Giulia De Lellis e l’ignoranza sull’HIV: “Simona, ma stavi attenta con l’acqua?”

Ma il fidanzato la difende: “Molto ingenua, ma ha tanti amici gay e si trova bene con Malgioglio. Non è omofoba”.

Giulia De Lellis e l’ignoranza sull’HIV.

Simona Izzo ha raccontato – all’interno della casa del Grande Fratello VIP – di una sua amica e collega, morta di AIDS perché contagiata dal marito dopo un rapporto sessuale non protetto con una prostituta. La De Lellis, a questo punto, le ha domandato: “Ma stavi attenta con le bottigliette d’acqua?”.

Per Giulia De Lellis il virus si trasmette con la saliva: il video non è purtroppo reperibile in rete, ma in moltissimi lo hanno visto in diretta e il caso è subito esploso sui social.

Nel frattempo Andrea Damante, il fidanzato, la difende dalle accuse di omofobia che le sono piombate addosso in questi ultimi giorni: “Sono certo che Giulia non abbia realmente questo pensiero su quel tema né che possa essere tacciata di omofobia per una dichiarazione fatta senza malizia, con leggerezza. È una ragazza molto buona, dolce, forse tutto è dovuto alla sua giovane età e inesperienza”.

Come da tradizione in questi casi, la De Lellis avrebbe molti amici gay: “Gode di una stima profonda da parte degli amici, i quali, per inciso, principalmente sono gay. Non potrebbe frequentarli se fosse davvero omofoba. Nella Casa, poi, è diventata amica di Malgioglio: se lei fosse come la descrivono, non lo frequenterebbe”.

Ti suggeriamo anche  Sardegna, c'è una pianta che blocca l’HIV

Le sue idee astruse sull’omogenitorialità (“omogenitorialità diventeranno gay”), il gravissimo paragone tra omosessualità e dipendenza dalla droga (“Se in discoteca mi chiedono un tiro o un sorso del cocktail, non sapendo se uno è gay o drogato glieli lascio”) e quest’altra, spaventosa dimostrazione di ignoranza – nel 2017 – forse non rappresentano esempi di omofobia. Forse.