Pansessuale. Cosa significa e qual è la differenza con bisessuale? 

La pansessualità è un orientamento sessuale caratterizzato dalla capacità di provare attrazione sessuale o romantica verso persone di qualsiasi genere e identità di genere. Il termine deriva dal prefisso greco “pan-“, che significa tutto.

A differenza della bisessualità, che implica l’attrazione verso più di un genere ma che è spesso interpretata come limitata ai generi maschile e femminile, la pansessualità non prevede limitazioni legate al genere delle persone da cui una persona può sentirsi attratta. Questo non significa che le persone pansessuali siano attratte da tutte le persone, ma che il genere non è un fattore determinante o esclusivo nella loro attrazione. Premi su “leggi tutto” per continuare a leggere l’approfondimento

La pansessualità può quindi essere vista come un riconoscimento dell’esistenza di molteplici identità di genere al di là del binarismo maschile e femminile, includendo tutte le varie identità di genere che rientrano sotto il termine ombrello “transgender”, tra cui le persone non binary.

Essere pansessuale non esclude la possibilità di avere preferenze personali o specifiche qualità che attraggono una persona; piuttosto, indica una disposizione generale a non escludere a priori persone basandosi sulla loro identità di genere.

In cosa differiscono pansessualità e demisessualità?

significato, storia ed evoluzione del termine pansessuale

La pansessualità e la demisessualità si distinguono principalmente per i criteri su cui si basa l’attrazione verso altre persone.

La demisessualità, che rientra nel termine ombrello “asessualità” pone un’enfasi significativa sulla formazione di un legame emotivo prima che possa emergere qualsiasi attrazione sessuale. Una persona demisessuale non sperimenta attrazione sessuale fino a che non sviluppa un forte legame emotivo, indipendentemente dal genere e identità di genere della persona. Questo significa che le relazioni demisessuali tendono a svilupparsi in modo più graduale, poiché l’attrazione sessuale è condizionata dalla profondità della connessione emotiva.

Quindi, mentre la pansessualità riguarda l’attrazione per persone di qualsiasi genere e identità di genere, la demisessualità si concentra sulla necessità di una connessione emotiva significativa prima che l’attrazione sessuale possa essere considerata o riconosciuta. Questi due orientamenti si differenziano principalmente nella modalità e nel processo attraverso il quale l’attrazione si sviluppa.

I due orientamenti non si escludono l’un l’altro, in quanto una persona pansessuale può essere demisessuale e viceversa. 

Pansessualità e poliamorosità sono la stessa cosa?

La pansessualità e la poliamorosità non sono la stessa cosa, ma spesso vengono discusse insieme a causa delle loro correlazioni nell’ambito delle dinamiche relazionali moderne. La pansessualità, come abbiamo visto, è definita come un orientamento sessuale in cui una persona può provare attrazione sessuale o romantica verso altre persone, indipendentemente dal loro genere o identità di genere. Ciò significa che una persona pansessuale non limita le sue potenziali attrazioni alle categorie tradizionali e binarie di maschio o femmina.

D’altro canto, la poliamorosità è una forma di relazione in cui una persona intrattiene consensualmente relazioni romantiche o sessuali con più partner, e questi rapporti sono noti e accettati tra i partner coinvolti. La poliamorosità non è legata a un particolare orientamento sessuale; persone di qualsiasi orientamento — eterosessuali, omosessuali, bisessuali, pansessuali, ecc. — possono essere poliamorose

Quindi, è importante sottolineare che una persona pansessuale può anche essere poliamorosa, ma l’una non presuppone l’altra. La pansessualità riguarda chi si può amare o desiderare, mentre la poliamorosità riguarda come si strutturano le relazioni.

Come capire se sono pansessuale?

Per capire se sei pansessuale, inizia riflettendo sulle tue esperienze di attrazione verso le altre persone. La pansessualità si caratterizza per un’attrazione che non è limitata o definita dal genere e identità di genere delle persone. Ciò significa che se provi attrazione per persone indipendentemente dal loro genere—sia esso maschile, femminile, non-binario o qualsiasi altra identità di genere—potresti identificarti come pansessuale.

Un modo per esplorare questa possibilità è osservare come reagisci emotivamente e fisicamente a diverse persone in vari contesti. Chiediti se il genere e l’identità di genere giocano un ruolo significativo nel tuo interesse per una persona. Se scopri che il genere è irrilevante nella tua attrazione e che ciò che conta di più sono altre qualità della persona, come la personalità, i valori o la connessione emotiva, allora la pansessualità potrebbe essere il tuo orientamento sessuale.

È importante ricordare che l’orientamento sessuale è complesso e personale. Non esiste un “test” definitivo per determinare se sei pansessuale; piuttosto, è un processo di comprensione e accettazione delle tue proprie esperienze e sentimenti. Se stai considerando la possibilità di essere pansessuale, potrebbe anche essere utile parlare con persone che hanno esperienze simili o cercare risorse e comunità LGBTIQ+ che possono offrire supporto e informazioni.

Come riconoscere una persona pansessuale?

Riconoscere una persona pansessuale non si basa su segni esteriori, ma piuttosto sulla comprensione delle loro esperienze personali. Ascoltare come una persona descrive la sua attrazione e le sue esperienze romantiche o sessuali può fornire indizi sulla sua pansessualità.

Come è la bandiera della comunità pansessuale?

pansessuale bandiera in mano

La bandiera pansessuale, introdotta nel 2010, è un simbolo di riconoscimento e rappresentazione della comunità pansessuale. Si compone di tre strisce orizzontali nei colori rosa, giallo e blu, ognuna con un significato specifico legato all’attrazione senza limitazioni di genere e identità di genere.

La striscia rosa simbolizza l’attrazione verso persone che si identificano con il genere femminile, la striscia gialla rappresenta l’attrazione verso persone di identità non binarie e generi non conformi, e la striscia blu indica l’attrazione verso persone che si identificano con il genere maschile​.

Questo simbolismo vuole rappresentare l’essenza della pansessualità: un’attrazione che non riconosce barriere di genere, aprendosi a un’ampia varietà di identità di genere. La presenza della bandiera pansessuale in eventi e parate, come il Pride, sottolinea l’importanza di dare visibilità a questa comunità, spesso meno riconosciuta rispetto ad altri orientamenti sessuali, anche all’interno della stessa comunità LGBTIQ+.

L’8 dicembre è la giornata mondiale dell’orgoglio Pansessuale e Panromantico

“Sono pansessuale?” Test

Non esiste un test scientificamente validato che possa confermare se una persona è pansessuale poiché l’orientamento sessuale è molto personale e non si basa su semplici risposte a un quiz. Tuttavia, ci sono test disponibili online per scopi ricreativi o di auto-esplorazione. Questi quiz solitamente ti fanno riflettere su come percepisci l’attrazione e se il genere gioca un ruolo significativo nei tuoi sentimenti. Essi possono includere domande su come ti senti attrattə da diverse persone e se il genere ed identità di genere influiscono sulla tua attrazione​.

Se sei interessatə a esplorare ulteriormente questo argomento o a fare un test per gioco, potresti considerare di cercare questi quiz online come un modo per esplorare le tue emozioni e attrazioni in modo non definitivo.

Eccone alcuni che abbiamo selezionato da quelli trovati online:

Storia della pansessualità

La pansessualità come concetto e termine è relativamente recente nella storia del pensiero sulla sessualità, ma le sue radici filosofiche e culturali possono essere tracciate molto indietro nel tempo, attraversando vari campi dalla psicoanalisi alla moderna liberazione sessuale.

La nozione di pansessualismo viene spesso associata a Sigmund Freud, che non ha mai utilizzato il termine “pansessualità” direttamente, ma ha proposto il “pansessualismo” come un principio secondo cui tutte le attività umane sono guidate da istinti sessuali. Questa interpretazione ha dominato il primo pensiero psicoanalitico, suggerendo che la sessualità era una forza centrale dietro gran parte del comportamento umano, non solo attività esplicitamente sessuali. Freud credeva che il comportamento umano fosse largamente motivato da impulsi inconsci, molti dei quali di natura sessuale.

Nel tempo, il termine “pansessualità” ha iniziato a distanziarsi dalle sue origini freudiane, assumendo un significato più ampio e inclusivo nella cultura contemporanea. Con l’evolversi delle discussioni sul genere e sulla sessualità, la pansessualità è stata adottata per descrivere un’attrazione che non è limitata ai generi tradizionali maschile e femminile. Invece, include l’attrazione verso persone di tutti i generi e identità di genere, sottolineando un approccio più olistico e non binario alla sessualità.

Nel XXI secolo, la pansessualità ha guadagnato visibilità attraverso la sua rappresentazione nei media e l’accettazione da parte di figure pubbliche. Celebrità come Miley Cyrus, Janelle Monáe, e altre hanno parlato apertamente del loro orientamento pansessuale, contribuendo a spostare la pansessualità da un concetto di nicchia a una parte riconosciuta del discorso mainstream.

Oggi, la pansessualità è vista non solo come un orientamento sessuale, ma anche come una posizione filosofica e sociale che sfida le norme di genere consolidate e promuove un’ampia inclusività. Riflette un cambiamento culturale verso la comprensione della diversità in termini di identità di genere e orientamento sessuale.

Storia della pansessualità in Italia

In Italia, il primo a dare una definizione del termine pansessuale fu Mario Mieli nel 1977, in “Elementi di Critica Omosessuale“.

Secondo l’attivista romano, ogni persona nasce come essere completo, ma decide la sua sessualità e la sua attrazione nel corso degli anni e in base all’educazione imposta e alla società in cui vive.

Persone pansessuali nel mondo dei fumetti e nella letteratura

Anche nella fumettistica e nel mondo letterario troviamo diversi personaggi pansessuali. Eccone alcuni:

  • Loki Laufeyson (Marvel Comics), un personaggio dei fumetti creato da Stan Lee, che nella mitologia greca era il dio della grande astuzia e degli inganni;
  • Deadpool, sempre della Marvel Comics, l’antieroe per eccellenza;
  • Ambrose, il cugino stregone inglese di Sabrina presente nel romanzo (che ha poi ispirato la serie tv) “Le terrificanti avventure di Sabrina”.

Risorse utili sulla pansessualità

Approfondisci