Foto

Abbiamo parlato con Marco Marras, il ragazzo che ha sfidato Meloni: non sto con lei

Chi mi conosce sa che al liceo ero out da sempre. Sempre detto di essere gay e nessun partito mi rappresentava.

ascolta:
0:00
-
0:00
marco marras ragazzo lgbtq giorgia meloni cagliari 3 settembre 2022 fratelli d'italia
marco marras ragazzo lgbtq giorgia meloni cagliari 3 settembre 2022 fratelli d'italia
3 min. di lettura

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da GAY.IT 🇪🇺🌍 (@gayit)

 

Siamo a Cagliari,  Giorgia Meloni è appena salita sul palco in piazza del Carmine, improvvisamente viene avvicinata da un giovane con la bandiera arcobaleno che le chiede di garantire i diritti delle persone Lgbt+.

Chi è? Da dove arriva? Come ha fatto a superare il cordone di polizia che sempre accompagna l’ex ministra alle politiche giovanili? È forse posticcia, come sta commentando qualcuno sui social, la messa in scena della leader di Fratelli d’Italia che ha “dialogato” con “l’attivista Lgbt”?

Intanto è lì. Ed è certamente figlia dello spirito del tempo che viaggia sul modello di un attivismo performativo, vuoto.

Quello che si è sviluppato negli ultimi anni: quello delle coppie che si baciano durante i selfie di Salvini, ad esempio. Una modalità individualista che non sta nelle pratiche dell’attivismo, quella di chi pensa che da soli si può manifestare il dissenso parlando a nome di tutti.  Chi pratica o conosce il movimento di liberazione sa ed è consapevole che l’attivismo non è mai, in nessun caso, una questione individuale. A maggior ragione se si regge una bandiera, quella bandiera arcobaleno che da decenni rappresenta le lotte e il coraggio di una comunità.

Marco Marras classe 1998 non rilascia dichiarazioni: «Ho scritto un post completo sul perché del mio gesto. La ringrazio per l’attenzione». Dichiara comunque.

Però si sfoga: «Voglio dichiarare che sono una persona pacifica e che con gli scontri non c’entro nulla ho agito da libero cittadino che voleva esprimere politicamente un’opinione». Eppure basta riguardare il video. La scena è chiara: Giorgia Meloni ha in mano il microfono, lui biascica qualcosa stringendo una bandiera rainbow: giustamente, il comizio era suo. Chiosa.

Mentre tra i commenti social serpeggia la voce: sarebbe in realtà un militante di Fratelli d’Italia sin dai tempi del liceo. Smentita: chi mi conosce sa che al liceo ero out da sempre. Sempre detto di essere gay e nessun partito mi rappresentava, come nessuno mi rappresenta per il voto del 25. Se uno crede ai partiti gli rispondo: beato te.

Ma è il post a infastidire la comunità, non questa disillusione verso la politica, i modi e i toni. Quel “Ringrazio la leader Giorgia Meloni”:  l’ho ringraziata per avermi concesso un confronto e poi ho tolto il disturbo. Sono per la manifestazione non violenta. Seguo l’esempio di Marco Cappato. Sul fatto che mi hanno schernito e insultato non importa. Chi insulta si manifesta per quello che è. 

Non è chiaro nulla. Non si comprende se da quella piazza Meloni sia riuscita a convincerlo oppure no. Ma non mi ha convinto. Resta una conservatrice. Volevo solo che il mio gesto fosse una dimostrazione che è possibile dissentire nei limiti della buona educazione.

Forse è questo il problema di questa nuova ondata di attivismo che pervade le nostre vite, forse è questo pensiero che basta abbassare i toni per essere ascoltati, restare fermi e immobili, salvo rendersi conto da quel posto non ci si è mai mossi. I quotidiani locali sardi riportano una denuncia per turbativa del comizio elettorale. Ma Marras risulta solo identificato.

Alla fine Giorgia Meloni non lo ha convinto: ha idee sbagliate. Le persone possono cambiare ma lei è troppo fedele alla sua ideologia, dice, gli premio la coerenza ma il mio mondo è diverso mi sento più vicino a Marco Cappato.

Lo ripete spesso, ma tra i due mondi la distanza resta siderale. Marco Cappato, radicale non (più) per tessera, cinque arresti o fermi per disobbedienza civile, un processo che ha rivoluzionato la disciplina sul suicidio assistito, non direbbe mai grazie alla polizia. A questa obiezione Marras è granitico: avrebbero potuto fermarmi in sei agenti e invece lei ha voluto parlare con me. 

Marras dice che non lascerà l’Italia come ha annunciato sul palco in caso di vittoria di Giorgia Meloni. Resisterà, dice, bacerà ragazzi in pubblico e gli terrà la mano: io non sono sbagliato.

Al post pubblicato, poche ore dopo aggiunge un post scriptum: comunque signora Meloni i cambiamenti si possono frenare ma saranno inevitabili e in Italia in futuro potrà sposarmi e adottare

Marco è semplicemente un ragazzo con una sua visione del mondo. Non sembra un fantoccio e neanche una controfigura. Abbandoniamo i retroscena perché poi si sa: dietro ogni sospetto c’è una cattiva intenzione. Però qualcosa dentro questa storia di sbagliato c’è.  Senza mai generalizzare, che è sempre un’insidia, ma parlando con Marras si ha come l’impressione che -lui come tanti- sia figlio di un tempo sordo.

Un tempo in cui tutti parlino più di quanto ascoltino, e tutti vogliano essere guardati, più che guardare.  Nella storia pubblicata scrive: “Non sono un attivista. Non partecipo a nessun partito o associazione”. Mi sembra preciso: la fine di tutto, appunto. La fine della politica che offre un posto alle nuove generazioni, delle associazioni capaci di raccogliere le migliori energie, dei piedi per riunirsi e protestare sì, ma insieme, del fare comunità. La fine del buon senso.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
iraq-donne-trans (2)

Iraq, la strage silenziosa delle donne trans, uccise dai loro familiari per “onore”

Corpi - Francesca Di Feo 20.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Jason Hackett, il conduttore del tg fa coming out in diretta: "Voglio essere autenticamente me stesso" (VIDEO) - Jason Hackett - Gay.it

Jason Hackett, il conduttore del tg fa coming out in diretta: “Voglio essere autenticamente me stesso” (VIDEO)

News - Redazione 22.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: "Ipocriti, scrivevano quanto fossi grassa" - Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni - Gay.it

Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: “Ipocriti, scrivevano quanto fossi grassa”

Culture - Redazione 22.5.24

Hai già letto
queste storie?

HUNTER SCHAFER

Hunter Schafer è stata arrestata per una protesta pro-Palestina

News - Redazione Milano 28.2.24
alessia-crocini-mennuni

Alessia Crocini risponde alla senatrice Mennuni sulla maternità: “Le parole di una privilegiata”

News - Francesca Di Feo 28.12.23
A sin: Giorgia Meloni con Elena Donazzan (è noto che la prima non ami la seconda) - a destra Cloe Bianco

Nessuna pace per Cloe Bianco, Elena Donazzan sarà candidata alle Europee da Fratelli d’Italia

News - Redazione Milano 7.12.23
@spartaco._

Il mondo gamer raccontato da Jessica G. Senesi: tra autoironia e inclusività

News - Riccardo Conte 1.2.24
Veganuary - Di Pazza e la cucina vegetale

Di Pazza: cos’è il Veganuary e l’insostenibile leggerezza del vegetale

Culture - Emanuele Cellini 11.1.24
Giorgia Meloni natalita denatalita gpa aborto

L’Italia di Meloni fa ancora meno figli, ma la colpa è delle donne e degli omosessuali

Corpi - Giuliano Federico 12.5.24
taiwan-intervista-post-elezioni (5)

Taiwan: “La Cina una minaccia costante, soprattutto per la comunità queer” parla un’attivista LGBTIQ+

News - Francesca Di Feo 14.2.24
reintegrato-coordinatore-cittadino-fdi-omofobo

Dentro Fratelli d’Italia se sei omofobo fai carriera: la storia di Alessio Butti

News - Francesca Di Feo 1.12.23