Addio James Bidgood: il padre di Pink Narcissus se n’è andato solo e in povertà

Un artista visionario, quando una certa estetica omoerotica gay era considerata un'oscenità.

James Bidgood Gay.it
Il film più famoso e importante di James Bidgood: Pink Narcissus
4 min. di lettura

I grandi artisti che hanno dato un forte contributo all’arte queer, soprattutto in quegli anni in cui era ancora considerata un’oscenità, spesso vengono dimenticati o non celebrati nel giusto modo. È il caso di James Bidgood, fotografo e regista di erotismo gay, che ha passato gli ultimi anni della sua vita da solo e in povertà e ci ha lasciati lo scorso 31 gennaio.

Originario del Wisconsin, Bidgood si è avvicinato alla comunità LGBTQ+ all’età di 17 anni, quando ha iniziato a lavorare come drag queen nel Club 82 di New York. Dopo aver frequentato la scuola di fotografia, si è avvicinato ai magazines che ritraevano uomini dai corpi scolpiti, bodybuilder e muscolosi. Ma la sua sensibilità andava ben oltre: «Playboy aveva ragazze in pellicce, piume e luci. Avevano facce come bellissimi angeli. Non capivo perché le immagini dei ragazzi non erano così».

James Bidgood Gay.it
James Bidgood – Madison, 28 marzo 1933 – 31 gennaio 2022

Non c’era motivo per cui le fotografie e i ritratti a sfondo omoertoico degli uomini non potessero essere ugualmente creative ed elaborate. Così, in poco tempo elaborò il suo segno distintivo: immagini eteree che affondavano le radici nella fantasia, piene di colori e costumi elaborati. Il set era quasi sempre il suo piccolo appartamento nella zona est della Grande Mela. Appartamento che vide, tra le altre cose, anche le riprese del suo primo e più controverso film.

Uscito nel 1971 – molto prima che il New Queer Cinema arrivasse a cambiare le carte in tavola della rappresentazione gay sul grande schermo -, Pink Narcissus è ancora oggi considerato estremamente importante ed influente da molti artisti. Bidgood ci mise sette anni a girarlo e alla fine dovette anche pubblicarlo in anonimo, o le ripercussioni sarebbero state troppo pesanti. Le immagini o le scene di nudo frontale non solo erano classificate come oscenità, ma in quegli anni erano anche un crimine punito dalla legge.

James Bidgood Gay.it
Pink Narcissus, 1971

Molti furono gli espedienti a cui ricorse affinché la Kodak non le censurasse durante le scansioni. Ricopriva le parti intime con teli di organza o seta, un vedo-non-vedo che è sempre stato alla base dell’erotismo più sensuale: «È molto spesso ciò che non si vede ad accendere di più, perché la mente si riempie negli spazi vuoti con quello che quel particolare spettatore spera di scoprire».

Addio James Bidgood: il padre di Pink Narcissus se n'è andato solo e in povertà - james bidgood queer arte - Gay.it

James Bidgood Gay.it
Seta, organza, tessuti e colori: le fotografie di James Bidgood hanno fatto scuola

Visionario, sognatore e sicuro dei propri ideali, Bidgood ha ispirato intere generazioni di artisti indipendenti, e continua ancora oggi. Molti hanno visto rimandi alle sue fotografie anche nei bellissimi video di Lil Nas X, ma anche David La Chapelle, Charli XCX e Olly Alexander hanno dichiarato di ispirarsi ai suoi lavori. Il suo contributo alla cultura queer è innegabile, anche se non è mai passato sotto i riflettori dei grandi media. E dopo 50 anni, troppo pochi hanno conosciuto la sua eredità.

Anche per questo Kelly McKaig, l’esecutrice del James Bidgood Estate, ha lanciato una campagna su GoFundMe per finanziare i suoi funerali: «Jim, come molti dei nostri grandi artisti gay di quel tempo, era impoverito alla fine della sua vita… Ho bisogno del vostro aiuto per realizzare i suoi ultimi desideri», ha spiegato.

James Bidgood Gay.it
Un artista avanti sui tempi: James Bidgood

Molti artisti della comunità si sono mossi per ricordare questa leggenda che, indubbiamente, si è meritata di essere considerata uno dei più grandi artisti del XX secolo. E la sua arte continuerà ad essere di ispirazione ancora per molto tempo. Di questo, ne siamo sicuri.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Simona Ventura palinsesti Rai

Simona Ventura e la stoccata all’Isola dei famosi, Super Simo si candida?

News - Emanuele Corbo 22.7.24
La convention repubblicana di Milwaukee è diventata il "Super Bowl di Grindr" (VIDEO) - grindr repubblicani - Gay.it

La convention repubblicana di Milwaukee è diventata il “Super Bowl di Grindr” (VIDEO)

News - Federico Boni 19.7.24
Emma, Paola e Chiara e Annalisa contro l'omofobia: "Sta diventando una piaga dilagante, basta!" (VIDEO) - Emma Annalisa Paola e Chiara - Gay.it

Emma, Paola e Chiara e Annalisa contro l’omofobia: “Sta diventando una piaga dilagante, basta!” (VIDEO)

News - Redazione 22.7.24
Jordan Bardella Gay.it Roberto Vannacci

Ai Patrioti piace così, Vannacci è troppo anti-gay,: l’omosessualità e le voci manipolatorie su Bardella gay

News - Mandalina Di Biase 21.7.24
Pestaggio Roma Coppia Gay - La difesa dei 4 presunti aggressori smentisce l'omofobia "Non sapevamo fossero gay"

Pestaggio coppia gay a Roma, gli aggressori “Non abbiamo usato insulti omofobi”

News - Redazione 22.7.24
Giancarlo Commare e il presunto coming out alla domanda del tiktoker: "Quanto sei gay? Sono gay" (VIDEO) - Giancarlo Commare ha fatto coming out - Gay.it

Giancarlo Commare e il presunto coming out alla domanda del tiktoker: “Quanto sei gay? Sono gay” (VIDEO)

Culture - Redazione 22.7.24

Hai già letto
queste storie?

Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
La bellezza liberatoria degli infiniti "Pride", per sempre e ovunque: storia visiva dell'orgoglio LGBTQIA+ - pride libro scripta maneant 3 - Gay.it

La bellezza liberatoria degli infiniti “Pride”, per sempre e ovunque: storia visiva dell’orgoglio LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 8.6.24
whereupon-turmoil-allen-frame

Prima e dopo l’hiv, quegli anni tra fine ’70 e ’90 a New York: “Whereupon”, rivoluzione e tragedia negli scatti di Allen Frame

Culture - Francesca Di Feo 6.6.24
Arrusi Pigneto Luana Rigolli

San Valentino, a Roma spuntano i ritratti degli arrusi, gli omosessuali confinati dal fascismo alle Isole Tremiti

Culture - Redazione Milano 14.2.24
Giorgio Ramondetta nudo

Giorgio Ramondetta nudo per il nuovo calendario di Yummy Magazine: guarda la cover

Corpi - Luca Diana 4.7.24
Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24
Miranda July (Vogue, 2020)

Miranda July, amarsi senza cadere a pezzi – intervista

Culture - Riccardo Conte 4.3.24
Corita Kent Padiglione Vaticano Biennale 2024

Biennale di Venezia, Papa Francesco omaggerà Corita Kent, la suora queer che fuggì con la sua amante

Culture - Mandalina Di Biase 14.3.24