Addio James Bidgood: il padre di Pink Narcissus se n’è andato solo e in povertà

Un artista visionario, quando una certa estetica omoerotica gay era considerata un'oscenità.

James Bidgood Gay.it
Il film più famoso e importante di James Bidgood: Pink Narcissus
4 min. di lettura

I grandi artisti che hanno dato un forte contributo all’arte queer, soprattutto in quegli anni in cui era ancora considerata un’oscenità, spesso vengono dimenticati o non celebrati nel giusto modo. È il caso di James Bidgood, fotografo e regista di erotismo gay, che ha passato gli ultimi anni della sua vita da solo e in povertà e ci ha lasciati lo scorso 31 gennaio.

Originario del Wisconsin, Bidgood si è avvicinato alla comunità LGBTQ+ all’età di 17 anni, quando ha iniziato a lavorare come drag queen nel Club 82 di New York. Dopo aver frequentato la scuola di fotografia, si è avvicinato ai magazines che ritraevano uomini dai corpi scolpiti, bodybuilder e muscolosi. Ma la sua sensibilità andava ben oltre: «Playboy aveva ragazze in pellicce, piume e luci. Avevano facce come bellissimi angeli. Non capivo perché le immagini dei ragazzi non erano così».

James Bidgood Gay.it
James Bidgood – Madison, 28 marzo 1933 – 31 gennaio 2022

Non c’era motivo per cui le fotografie e i ritratti a sfondo omoertoico degli uomini non potessero essere ugualmente creative ed elaborate. Così, in poco tempo elaborò il suo segno distintivo: immagini eteree che affondavano le radici nella fantasia, piene di colori e costumi elaborati. Il set era quasi sempre il suo piccolo appartamento nella zona est della Grande Mela. Appartamento che vide, tra le altre cose, anche le riprese del suo primo e più controverso film.

Uscito nel 1971 – molto prima che il New Queer Cinema arrivasse a cambiare le carte in tavola della rappresentazione gay sul grande schermo -, Pink Narcissus è ancora oggi considerato estremamente importante ed influente da molti artisti. Bidgood ci mise sette anni a girarlo e alla fine dovette anche pubblicarlo in anonimo, o le ripercussioni sarebbero state troppo pesanti. Le immagini o le scene di nudo frontale non solo erano classificate come oscenità, ma in quegli anni erano anche un crimine punito dalla legge.

James Bidgood Gay.it
Pink Narcissus, 1971

Molti furono gli espedienti a cui ricorse affinché la Kodak non le censurasse durante le scansioni. Ricopriva le parti intime con teli di organza o seta, un vedo-non-vedo che è sempre stato alla base dell’erotismo più sensuale: «È molto spesso ciò che non si vede ad accendere di più, perché la mente si riempie negli spazi vuoti con quello che quel particolare spettatore spera di scoprire».

Addio James Bidgood: il padre di Pink Narcissus se n'è andato solo e in povertà - james bidgood queer arte - Gay.it

James Bidgood Gay.it
Seta, organza, tessuti e colori: le fotografie di James Bidgood hanno fatto scuola

Visionario, sognatore e sicuro dei propri ideali, Bidgood ha ispirato intere generazioni di artisti indipendenti, e continua ancora oggi. Molti hanno visto rimandi alle sue fotografie anche nei bellissimi video di Lil Nas X, ma anche David La Chapelle, Charli XCX e Olly Alexander hanno dichiarato di ispirarsi ai suoi lavori. Il suo contributo alla cultura queer è innegabile, anche se non è mai passato sotto i riflettori dei grandi media. E dopo 50 anni, troppo pochi hanno conosciuto la sua eredità.

Anche per questo Kelly McKaig, l’esecutrice del James Bidgood Estate, ha lanciato una campagna su GoFundMe per finanziare i suoi funerali: «Jim, come molti dei nostri grandi artisti gay di quel tempo, era impoverito alla fine della sua vita… Ho bisogno del vostro aiuto per realizzare i suoi ultimi desideri», ha spiegato.

James Bidgood Gay.it
Un artista avanti sui tempi: James Bidgood

Molti artisti della comunità si sono mossi per ricordare questa leggenda che, indubbiamente, si è meritata di essere considerata uno dei più grandi artisti del XX secolo. E la sua arte continuerà ad essere di ispirazione ancora per molto tempo. Di questo, ne siamo sicuri.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

@samsmith

Sam Smith è lə modellə punk che non ti aspettavi

Culture - Redazione Milano 4.3.24
Grande Fratello, Stefano Miele presenta il fidanzato Nicolò Rossi: "Buon primo anniversario" (FOTO) - Grande Fratello Stefano Miele presenta il fidanzato Nicolo Rossi - Gay.it

Grande Fratello, Stefano Miele presenta il fidanzato Nicolò Rossi: “Buon primo anniversario” (FOTO)

Culture - Redazione 5.3.24
Miranda July (Vogue, 2020)

Miranda July, amarsi senza cadere a pezzi – intervista

Culture - Riccardo Conte 4.3.24
Un Altro Ferragosto, recensione. Funereo ritratto di un'Italia accecata dall'odio, che ha perso memoria e speranza - UAF 49 0109 - Gay.it

Un Altro Ferragosto, recensione. Funereo ritratto di un’Italia accecata dall’odio, che ha perso memoria e speranza

Cinema - Federico Boni 4.3.24
milano-transfobia-consiglio-comunale

Milano, transfobia in Consiglio Comunale da parte del consigliere Lega Simone Piscina – LINGUAGGIO FORTE

News - Francesca Di Feo 4.3.24
Laura Pausini, concerto in Brasile con la bandiera Progress Pride sul palco - laura pausini 2 scaled 1 - Gay.it

Laura Pausini, concerto in Brasile con la bandiera Progress Pride sul palco

Musica - Redazione 5.3.24

I nostri contenuti
sono diversi

Arte e queerness: intervista a Elisabetta Roncati - Sessp 10 - Gay.it

Arte e queerness: intervista a Elisabetta Roncati

Culture - Federico Colombo 29.12.23
c'è ancora domani

Per fortuna c’è ancora Paola Cortellesi

Cinema - Riccardo Conte 14.11.23
Andrea Tarella - Gay.it intervista

Le creature fantastiche di Andrea Tarella “Ho galline in giardino, un fagiano, un’iguana, un drago barbuto, e tanti acquari intorno a me”

Culture - Riccardo Conte 20.2.24
L'arte di Mar Coyol nel Messico LGBTQI+ tra oppressione coloniale, razzismo e odio omobitransfobico - intervista - FORMATO COVER 2 - Gay.it

L’arte di Mar Coyol nel Messico LGBTQI+ tra oppressione coloniale, razzismo e odio omobitransfobico – intervista

Culture - Luca Cantarelli 5.9.23
Biennale Arte Venezia 2024 - Foreign Everywhere by Adriano Pedrosa

Siamo ovunque: cosa aspettarci dalla Biennale queer e decolonizzata di Adriano Pedrosa

Culture - Redazione Milano 2.2.24
Max Peiffer Watenphul. Dal Bauhaus all'Italia

Max Peiffer Watenphul e la scena queer mai più dimenticata della scuola Bauhaus

Culture - Redazione Milano 30.11.23
Transatlantic bridges: Corrado Cagli, 1938-1948

Corrado Cagli, l’artista queer che voltò le spalle al regime fascista, in mostra a New York – GALLERY

Culture - Redazione Milano 9.11.23
michael-stipe-binarismo-di-genere

Michael Stipe sul binarismo di genere: “Nel ventunesimo secolo stiamo riconoscendo le zone grigie”

Musica - Francesca Di Feo 15.12.23