Sentenza storica per una coppia di lesbiche separate: “Anche la mamma non biologica potrà vedere i figli”

La Corte d’appello di Palermo ha riconosciuto per la prima volta il "genitore sociale".

Sentenza storica per una coppia di lesbiche separate: "Anche la mamma non biologica potrà vedere i figli" - mamma - Gay.it
2 min. di lettura

I due gemelli nati con la fecondazione eterologa e cresciuti da due donne lesbiche (di cui solo una è anche la madre biologica) vedranno la mamma “sociale” un pomeriggio alla settimana e passeranno con lei due fine settimana al mese.

Lo ha deciso la Corte d’appello di Palermo: secondo i giudici infatti la fine del rapporto tra la donna e i figli partoriti dalla ex partner crea un pregiudizio ai minori perché alla base c’è un profondo legame affettivo.

Una decisione importante, mai assunta finora in Italia, e per questo di certo destinata a far discutere. Una decisione che arriva dopo la pronuncia della Corte costituzionale che a ottobre scorso, pur negando la possibilità di un riconoscimento formale della figura del “genitore sociale”, aveva però indicato una strada alle mamme e ai papà di fatto: per mantenere i legami bisogna dimostrare che «l’interruzione ingiustificata», per scelta del genitore biologico, del rapporto tra i figli e l’ex partner crei loro un pregiudizio, come recita l’articolo 333 del codice civile. Cosa che la madre sociale, secondo i giudici della Corte d’appello, ha dimostrato: non può essere equiparata a un genitore, ma i bambini hanno il diritto di mantenere il legame affettivo instaurato con lei.

L’amore tra Nadia e Lucia (nomi di fantasia) è finito dopo la nascita di due bambini con la fecondazione assistita, due gemelli che oggi hanno 8 anni. Dopo la separazione Lucia, difesa dall’avvocato Arianna Ferrito, aveva ottenuto dalla prima sezione civile del tribunale di Palermo la possibilità di incontrare i bimbi secondo un calendario ben definito. L’ex partner del genitore biologico, come ha ribadito la Consulta, non è un legittimato ad agire perché in Italia la legge non riconosce ancora la figura del “genitore sociale”. Ed è la legge, secondo la Corte, che deve colmare questo vuoto. La donna era riuscita a ottenere il provvedimento perché il pubblico ministero Bernardo Petralia aveva fatte sue le ragioni della madre sociale ritenendo che fosse in gioco il benessere dei minori.

La madre biologica aveva però fatto ricorso e la Corte d’appello, prima di decidere, si era rivolta alla Corte costituzionale. Sei mesi dopo il verdetto della Consulta, i giudici hanno assunto una decisione che di fatto ricalca le conclusioni alle quali era giunto il tribunale nell’aprile del 2015 dopo che la consulenza tecnica aveva verificato la profondità del legame tra la donna e i bambini. I minori, secondo i periti, riconoscevano la donna «come appartenente al loro sistema familiare»: interrompere il rapporto avrebbe avuto «effetti negativi sulla loro continuità affettiva».

Lucia, la madre sociale, ora festeggia: «Sono felice perché finalmente dopo tre anni potrò ristabilire con quelli che considero i miei figli un rapporto spero sereno. Sono felice soprattutto per loro».

Nella madre biologica invece, difesa dall’avvocato Caterina Mirto, pare prevalere la rabbia: «Ho il divieto assoluto da parte della mi assistita di fare alcun tipo di dichiarazione» dice la Mirto. Il legale ha sempre sostenuto, anche davanti alla Consulta, che le due donne non hanno «mai convissuto» e che dunque non hanno mai condiviso il progetto genitoriale.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Egemonia 15.4.17 - 19:14

Proprio chi vorrebbe tanto dimostrare che le famiglie LGBT sono "diverse" da quelle tradizionali rimarrà nuovamente sorpreso che anche loro possono decidere di divorziare :O Incredibile!

Trending

John Cena è su Only Fans?

Ma John Cena è davvero su Only Fans?

Culture - Riccardo Conte 23.2.24
Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24
transgender allattamento seno

Le mamme transgender e i genitori AMAB possono allattare: lo dice la scienza

Corpi - Francesca Di Feo 22.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Marco Mengoni e Mahmood una canzone insieme

Marco Mengoni e Mahmood, una canzone insieme

Musica - Mandalina Di Biase 23.2.24
GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24

Leggere fa bene

Palermo, Corte d'Appello condanna Sindaco e Ministero dell’Interno. Trascrivere adozioni estere con due papà - papa gay - Gay.it

Palermo, Corte d’Appello condanna Sindaco e Ministero dell’Interno. Trascrivere adozioni estere con due papà

News - Redazione 16.11.23
Claire Foy in 'All Of Us Strangers' (2023)

Claire Foy manda un messaggio importante ai genitori con figli LGBTQIA+

Cinema - Redazione Milano 26.1.24
Foto di Max Böhme su Unsplash

La destra vorrebbe arrestarlo, ma a Trento diventa papà di suo figlio

News - Redazione Milano 4.9.23
fratelli

Milano, Corte d’Appello dichiara illegittime le trascrizioni dei figli delle coppie di donne

News - Redazione 6.2.24
Presto ospite di Drag Race Italia 3, Tiziano Ferro in spiaggia con i figli schiaccia i dolori imprevisti della vita - Tiziano Ferro - Gay.it

Presto ospite di Drag Race Italia 3, Tiziano Ferro in spiaggia con i figli schiaccia i dolori imprevisti della vita

Culture - Redazione 18.10.23
incontro-ambasciata-americana-diritti-lgbt

Condizioni della comunità LGBTIQ+ in Italia, così l’alleato USA è stato informato

News - Francesca Di Feo 29.9.23
Monza, consiglio comunale - La protesta durante la bocciatura della mozione "Caro Sindaco, trascrivi"

“A Monza il sindaco del PD ha abbandonato le famiglie omogenitoriali, serve un coraggio radicale”

News - Giuliano Federico 15.12.23
Eric Zemmour, il candidato presidenziale francese di estrema destra condannato per omofobia - Eric Zemmour - Gay.it

Eric Zemmour, il candidato presidenziale francese di estrema destra condannato per omofobia

News - Redazione 10.10.23