Vescovo americano costretto alle dimissioni: Era tutti i giorni su Grindr

Dal 2018 al 2020 monsignor Burrill ha frequentato saune, locali e abitazioni private per incontri tramite Grindr.

burrill
Vescovo Burrill beccato su Grindr.
3 min. di lettura

Del binomio chiesa – app di incontri gay ne abbiamo spesso parlato. L’ultimo caso arriva dagli Stati Uniti, e il protagonista della vicenda è Monsignor Jeffrey Burrill, ovvero il segretario generale della Conferenza dei Vescovi (detta comunemente Usscb).

Monsignor Burrill è una figura importante nel suo ruolo di alto funzionario amministrativo della Chiesa statunitense. Negli ultimi tempi, è stato anche il diplomatico che ha portato avanti la mediazione tra le due fazioni dei vescovi americani riguardo la comunione per i politici “pro aborto”.

Monsignor Burrill si è dimesso

Proprio Monsignor Jeffrey Burrill finito al centro di uno scandalo, quando il quotidiano “The Pillar” è riuscito a tracciare alcuni suoi movimenti, scoprendo che negli ultimi due anni ha frequentato spesso locali gay, abitazioni private e saune per incontri organizzati tramite Grindr.

La notizia è stata una bomba, che ha costretto Monsignor Burrill alle dimissioni:

Il segretario generale della Conferenza Episcopale Americana Mons. Jeffrey Burrill si è dimesso per comportamenti impropri. 

Il comunicato ha anche sottolineato che gli incontri non riguardavo persone minorenni.

The Pillar però ha fatto di più. Il giornale infatti riporta:

Un’analisi dei dati relativi al portatile di Burrill mostra che il sacerdote ha visitato bar gay e residenze private usando un’app di incontri in diverse città dal 2018 al 2020, anche durante viaggi per conto del suo incarico in seno alla Conferenza episcopale. 

Il sito di inchiesta ha ottenuto gli spostamenti del Monsignore proprio da Grindr, che li acquisiva e memorizzava con un codice utente che non cambiava mai. Proprio per questo, Burrill era sempre rintracciabile.

Scandalo e… complotto?

Ma vita privata e orientamento sessuale del sacerdote a parte, c’è una questione più interessante, che avrebbe spinto il quotidiano online americano a impegnarsi tanto per ottenere i dati sugli incontri. È il ruolo di “diplomatico” che lo stesso Burrill ricopriva fino a pochi giorni fa, prima delle sue dimissioni.

Come annunciato poche righe più sopra, Burrill aveva anche il compito di mediare tra le due fazioni dei vescovi: da una parte vi era quella corrente che apriva all’eucarestia per i leader politici che approvavano la pratica dell’aborto, dall’altra c’era l’ala più conservatrice, la quale intendeva escludere addirittura il presidente USA Joe Biden.

Su questa storia, vi sono quindi più delle classiche due facce di una medaglia. Se da una parte vi è il comportamento inappropriato del monsignore, dall’altra ci potrebbe essere un complotto per rimuovere lo stesso Burrill dal suo posto, dando una mano o all’ala più conservatrice o a quella più liberale. Quale delle due abbia messo insieme questo ipotetico complotto, però, ancora non è chiaro.

Tracciamento dati: che fine ha fatto l’etica?

Ma la “terza” faccia della medaglia riguarda il profilo etico. La raccolta dei dati da un dispositivo è un mondo ancora senza regole, quindi chiunque potrebbe reperire quei dati senza ripercussioni, creandoci sopra uno scoop. “L’app, dal lato degli sviluppatori, non identifica i nomi degli utenti. Semplicemente dà a ciascuno un codice numerico unico che li identifica”, hanno precisato dal quotidiano “The Pillar“, con i dati che possono essere analizzati e il singolo codice utente scorporato. The Pillar, scrive il Corriere della Sera, ha ottenuto il pacchetto di dati utenti Grindr da un’agenzia che li commercia, per poi incrociare le multiple geolocalizzazioni dello stesso numero nella sede della Curia e nella casa di campagna della sua famiglia. In questo modo ha dato un  volto ad un «numero anonimo». Il volto del vescobo Burrill.  Ma tutto ciò è realmente lecito?

Il Foglio affronta la questione, definendo lo scandalo uno sciacallaggio. Secondo il quotidiano, il tracciamento dei dati è:

Un’arma pericolosissima, che può essere usata contro chiunque: uno spionaggio in piena regola, protratto per anni e al momento opportuno – quando cioè serve far esplodere il caso e togliere di mezzo un personaggio poco gradito – tradotto in longform da pubblicare su qualche sito o giornale.

 

Grindr era stato citata in giudizio per dei problemi legati alla riservatezza dei dati dei suoi utenti. Alcuni tecnici e utenti della app avevano scoperto che si poteva trovare la posizione esatta di un utent. L’app era inoltre finita sotto accusa per aver venduto i dati degli utenti per fini commerciali, fatto che aveva spedito Grindr alla sbarra in Norvegia. Il caso si era concluso con una multa di 12 milioni di dollari.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Simona Fatima Cira Aiello

Chi è Simona Aiello donna trans candidata con Giorgia Meloni e Fratelli d’Italia alle comunali

News - Mandalina Di Biase 28.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
10 attori e attrici trans ad hollywood

10 star della comunità trans* che stanno rivoluzionando Hollywood

Cinema - Gio Arcuri 23.5.24
Un terzo del mondo criminalizza ancora oggi gli atti consensuali tra persone dello stesso sesso - carcere amnistia - Gay.it

Un terzo del mondo criminalizza ancora oggi gli atti consensuali tra persone dello stesso sesso

News - Redazione 29.5.24
meloni orban

L’ascesa delle ultradestre e dei movimenti anti-LGBTQIA+ spiegata in 5 punti fondamentali

News - Francesca Di Feo 29.5.24
teramo-estorsione-uomini-gay-grindr

Reggio Calabria, uomo gay adescato tramite app picchiato, insultato e derubato da tre ragazzi

News - Redazione 28.5.24

Leggere fa bene

Cesena, Forza Nuova affisse manifesti funebri per le unioni civili. Mirco Ottaviani assolto dalla Corte d'Appello - Cesena Forza Nuova 1 - Gay.it

Cesena, Forza Nuova affisse manifesti funebri per le unioni civili. Mirco Ottaviani assolto dalla Corte d’Appello

News - Redazione 21.3.24
deumanizzat-bambin-trans-ideologia

Deumanizzatǝ: quando la vita di unǝ bambinǝ trans vale meno della propaganda di potere

Corpi - Francesca Di Feo 10.4.24
L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali - Sessp 11 - Gay.it

L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali

Corpi - Federico Colombo 28.12.23
romania-unioni-civili

Romania in ritardo sul riconoscimento delle coppie omo, cresce l’estrema destra: l’allarme dellə attivistə

News - Francesca Di Feo 18.12.23
donald-trump

Cancellata la norma voluta da Donald Trump che consentiva ai medici di negare le cure ai pazienti LGBT+

News - Redazione 12.1.24
Matteo Salvini a Firenze per il meeting di Identità e Democrazia

Gli imbarazzanti alleati europei di estrema destra della Lega di Salvini

News - Lorenzo Ottanelli 4.12.23
Jack Chambers, ministro irlandese fa coming out: “Con orgoglio dico che sono gay” - Jack Chambers 1 - Gay.it

Jack Chambers, ministro irlandese fa coming out: “Con orgoglio dico che sono gay”

News - Redazione 16.1.24
Europee 2024, Marco Tarquinio agita il Pd. Monica J. Romano: "Figura divisiva, sarebbe un errore candidarlo" - Europee 2024 Marco Tarquinio agita il Pd. Monica J. Romano - Gay.it

Europee 2024, Marco Tarquinio agita il Pd. Monica J. Romano: “Figura divisiva, sarebbe un errore candidarlo”

News - Federico Boni 2.4.24