L’inquietante silenzio di Von Der Leyen sui temi LGBTQIA+ nell’ultimo State of the Union prima delle Europee 2024

Dov'è finita la "LGBTI freedom zone"?

ascolta:
0:00
-
0:00
ursula-von-der-layen
2 min. di lettura

Nel suo discorso all’ultimo State of the Union 2023 prima delle imminenti elezioni europee di giugno, la Presidente Ursula Von Der Leyen ha affrontato una serie di questioni cruciali, inclusi la parità di genere e la proposta di una Direttiva Europea dedicata alla lotta contro la violenza sulle donne.

Tuttavia, in oltre un’ora di intervento, è notevole la totale assenza riferimenti ai diritti LGBTQIA+. Un silenzio tanto inaspettato quanto deludente, specialmente considerando che fino a poco tempo fa la Presidente si presentava come paladina di una Unione Europea inclusiva e tollerante nei confronti della comunità LGBTQIA+.

Nel 2021, Von Der Leyen dichiarò infatti che l’Unione Europea sarebbe presto diventata una “LGBTI freedom zone, un territorio unificato in cui i diritti a 360° diventassero fondamentali e non negoziabili.

Promessa che generò un’ondata di ottimismo all’interno della comunità, e che appariva come segnale di un impegno serio e concreto per il riconoscimento dei diritti LGBTQIA+ a livello europeo.

Ma se ci spostiamo velocemente a oggi, osserviamo una lacuna preoccupante tra le promesse e le realizzazioni. Paesi membri come la Polonia, l’Ungheria e la nostra stessa Italia sono esempi di nazioni dove i diritti umani sono ancora fortemente minacciati.

Da noi, la persecuzione delle famiglie arcobaleno, l’ulteriore criminalizzazione della GPA, l’attacco alle carriere alias. In Polonia e Ungheria un ambiente sempre più ostile e intollerante verso le minoranze. Le minacce, senza azioni concrete, sono servite a poco. 

A differenza di quanto in molti tendono a pensare, la questione LGBTQIA+ non riguarda unicamente il diritto di “amare chi si vuole”. Si tratta di un tema umanitario che include il diritto all’autodeterminazione, al riconoscimento legale delle famiglie e alla stessa sicurezza e sopravvivenza.

Eppure, queste problematiche sembrano essere state completamente trascurate nel discorso di Von Der Leyen.

Con le elezioni europee alle porte, previste per giugno 2024, un silenzio simile assume un’importanza cruciale. Se l’Unione Europea desidera mantenere la sua reputazione come baluardo per i diritti umani e i valori democratici, è imperativo che i diritti LGBTQIA+ siano parte integrante dell’agenda politica.

In un momento in cui l’intera comunità è sotto attacco in più di uno stato membro, un’omissione simile non è solo un fallimento morale, ma anche un rischio potenziale per la coesione sociale e politica all’interno dell’UE. La comunità LGBTQIA+, e con essa l’intera Unione Europea, merita una leadership che sia coerente con i valori che proclama di difendere. Il tempo delle promesse è decisamente finito.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

L’Indonesia vuole vietare i media LGBTQIA+ e il giornalismo investigativo - indonesia gay protest - Gay.it

L’Indonesia vuole vietare i media LGBTQIA+ e il giornalismo investigativo

News - Redazione 29.5.24
Papa Francesco Dignitas Infinita - Chiesa Cattolica - Vaticano

Papa Francesco e l’attacco ai seminaristi gay, le reazioni della comunità LGBTQIA+ italiana

News - Redazione 28.5.24
pride di modena, terni e alessandria

Come sono andati i Pride di Alessandria, Terni e Modena il 25 maggio – GALLERY

News - Gio Arcuri 28.5.24
Omar Ayuso e Itzan Escamilla di Elite sono una coppia? (FOTO) - Omar Ayuso e Itzan Escamilla foto cover - Gay.it

Omar Ayuso e Itzan Escamilla di Elite sono una coppia? (FOTO)

Culture - Redazione 27.5.24
Bingham Cup 2024, a Roma la prima gara internazionale di Rugby tra persone trans - Bingham Cup 2024 a Roma la prima gara internazionale di Rugby tra persone trans 5 - Gay.it

Bingham Cup 2024, a Roma la prima gara internazionale di Rugby tra persone trans

News - Redazione 29.5.24
Simona Fatima Cira Aiello

Chi è Simona Aiello donna trans candidata con Giorgia Meloni e Fratelli d’Italia alle comunali

News - Mandalina Di Biase 28.5.24

Continua a leggere

Marilena Grassadonia Intervista Elezioni Europee 2024 Verdi e Sinistra Italiana

Europee 2024, intervista a Marilena Grassadonia: “Pace, ambiente, battaglie transfemministe e del movimento LGBTQIA+”

News - Federico Boni 16.5.24
meloni orban

Italia al 25° posto su 27 in Europa sui diritti. Peggio di noi solo Ungheria e Polonia. Il report sui singoli voti all’Europarlamento

News - Federico Boni 15.4.24
Svezia transizione 16 anni transgender

Svolta storica anche in Svezia, l’età per la transizione si abbassa a 16 anni, approvata la legge sull’autodeterminazione

News - Francesca Di Feo 18.4.24
L’eurodeputata leghista Basso contro i manifesti pro famiglie arcobaleno di Ravenna: "Chiederò spiegazioni a Bruxelles" - Leurodeputata leghista Basso - Gay.it

L’eurodeputata leghista Basso contro i manifesti pro famiglie arcobaleno di Ravenna: “Chiederò spiegazioni a Bruxelles”

News - Redazione 8.1.24
burocrazia unioni civili, guida alle top location per unioni civili in puglia

Il Liechtenstein ha legalizzato il matrimonio egualitario

News - Redazione 17.5.24
free willy, locali gay amsterdam

“Free Willy”, il nuovo locale queer ad Amsterdam dedicato agli amanti del nudismo

News - Redazione 19.4.24
Insulti a Carolina Morace dopo l'annuncio della candidatura alle europee: "Pedofila devi stare in carcere" - Carolina Morace - Gay.it

Insulti a Carolina Morace dopo l’annuncio della candidatura alle europee: “Pedofila devi stare in carcere”

News - Redazione 2.5.24
Bruxelles Pride il 18 maggio: tutti i motivi per cui dovresti andarci! - bruxelles pride 2024 44 - Gay.it

Bruxelles Pride il 18 maggio: tutti i motivi per cui dovresti andarci!

Culture - Francesca Di Feo 11.4.24