Transfobia delirante: picchia un’anziana perché crede sia una donna trans

"Pensavo fosse una donna trans e quindi un pedofilo predatore" ha confessato l'uomo. La donna traumatizzata continua a ripetere "Per favore smettila di uccidermi".

ascolta:
0:00
-
0:00
transfobia transgender donna trans violenza
transfobia
3 min. di lettura

La transfobia è diffusa in tutto il mondo ed è un odio radicato nell’impianto culturale del patriarcato. È di questi giorni la vicenda di Milano nella quale la polizia ha sfoderato una transfobia agghiacciante verso Bruna, donna trans picchiata dagli agenti. Ora Bruna ha deciso di denunciare la polizia.

ATTENZIONE QUESTA STORIA POTREBBE URTARE LA TUA SENSIBILITA’

La storia che vi raccontiamo oggi arriva da Dublino ed è un’altra storia di transfobia. Un uomo di nome Alex Bailey, 30 anni, è stato condannato a due anni e mezzo di prigione dopo aver dichiarato la sua colpevolezza per le accuse connesse all’aggressione di una donna di 86 anni, di nome Marie MacGowan, affetta da demenza senile.

L’aggressione si è protratta per 42 minuti. Bailey ha spinto la donna in un bidone della spazzatura perché pensava fosse una donna trans e “di conseguenza un pedofilo predatore” ha confessato.

Bailey ha poi ammesso di aver assunto così tante droghe quella notte, da essere in uno stato di “psicosi indotta”, che lo ha portato a credere che la signora Marie MacGowan fosse “un uomo vestito da donna“, secondo quanto riportato dal quotidiano irlandese Irish Times. In realtà, la signora stava cercando la strada di casa e si era persa quando è stata attaccata intorno alle 2 del mattino.

Le immagini delle telecamere di sorveglianza hanno successivamente svelato che Bailey ha trascorso oltre un’ora a molestare la signora MacGowan, e per 42 minuti continuativi l’ha picchiata sporadicamente, sbattendola a terra.  Quando la donna si è rialzata, Bailey l’ha spinta, tenendo la sua testa in avanti, in un bidone per la spazzatura. Quando poi l’uomo ha cercato di chiudere il coperchio del bidone su di lei, è caduto. Così la donna è riuscita a uscire dal bidone, ma Bailey a quel punto l’ha colpita in viso e le ha sferrato dei calci, come riferito dagli agenti di polizia durante le sedute in tribunale. “Ho pensato che sarei morta“, ha testimoniato la signora MacGowan alla polizia.

L’aggressione transfobica è terminata solo quando tre studenti che passavano in zona sono intervenuti per aiutarla. Le immagini delle telecamere di sorveglianza mostrano Bailey che parla con gli studenti, mentre i ragazzi aiutano la signora MacGowan, coperta di sangue, tremante, seduta sul marciapiede.

Anche gli studenti hanno successivamente riferito alla polizia che Bailey aveva detto loro di stare lontani dalla signora MacGowan perché era una pericolosa pedofila. Ma, prima che arrivasse la polizia, Bailey se l’era già data a gambe.

La signora MacGowan ha riportato frattura al naso e perdita di sangue da ferite ed escoriazioni. È ora ricoverata in una casa di riposo, perché dall’aggressione ha perso la capacità di restare in piedi. I colpi di Bailey potrebbero aver causato una mancanza di equilibrio a livello encefalico.

Grazie alle immagini delle telecamere, la polizia ha potuto seguire il percorso di Bailey e rintracciarlo. L’uomo è stato arrestato 12 giorni dopo l’aggressione, ha dichiarato la sua colpevolezza per le accuse di lesioni personali, rapina di denaro e sequestro di persona.

Ha avuto un impatto significativo sulla sua vita e ha ridotto notevolmente la sua qualità di vita“, ha dichiarato Jack MacGowan, figlio della signora MacGowan, durante la testimonianza, nella quale ha affermato che Bailey “ha quasi ucciso la donna“.

La signora MacGowan continua ancora oggi a dire “Per favore smettila di uccidermi” e “Stai cercando di uccidermi?” ed ha episodi di tremore.

Il giudice ha condannato Bailey a tre anni di prigione, con sei mesi di condizionale e monitoraggio del suo comportamento in prigione, obbligo di astensione da alcol e droghe, test antidroga casuali dopo il rilascio e programma di riabilitazione. La pena massima possibile era di cinque anni, ma il giudice ha tenuto conto del suo pentimento, della sua dichiarazione di colpevolezza e della sua “buona storia lavorativa“.

(gf)

 

immagine di copertina: Foto di Danie Franco su Unsplash

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Fedez annuncia apertura canale OnlyFans

Fedez cede a OnlyFans e apre il suo canale: “Mi consigliano di ripulirmi l’immagine e faccio il contrario”

News - Emanuele Corbo 21.6.24
aggressione-foggia-intervista

Foggia, parla Alessandro, vittima dell’aggressione: “Trasformiamo la violenza in sogno” – intervista

News - Francesca Di Feo 21.6.24
Fabio Marida Damato Chiara Ferragni Diletta Leotti Elodie

Chiara Ferragni e Fabio Maria Damato insieme al matrimonio tra Diletta Leotta e Loris Karius

Lifestyle - Mandalina Di Biase 23.6.24
Lolita intervista

Lolita e la libertà di andare oltre gli stereotipi: “Chiunque di noi può essere tutto ciò che vuole”

Musica - Emanuele Corbo 24.6.24
I film LGBTQIA+ della settimana 24/30 giugno tra tv generalista e streaming - film queer 2 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 24/30 giugno tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 24.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24

Continua a leggere

Credit: Steve Russell

Affermazione di genere, il Governo manda gli ispettori al Careggi di Firenze. Zan: “Crociata ideologica e politica”

News - Redazione 24.1.24
roma-svastica-locandina-manifestazione-trans

Roma, svastica sulla locandina della manifestazione trans* del 18 maggio

News - Francesca Di Feo 14.5.24
milano-transfobia-consiglio-comunale

Milano, transfobia in Consiglio Comunale da parte del consigliere Lega Samuele Piscina – LINGUAGGIO FORTE

News - Francesca Di Feo 4.3.24
Leo Varadkar, il primo storico premier gay d'Irlanda si è dimesso: "Ragioni politiche e personali" - Scaled Image 100 - Gay.it

Leo Varadkar, il primo storico premier gay d’Irlanda si è dimesso: “Ragioni politiche e personali”

News - Redazione 21.3.24
Tommy Dorfman (TIME)

Tommy Dorfman accusa la Delta Air Lines di transfobia

Cinema - Redazione Milano 3.1.24
deumanizzat-bambin-trans-ideologia

Deumanizzatǝ: quando la vita di unǝ bambinǝ trans vale meno della propaganda di potere

Corpi - Francesca Di Feo 10.4.24
Perù, le persone trans, non binarie e intersessuali saranno ora classificate come “malate di mente” - Azul Rojas Marin - Gay.it

Perù, le persone trans, non binarie e intersessuali saranno ora classificate come “malate di mente”

News - Redazione 16.5.24
Numero Verde 800713713 Gay Help Line - 18 anni, 350.000 chiamate, il 51% da giovani -

Gay Help Line, 18 anni di supporto telefonico LGBTIAQ+ : 51% delle richieste arrivano da giovani – VIDEO

News - Gay.it 18.3.24