Tutti contro Pro Vita, “quella campagna non ha nulla a che vedere con la legge sull’omofobia”

Mera propaganda, ricca di menzogne e disinformazione. L'indecente campagna Pro Vita ha scatenato reazioni, ma il comune di Roma ha autorizzato l'affissione?

Tutti contro Pro Vita, "quella campagna non ha nulla a che vedere con la legge sull'omofobia" - pro vita omofobia - Gay.it
2 min. di lettura

La ridicola e menzognera campagna contro la legge sull’omofobia ideata da Pro Vita, apparsa a Roma nella giornata di ieri, ha ovviamente scatenato un fiume di reazioni, inevitabilmente indignate.

Beatrice Brignone, Segretaria Nazionale di Possibile, e Gianmarco Capogna, Portavoce nazionale di Possibile LGBTI+, hanno tuonato: “è propaganda che
non ha nulla a che vedere con la legge su omobitransfobia”.

Siamo sconcertati dalla campagna lanciata da Provita contro la discussione della proposta di legge sull’omobitransfobia. I messaggi apparsi oggi sui cartelloni pubblicitari altro non sono che mera propaganda tanto più che la notizia della calendarizzazione non è stata accompagnata ancora dal testo base che dovrà nascere dall’unione delle diverse proposte presentate in Parlamento. La campagna racconta falsità e rappresenta un ennesimo tentativo per ribadire la contrarietà a tutele e riconoscimento per le persone LGBTI; una posizione che contrasteremo in prima linea con le associazioni.

Non accettiamo alcuna speculazione ideologica e politica su un tema tanto importante che riguarda la vita delle persone LGBTI, spesso giovanissime“, continuano Beatrice e Gianmarco: “I numeri delle violenze e delle aggressioni testimoniano l’urgenza di strumenti concreti sia per la tutela delle vittime che per il sostegno dei centri che si occupano di violenza e, contemporaneamente, anche di prevenzione attraverso campagne culturali a partire dalle scuole. Proprio per questi motivi, nonostante la scelta di portare in aula la discussione vada nella direzione di dare al tema una priorità che ci trova d’accordo, riteniamo che ogni giudizio di merito sia legato al testo base che sarà presentato. L’importanza del contrasto all’odio per motivi legati all’orientamento sessuale e per identità di genere rappresenta un impegno di responsabilità che non deve tradursi in leggi frutto di compromessi al ribasso come già accaduto in altre occasioni”.

Non è chiaro, ad oggi, se questa imbarazzante campagna abbia ottenuto l’autorizzazione dal Comune di Roma all’affissione pubblica. Non ci stupiremmo del contrario, viste le salatissime multe del 2018, quando Pro Vita tappezzò la Città Eterna con indecenti manifesti omofobi mai autorizzati. Ad attaccare la campagna anche Fabrizio Marrazzo, portavoce Gay Center.

I manifesti apparsi a Roma contro la legge sull’Omofobia riportano affermazioni false, le leggi contro l’omofobia potrebbero vietare solo le offese verso le persone lesbiche, gay, bisex, e trans e non altro come riportato nel manifesto. Inoltre, le leggi presentate alla camera non prevedono neanche il reato di propaganda di odio, e non danno nessun sostegno certo alle vittime. Quindi, purtroppo anche in caso di approvazione gli omofobi possono continuare a fare manifesti, ed anche a discriminare dato che le vittime senza sostegni difficilmente denunceranno. Richiediamo ai deputati di rivedere la proposta di legge in modo da vietare la propaganda di odio e di dare sostegni certi alle vittime, come centri antiviolenza e case rifugio.

Anche qui Marrazzo fa il passo più lungo della gamba, visto e considerato che ancora non si conosce il testo base che il 30 marzo verrà presentato alla Camera, in quanto figlio dell’unione delle diverse proposte presentate in Parlamento. Compresa, tra le tante, quella appoggiata dallo stesso Marrazzo.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
Queer Planet, il trailer del doc sugli animali LGBTI+ scatena i conservatori d'America (VIDEO) - Queer Planet Official Trailer - Gay.it

Queer Planet, il trailer del doc sugli animali LGBTI+ scatena i conservatori d’America (VIDEO)

News - Redazione 21.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Jason Hackett, il conduttore del tg fa coming out in diretta: "Voglio essere autenticamente me stesso" (VIDEO) - Jason Hackett - Gay.it

Jason Hackett, il conduttore del tg fa coming out in diretta: “Voglio essere autenticamente me stesso” (VIDEO)

News - Redazione 22.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
iraq-donne-trans (2)

Iraq, la strage silenziosa delle donne trans, uccise dai loro familiari per “onore”

Corpi - Francesca Di Feo 20.5.24

Continua a leggere

Europee 2024, il Pd e Tarquinio. Lui insiste: "Il DDL Zan non mi piace, sulle unioni civili dico "a ciascuno si dia il suo"" - Marco Tarquinio - Gay.it

Europee 2024, il Pd e Tarquinio. Lui insiste: “Il DDL Zan non mi piace, sulle unioni civili dico “a ciascuno si dia il suo””

News - Federico Boni 5.4.24
Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti - Carriera Alias - Gay.it

Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti

News - Redazione 27.12.23
Messico, il presidente Obrador definisce "un uomo vestito da donna" la deputata trans Salma Luevano - Andres Manuel Lopez Obrador - Gay.it

Messico, il presidente Obrador definisce “un uomo vestito da donna” la deputata trans Salma Luevano

News - Redazione 10.1.24
Turchia, Erdogan attacca l'Eurovision: “È corruzione sociale, promuove la neutralità di genere e minaccia la famiglia" - Turchia Erdogan attacca lEurovision - Gay.it

Turchia, Erdogan attacca l’Eurovision: “È corruzione sociale, promuove la neutralità di genere e minaccia la famiglia”

News - Redazione 23.5.24
Gabriel Attal, il nuovo premier di Francia è il primo dichiaratamente gay nonché il più giovane di sempre - Gabriel Attal - Gay.it

Gabriel Attal, il nuovo premier di Francia è il primo dichiaratamente gay nonché il più giovane di sempre

News - Redazione 9.1.24
Salvini a Belve: "Sui gay io e Vannacci abbiamo idee diverse. Non posso dare lezioni di morale a nessuno" (VIDEO) - Salvini a Belve - Gay.it

Salvini a Belve: “Sui gay io e Vannacci abbiamo idee diverse. Non posso dare lezioni di morale a nessuno” (VIDEO)

News - Redazione 3.4.24
Alessandro Zan PD Elezioni Europee

Europee 2024, intervista ad Alessandro Zan: “Faremo l’Europa più politica, Meloni come Orban, Vannacci come il Ku Klux Klan”

News - Federico Boni 15.5.24
donna-trans-licenziata-dopo-il-coming-out

Donna trans licenziata dopo il coming out: nessun sostegno neanche dai colleghi

News - Francesca Di Feo 2.4.24