ADDIO A NINO MANFREDI…

Si è spento oggi uno degli ultimi grandi attori della tradizione italiana, che per due volte nella sua lugna carriera aveva interpretato con delicatezza e rispetto ruoli di personaggi omosessuali.

ADDIO A NINO MANFREDI… - manfredi - Gay.it
2 min. di lettura

ROMA – «L’omosessuale è sempre utilizzato per far scattare qualche facile risata. Non è difficile farne delle macchiette, delle caricature. Molto più difficile rappresentarne l’umanità». Con queste sue parole vogliamo ricordare Nino Manfredi, morto questa mattina a Roma, all’ospedale Nuovo Regina Margherita, a 83 anni, dopo una lunga malattia. Le sue condizioni, già precarie, nei giorni recenti si erano ulteriormente aggravate, fino al ricovero in terapia intensiva. Il 9 luglio 2003 era stato colpito da un emorragia cerebrale. A settembre un miglioramento, il ritorno a casa, fino a una serie di ricadute tra cui quella che gli sarebbe stata fatale, ieri.
Per due volte nella sua lunga e fortunata carriera, Manfredi ha interpretato un personaggio dichiaratamente gay. L’ultimo, si chiamava Francesco, era un anziano professore di liceo, costretto dalle “malelingue”, dopo lo spontaneo “coming out”, a scappare in giovane età dal paesino in cui viveva con la madre e il fratello Nicola, “razzista, assolutista, fermamente deciso a non concedere libertà neppure ai propri figli”: era il protagonista dello sceneggiato “Un difetto di famiglia” andato in onda su RaiUno due anni fa, che ha anche vinto importanti premi televisivi per la delicatezza con cui toccava un argomento difficile.
Nino Manfredi nella sua lunga e prestigiosa carriera aveva già interpretato il personaggio di un omosessuale una sola volta, in “Vedo Nudo“, un film a episodi diretto da Dino Risi. «E’ andata bene – raccontava l’attore – ma da allora ho capito quanto è difficile e ho sempre rifiutato. Perché l’omosessuale è sempre utilizzato per far scattare qualche facile risata. Non è difficile farne delle macchiette, delle caricature. Molto più difficile rappresentarne l’umanità».
Manfredi descrisse il suo personaggio in “Un difetto di famiglia” come «uno dei tanti omosessuali – e sono la stragrande maggioranza – che fanno una vita normale, quasi anonima, che sono monogami, non effemminati, non esibizionisti, e non desiderano provocare e dare scandalo. E’ un uomo di cultura, che ha classe e raffinatezza, che ha pagato di persona la sua coerenza e il coraggio di dichiararsi omosessuale in un paesino del sud, negli anni sessanta».

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
aromanticismo-cosa-vuol-dire

Come l’aromanticismo può aiutarci a decostruire la nostra concezione imposta dell’amore

News - Francesca Di Feo 20.2.24
transgender allattamento seno

Le mamme transgender e i genitori AMAB possono allattare: lo dice la scienza

Corpi - Francesca Di Feo 22.2.24
thailandia-matrimonio-egualitario

La Thailandia verso il matrimonio egualitario: approvazione del disegno di legge entro fine anno

News - Francesca Di Feo 19.2.24
adolescente-non-binari-aggressione-oklaoma (1)

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24
Eurovision 2024, il cantante queer Silvester Belt rappresenterà la Lituania - Silvester Belt - Gay.it

Eurovision 2024, il cantante queer Silvester Belt rappresenterà la Lituania

Culture - Redazione 21.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

I film LGBTQIA+ della settimana 4/10 dicembre tra tv generalista e streaming - I film LGBTQIA della settimana 411 dicembre tra tv generalista e streaming - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 4/10 dicembre tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 4.12.23
OFFICIAL CROP_SHOT 5

Perché non smettiamo di pensare a Paul Mescal

Cinema - Redazione Milano 20.10.23
Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024 - Teddy Award 2024 film - Gay.it

Berlino 2024, tutti i film queer in corsa per il Teddy Award 2024

Cinema - Federico Boni 22.2.24
Lily Gladstone in Killers of the Flower Moon (2023)

Lily Gladstone vuole decolonizzare il suo genere

Cinema - Redazione Milano 2.1.24
Alvise Rigo attore in Nuovo Olimpo di Ferzan Ozpetek: “È stato un viaggio, è stata una vita, è stato bellissimo!” - alvise rigo - Gay.it

Alvise Rigo attore in Nuovo Olimpo di Ferzan Ozpetek: “È stato un viaggio, è stata una vita, è stato bellissimo!”

Cinema - Federico Boni 3.10.23
I film LGBTQIA+ della settimana 18/24 settembre tra tv generalista e streaming - film lgbt settembre - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 18/24 settembre tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 18.9.23
Christian Dior, il biopic sullo stilista racconterà anche la sua storia d'amore con Jacques Benita - Christian dior 4 - Gay.it

Christian Dior, il biopic sullo stilista racconterà anche la sua storia d’amore con Jacques Benita

Cinema - Redazione 5.9.23
Aristotle e Dante scoprono i segreti dell’universo, la critica acclama la rom-com queer di fine estate - Aristotle and Dante Discover the Secrets of the Universe - Gay.it

Aristotle e Dante scoprono i segreti dell’universo, la critica acclama la rom-com queer di fine estate

Cinema - Redazione 18.9.23