Skin Deep, recensione. Fluidità di Genere tra body horror e identità in movimento

Freaky Friday incontra Midsommar. Il film tedesco in corsa per il Queer Lion tra le vere sorpresa di Venezia 79.

ascolta:
0:00
-
0:00
Skin Deep, recensione. Fluidità di Genere tra body horror e identità in movimento - Skin Deep cover - Gay.it
3 min. di lettura

Skin Deep, recensione. Fluidità di Genere tra body horror e identità in movimento - Skin Deep - Gay.it

Arriva dalla Settimana della Critica, sezione parallela della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, uno dei film più interessanti di questa 79esima stagione. Skin Deep di Alex Schaad, 32enne qui al suo folgorante debutto. In corsa per il Queer Lion, Skin Deep è un’opera a più strati, un horror metafisico nonché una storia d’amore estrema, manifesto di fluidità all’interno di un’edizione mai tanto rappresentativa, in tal senso.

Siamo su un’isola remota e misteriosa, dove decine di coppie si ritrovano ogni anno per giocare con le rispettive identità, scambiandosele, cambiando così percezione, sessualità, genere. Freaky Friday incontra Midsommar. Un’opera coraggiosa segnata da un’idea geniale idea di fondo, quella scritta e dieretta da Schaad, che si domanda: si può essere più felici nel corpo di un altro?

Skin Deep, recensione. Fluidità di Genere tra body horror e identità in movimento - Skin Deep 2 - Gay.it

Leyla e Tristan sembrano una giovane coppia appagata e serena, se non fosse che lei sia profondamente infelice. Il suo corpo, a suo dire, è malato, le rende impossibile vivere una vita che Tristan vorrebbe passare al suo fianco. Perché innamorato. Così come Leyla è innamorata di lui. Su quest’isola distante da tutto e tutti l’esperimento può prendere forma E se Leyla e Tristan scambiassero il proprio corpo con un’altra coppia, vivendo all’interno del nuovo fisico per due settimane, cosa accadrebbe?

È un’opera che abbatte convenzioni secolari, quella in arrivo dalla Germania, perché in grado di porre domande quanto mai attuali. Si può continuare ad amare una persona che esteriormente parlando cambia completamente faccia, corpo, identità? L’apparente solidità dell’Io si sbriciola dinanzi allo script firmato da Alex e Dimitrij Schaad, con i giovani protagonisti chiamati a compiere un viaggio chiamato transizione. Skin Deep è una riflessione transgenere quanto mai contemporanea e spiazzante che ragiona sui confini dell’identità e sulle leggi dell’attrazione attraverso i corpi.

Distopico ed erotico, inquietante e al tempo stesso intrigante, nonché stimolante e dall’innegabile fascino registico, Skin Deep è la quintessenza della fluidità di genere trasportata su grande schermo, cavalcando sapientemente i generi con audacia e libertà di scrittura. L’amore che va oltre il corpo e l’attrazione fisica, in un thriller psicologico che abbraccia mutazioni identitarie alla ricerca di una felicità limitata da scheletri che non sentiamo più nostri.

Coadiuvato da un cast a dir poco impeccabile nel gestire trasformazioni caratteriali figlie di anime in movimento, Schaad ha ideato un’opera spiazzante e provocatoria, in cui si abbattono confini e limiti di genere, tra gesti estremi ed atti d’amore irriversibili. Narrativamente parlando incalzante e senza voler spoilerare alcunché,  Skin Deep parrebbe essere uscito da una delle migliori stagioni di Black Mirror.

Schaad non si perde in inutili spiegoni, lasciando non poche domande a galleggiare in superficie, senza trovare soddisfazione alcuna. In che anno siamo, dove si trova quest’isola, come fanno queste persone a scambiarsi i corpi come se parlassimo di biancheria intima?

Risposte non ne arrivano perché al regista non interessa darne, quanto mai averne. Tutto ruota attorno alla prigione imposta da consuetudini identitarie che mai come in questo momento parrebbero essere sull’orlo dell’abbattimento, al cospetto di una generazione Z sempre più dichiaratamente e orgogliosamente fluida. Schaad quella prigione la prende a cannonate, buttandola giù attraverso anime semplicemente libere. Skin Deep è un’opera prima che rimane sottopelle, sfidando lo spettatore a porsi quesiti inediti, radicali, contemporanei, provocatori, stimolanti. Quello che il buon Cinema dovrebbe porsi come obiettivo primario.

Voto: 8.5

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
BigMama date estive

BigMama parte per il “Pride Tour”: tutte le date per un’estate nel segno dell’orgoglio

Musica - Emanuele Corbo 24.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri - Specchio Specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Piper, Lamoglia, Ghali e altri

Culture - Redazione 23.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24

Hai già letto
queste storie?

I film LGBTQIA+ della settimana 5/11 febbraio tra tv generalista e streaming - Film tv - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 5/11 febbraio tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 5.2.24
Kinds of Kindness di Yorgos Lanthimos, 1° trailer italiano del nuovo film con Emma Stone e Hunter Schafer - Kinds of Kindness di Yorgos Lanthimos 2 - Gay.it

Kinds of Kindness di Yorgos Lanthimos, 1° trailer italiano del nuovo film con Emma Stone e Hunter Schafer

Cinema - Redazione 27.3.24
Andrew Scott per Wonderland Magazine (2023)

Andrew Scott è stato snobbato agli Oscar perché gay?

Culture - Redazione Milano 27.2.24
Love Lies Bleeding, primo trailer del film con Kristen Stewart che si innamora di una bodybuilder - Love Lies Bleeding primo trailer del film queer con Kristen Stewart che si innamora di una bodybuilder - Gay.it

Love Lies Bleeding, primo trailer del film con Kristen Stewart che si innamora di una bodybuilder

Cinema - Redazione 20.12.23
Joker 2 sarà un musical o no? Budget da 200 milioni e cachet da 12 milioni per Lady Gaga - Joker 2 - Gay.it

Joker 2 sarà un musical o no? Budget da 200 milioni e cachet da 12 milioni per Lady Gaga

Cinema - Redazione 22.2.24
"Orlando, my biographie politique", il manifesto trans di Paul B. Preciado arriva nei cinema d'Italia - Orlando my biographie politique 2 - Gay.it

“Orlando, my biographie politique”, il manifesto trans di Paul B. Preciado arriva nei cinema d’Italia

Cinema - Redazione 15.3.24
Il Mio Posto è Qui, intervista ai registi: "Emancipazione femminile e orgoglio queer, la Rai non ha voluto il nostro film" - il mio posto e qui - Gay.it

Il Mio Posto è Qui, intervista ai registi: “Emancipazione femminile e orgoglio queer, la Rai non ha voluto il nostro film”

Cinema - Federico Boni 23.4.24
I film LGBTQIA+ della settimana 8/14 gennaio tra tv generalista e streaming - film tv gennaio - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 8/14 gennaio tra tv generalista e streaming

Culture - Redazione 8.1.24