leggere fa bene

Harvey Milk

94 anni fa nasceva Harvey Milk, l’uomo che voleva “reclutarci tuttə”

News - Federico Boni 22.5.24
Germania, la Baviera vieta l'uso di un linguaggio inclusivo nelle scuole - non binary power sign 960x640 1 - Gay.it

Germania, la Baviera vieta l’uso di un linguaggio inclusivo nelle scuole

News - Redazione 26.3.24
Russia, banditi i primi "libri LGBT". Vietati Michael Cunningham, James Baldwin e Vladimir Sorokin - vladimir putin 1 - Gay.it

Russia, banditi i primi “libri LGBT”. Vietati Michael Cunningham, James Baldwin e Vladimir Sorokin

News - Redazione 7.5.24
Gabriel Attal

Gabriel Attal, luci e ombre del Primo Ministro francese gay che piace alla destra

News - Lorenzo Ottanelli 11.1.24
Teansgender Carcere Europa

Nelle carceri europee le persone transgender subiscono intimidazioni e violenze

News - Redazione Milano 26.4.24
Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: "Mi hanno chiamato r*cchiò" - omofobia - Gay.it

Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: “Mi hanno chiamato r*cchiò”

News - Redazione 2.4.24
Jill Biden in difesa dei diritti LGBTQIA+. "I repubblicani vogliono che abbiate paura, non glielo permetteremo" (VIDEO) - Jill Biden - Gay.it

Jill Biden in difesa dei diritti LGBTQIA+. “I repubblicani vogliono che abbiate paura, non glielo permetteremo” (VIDEO)

News - Federico Boni 25.3.24
striscia di gaza

Governo Netanyahu e Hamas sono entrambi estremisti: cessate il fuoco sulla Striscia di Gaza

News - Lorenzo Ottanelli 11.3.24