Video

Vladimir Luxuria replica a Pio e Amedeo: “Davanti all’omotransfobia non basta riderci sopra” – video

"Certe parole, accompagnate da un'azione violenta, non riescono ad essere frenate da un "ridiamoci sopra"".

2 min. di lettura

Da foggiana a due foggiani, Vladimir Luxuria ha replicato a tono a Pio e Amedeo, ieri resisi protagonisti di un monologo inaccettabile sulle “parole che non si possono più dire in tv“. Un monologo di 17 minuti in cui i due comici, maschi bianchi eterosessuali, si sono permessi di venirci a raccontare cosa dovrebbe essere considerato razzista e omotransfobico. Un monologo che ha scatenato un infinito dibattito social, con Matteo Salvini che si è chiaramente congratulato con Pio e Amedeo, a cui Vladimir ha così voluto rispondere.

Vero che l’ironia e l’autoironia sono grandissime armi, risorse, spesso anche un vaccino contro il virus dell’ignoranza e della stupidaggine. È vero che le parole devono essere contestualizzate, non sono avulse dal contesto. Una parola è offensiva quando c’è l’intenzione di offendere. Però l’ironia non basta, purtroppo. Penso a Malika, cacciata di casa mentre la madre le augurava tutto il male possibile. Non credo che per lenire il suo dolore fosse bastato a Malika riderle in faccia. Così come ricordo quando mi bullizzavano a scuola e mi facevano perdere la voglia di andare a scuola, non ce la facevo a ridere. Tutte le volte che mi hanno picchiata, non è che se io mi mettevo a ridere in faccia a chi mi stava picchiando lui avrebbe smesso di picchiarmi. Certe parole, accompagnate da un’azione violenta, non riescono ad essere frenate da un “ridiamoci sopra”, perché purtroppo non basta.

Messaggio ineccepibile, quello rivolto a Pio e Amedeo da Vladimir, che ha poi giustamente ribadito la necessità e l’importanza dei Pride, ancora oggi, dopo che i due comici li hanno derisi, chiedendosi a cosa servano.

Bisogna chiedersi perché esiste il Gay Pride e non l’Etero Pride. Forse perché ad esempio gli etero possono accedere al matrimonio mentre per i gay ci sono le unioni civili? Forse perché le coppie etero possono adottare e quelle gay no? Forse perché nessuno è mai andato a picchiare nessuno in quanto eterosessuale e magari due gay, in certi contesti, prima di baciarsi tra di loro devono guardarsi in giro per vedere che non ci sia nessuno con cattive intenzioni di colpirli, insultarli e picchiarli? Ironia sì, diritto alla satira sì, però attenzione perché purtroppo in certi contesti di omotransfobia non basta riderci sopra.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Bobby Alberto 5.5.21 - 17:44

La barbarie dell Italia di oggi

Trending

Nemo The Code significato e come è nata

Nemo, il magnifico testo non binario di “The Code” è nato così: ecco cosa racconta davvero

Musica - Mandalina Di Biase 13.5.24
Francesco Cicconetti, l'Università di Urbino gli riconosce l'identità di genere anche sul diploma - Francesco Cicconetti - Gay.it

Francesco Cicconetti, l’Università di Urbino gli riconosce l’identità di genere anche sul diploma

News - Redazione 17.5.24
Sergio Mattarella 17 maggio giornata internazionale contro omofobia transfobia bifobia

17 maggio, Mattarella contro l’omobitransfobia: “Non è possibile accettare di rassegnarsi alla brutalità”

News - Redazione 17.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Parigi 2024, le drag queen Minima Gesté, Miss Martini e Nicky Doll sfilano con la torcia olimpica - Parigi 2024 le drag Minima Geste Miss Martini e Nicky Doll sfilano con la torcia olimpica - Gay.it

Parigi 2024, le drag queen Minima Gesté, Miss Martini e Nicky Doll sfilano con la torcia olimpica

Corpi - Redazione 16.5.24
Sara Drago

Sara Drago: “La realtà è piena di diversità, sarebbe bellissimo interpretare un uomo” – intervista

Cinema - Luca Diana 11.5.24

Hai già letto
queste storie?

Sanremo Giovani 2022 Marco Mengoni Amadeus gay.it

Sanremo 2024: Amadeus svela cosa farà Marco Mengoni, i 12 finalisti di Sanremo Giovani e conferma: “Sarà il mio ultimo Festival”

Culture - Redazione 27.11.23
Star di Desperate Housewives conferma i rumor su un ipotetico reboot: “Ne abbiamo parlato” - desperate housewives - Gay.it

Star di Desperate Housewives conferma i rumor su un ipotetico reboot: “Ne abbiamo parlato”

Serie Tv - Redazione 12.3.24
Sugo-Gate a Belve, Antonella Clerici fa il nome di Ligabue che smentisce: "Mai detta una cosa del genere" (VIDEO) - Sugo Gate a Belve Antonella Clerici fa il nome di Ligabue che smentisce - Gay.it

Sugo-Gate a Belve, Antonella Clerici fa il nome di Ligabue che smentisce: “Mai detta una cosa del genere” (VIDEO)

Culture - Redazione 24.4.24
Luciana Littizzetto e la commovente lettera a Giovanni, 13enne suicida a causa del bullismo omofobo. VIDEO - Luciana Littizzetto - Gay.it

Luciana Littizzetto e la commovente lettera a Giovanni, 13enne suicida a causa del bullismo omofobo. VIDEO

Culture - Redazione 20.11.23
Sanremo 2024, i favoriti dei bookmakers dopo le pagelle dei giornalisti. Vince Annalisa? - Sanremo 2024 2 - Gay.it

Sanremo 2024, i favoriti dei bookmakers dopo le pagelle dei giornalisti. Vince Annalisa?

Culture - Federico Boni 17.1.24
Sandra Milo, Icona eternamente Libera - Sandra Milo fotografata da Leandro Manuel Emede per Sette Corriere - Gay.it

Sandra Milo, Icona eternamente Libera

Culture - Federico Boni 29.1.24
Mare Fuori 4, da oggi su RaiPlay i primi sei episodi. Ecco tutto quello che c'è da sapere - Mare Fuori 4 - Gay.it

Mare Fuori 4, da oggi su RaiPlay i primi sei episodi. Ecco tutto quello che c’è da sapere

Serie Tv - Federico Boni 1.2.24
Peter Gomez e Roberto D’Agostino fanno outing a Mahmood e Marco Mengoni: "Sono gay dichiarati" (VIDEO) - Mengoni e Mahmood sono gay dichiarati outing in tv - Gay.it

Peter Gomez e Roberto D’Agostino fanno outing a Mahmood e Marco Mengoni: “Sono gay dichiarati” (VIDEO)

Culture - Redazione 12.2.24