Togay, che emozione le rivelazioni tecnodrag di “One Zero One”

Affascina il doc di Tim Lienhard sulle sorprendenti BayBJane e CyberSissy: ma non chiamatele "freak". "Yossi" sorpresa-non-sorpresa, naif "Monster Pies".

Togay, che emozione le rivelazioni tecnodrag di "One Zero One" - onezerooneBASE 1 - Gay.it
4 min. di lettura
Togay, che emozione le rivelazioni tecnodrag di "One Zero One" - onezerooneF1 - Gay.it

La rivelazione più eccentrica, borderline e quindi etimologicamente queer di questa ventottesima edizione del Torino GLBT Film Festival sono due sorprendenti drag berlinesi. Più umane dell’umano, complementari come Chaplin e l’adorabile monello, ecco le indimenticabili protagoniste dell’emozionante doc One Zero One diretto da Tim Lienhard, scoperto per caso su Facebook dal curatore Christos Acrivulis, diventato poi il suo distributore in Germania: BayBJane è una rutilante Bette Davis postmoderna, bambola multigender che sembra uscita dritta dritta da un quadro di Bosch ma in versione tecnodrag, con tanto di occhio laser rosso come Terminator; CyberSissy è invece la matronale reincarnazione di Leigh Bowery con innesti camp in stile Divine, tette himalayane che s’impongono come missili Stud contro il conformismo e maschere aggressivo-malinconiche da teatro Kabuki. Ma sotto le mises sfavillanti si nascondono i drammi della vita problematica di due uomini che la cattiveria popolare definirebbe inesorabilmente “freaks”: Mourad Zerhouni non arriva al metro e cinquanta d’altezza, soffre di osteogenesi imperfetta a causa della quale ha le falangi di mani e piedi deformi, gli manca l’occhio destro; Antoine Timmermans è assoggettato da psicosi varie, proviene da una famiglia fortemente disfunzionale e ha frequenti crisi depressive che gli impongono ricoveri periodici.

Creature aliene immerse in un mondo a loro alieno, BayBJane e CyberSissy hanno coltivato un lungo sodalizio umano e artistico fra i club di Ibiza e Colonia di cui raccontano genesi e retroscena nel riuscito doc di Lienhard. Senza indulgere in toni patetici né sfruttando il rischioso aspetto sensazionalista della vicenda, si descrive a tutto tondo sia la straordinaria potenza icastica dei funambolici show delle due drag (hanno collaborato con Amanda Lepore e col ballerino contorsionista David Pereira) sia l’aspetto profondamente umano delle difficoltà esistenziali di Mourad e Antoine, evidenziando quanto la rinascita artistica dietro le fenomenali maschere di BayBJane e CyberSissy abbia rappresentato per loro una fuga salvifica dagli orrori quotidiani (la prima si è anche esibita domenica scorsa alla serata torinese Queever mentre la seconda non ha potuto essere presente per problemi di salute).

Togay, che emozione le rivelazioni tecnodrag di "One Zero One" - yossiF2 - Gay.it

Lunedì sera si è visto il film sorpresa, che una sorpresa, però, non è stato: trattasi del melò israeliano Yossi di Eytan Fox, atteso seguito del military cult “Yossi & Jagger”. Meno riuscito del precedente e un po’ troppo divagante, è incentrato sulla vita da “vedovo” di Yossi (Ohad Knoller), cardiologo infelice e sconsolato dopo la morte del suo grande amore Jagger. Tra le sue pazienti riconosce la mamma di Jagger, presentatasi in ospedale per un controllo, e l’accompagna a casa per poi ripresentarsi e rivelare a lei e al marito la natura del suo rapporto col figlio. Nel frattempo Yossi inanella frustranti conoscenze occasionali con uomini conosciuti via chat. Ma quando offre un passaggio in auto a un gruppo di militari tra cui un ragazzo biondo dichiaratamente gay, decide di concedersi una vacanza nell’hotel dove loro soggiornano: sarà amore? Non si vedeva una vera e propria necessità nel dare seguito alla compiuta storia degli ufficiali gay più amati nella storia del cinema queer se non quella di sottrarre Yossi a un destino di solitudine e rimpianti amorosi. Ma il talento di limpido narratore Eytan Fox indubbiamente ce l’ha, e il film si lascia vedere, trasmettendo allo spettatore un positivo messaggio di speranza e rinnovo vitale attraverso l’elaborazione del lutto.

Togay, che emozione le rivelazioni tecnodrag di "One Zero One" - monsterpiesF3 - Gay.it

E la tematica della perdita degli affetti per morte prematura ricorre in altri titoli: nel naif ma sincero dramma australiano Monster Pies di Lee Galea l’impacciato liceale Mike si ritrova desolatamente solo dopo la morte per suicidio del suo amato Mike, travolto da seri problemi famigliari (padre violento, madre catatonica, sorella down). Nel grazioso White Frog di Quentin Lee è invece un ragazzo autistico, Nick, a dover accettare la perdita improvvisa dell’amato fratello Chaz che scopre essere gay con iniziale repulsione e disgusto.

Un’altra dipartita precoce ricorre nel film più stiloso di quest’edizione, Joshua Tree, 1951: A Portrait of James Dean di Matthew Mishory, elegante ricostruzione degli albori della carriera dell’iconissima hollywoodiana attraverso un raffinato bianco e nero fotografato con sapienza da Michael Marius Pessah e un’insinuante colonna sonora firmata da Arban e Steven Severin, fondatori del gruppo new wave/post punk “Siouxsie and the Banshees”. Buca lo schermo il fascinoso attore e modello James Preston, davvero somigliante al vero James Dean, rispetto al quale l’esordiente Mishory sposa la tesi di Paul Alexander, giornalista del Time autore della controversa biografia Boulevard of broken dreams, secondo cui James Dean era gay e masochista (amava bruciacchiarsi il corpo con sigarette accese). Amò ricambiato un collega convivente – secondo Alexander si trattava di Rogers Brackett, direttore di una radio – e nel film d’atmosfera visivamente intrigante è il deserto del titolo, nei dintorni di Los Angeles, a diventare luogo mitico e “sospeso” in cui rivelare insicurezze e contraddizioni di un artista sensibile e in profondo conflitto con sé stesso.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24
Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard - Xavier Dolan - Gay.it

Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard

News - Federico Boni 1.3.24
Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO) - Due megattere maschi fanno sesso storico primo avvistamento alle Hawaii - Gay.it

Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO)

News - Redazione 1.3.24
David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24

Continua a leggere

“La solitudine è questa”, in anteprima a Roma il doc di Andrea Adriatico dedicato a Pier Vittorio Tondelli - 001a. La solitudine e questa Lorenzo Balducci e Tobia De Angelis 1 - Gay.it

“La solitudine è questa”, in anteprima a Roma il doc di Andrea Adriatico dedicato a Pier Vittorio Tondelli

Cinema - Redazione 23.9.23
saltburn

Roma 2023, tutti i film in cartellone alla Festa del Cinema. C’è Saltburn di Emerald Fennell

Cinema - Federico Boni 22.9.23
Florence Queer Festival 2023, il programma. In anteprima la miniserie di Xavier Dolan e Billy Porter premio speciale - Xavier Dolan fotogramma The Night Logan Woke Up - Gay.it

Florence Queer Festival 2023, il programma. In anteprima la miniserie di Xavier Dolan e Billy Porter premio speciale

News - Federico Boni 13.10.23
festival di cinema gay in italia e queer culture

Rassegne e festival italiani di cinema LGBTIAQ+ e cultura queer che nel 2024 dovresti conoscere

Cinema - Redazione 1.2.24
Torino, in 20 aggrediscono la drag La Myss: "È stato di sicuro un attacco a sfondo omofobo" - la myss - Gay.it

Torino, in 20 aggrediscono la drag La Myss: “È stato di sicuro un attacco a sfondo omofobo”

News - Redazione 9.1.24
Ferzan Ozpetek lancia Nuovo Olimpo: "Io non racconto gay o etero, racconto le persone come sono fatte, senza censure" - Nuovo Olimpo di Ozpetek - Gay.it

Ferzan Ozpetek lancia Nuovo Olimpo: “Io non racconto gay o etero, racconto le persone come sono fatte, senza censure”

Cinema - Federico Boni 22.10.23
Piemonte, l'assessora leghista Caucino vuole escludere le persone LGBTQIA+ dal sistema degli affidi familiari - Chiara Caucino - Gay.it

Piemonte, l’assessora leghista Caucino vuole escludere le persone LGBTQIA+ dal sistema degli affidi familiari

News - Federico Boni 24.1.24
tdor-2023-torino

TDOR Torino 2023: “Marciamo per noi stessə, per chi non può farlo e per chi non c’è più”

News - Francesca Di Feo 13.11.23