Addio Michela Murgia: le reazioni dei social e della comunità

Da Nichi Vendola a Vladimir Luxuria, il saluto ad una donna che non smetterà di farci pensare.

ascolta:
0:00
-
0:00
Michela Murgia (vanity fair)
Michela Murgia (vanity fair)
3 min. di lettura

Foto: Joseph Cardo (Vanity Fair)

Nella notte di San Lorenzo si è spenta Michela Murgia.

Aveva 51 anni, ed era una delle scrittrici e attiviste transfemministe più importanti del nostro paese. Aveva cominciato a salutarci molto prima, parlando apertamente di quel carcinoma renale che ormai le lasciava pochi mesi, vivendolo davanti a tuttə noi con orgoglio, sagacia, e onestà. Come ha sempre fatto.

Ma sebbene ci avesse avvertito, il colpo è arrivato ancora più forte, per un addio a cui nessunə era davvero pronto.

L’avevi annunciato al mondo che la fine era incombente. A me lo avevi detto passeggiando per Trastevere, in un pomeriggio in cui ci siamo fatti mille confidenze. L’avevi detto che andavi via da questo mondo” scrive in un post Instagram Nichi VendolaEppure è così difficile pensarti immersa nel silenzio, per ora e per sempre, tu che eri una sacerdotessa della parola. Ed è così triste concepire la tua morte, cioè l’assenza del tuo corpo e dei tuoi occhi, la perdita della tua voce, dei tuoi pensieri e delle tue invenzioni: perchè tu hai riempito di bellezza e di intelligenza la tua e la nostra vita“.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Nichi Vendola (@nichi_vendola)

Vendola ricorda la scrittrice come ‘l’annuncio più vitale e allegro’ e ‘una ribelle della rivoluzione queer’ oltre che ‘oppositrice intransigente’ a qualunque forma di fascismo.

Sei stata una ispirazione radicale, per me e per tanti, un esempio di libertà, di autonomia intellettuale, di limpidezza morale. Per me, lo dico col cuore spezzato, sei stata una protezione, una consolazione, un nutrimento. Cara Michela, piango per te che voli via e per noi che restiamo”.

La scrittrice Chiara Valerio la saluta come “la zarina di tutte le Russia. e lo scoglio di scauri”, ricordando che “anche se morta, i legami che ha stretto, intessuto, e disegnato rimangono qui, annodati”.

“Michela Murgia scriveva con qualsiasi cosa, parte, persone, pensieri, ingredienti delle ricette, opere, omissioni e numero del lotto” scrive Valerio “Per Michela Murgia scrivere è stato insomma un modo di vivere, e di questa attitudine danno testimonianza, per tutti coloro che non l’hanno conosciuta, e ancora non la conoscono, i suoi libri e i suoi profili social. Come ha scritto Marina Cvetaeva, in questa stanza ci sarà sempre una sedia vuota di te”.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da chiara valerio (@slaterpins)

Si aggiungono anche voci e associazioni della comunità, per cui Murgia si è sempre battuta apertamente e costantemente dando voce e spazio a chi non ce l’ha. Per moltə è stata il ponte verso nuove consapevolezze, permettendo di maturare riflessioni e messe in discussione a cui non eravamo ancora abituatə.

Murgia ha dato all’opinione pubblica di questo paese, pigra e conservatrice, la possibilità di evolvere, di migliorare, di imparare a leggere la realtà da un punto di vista meno scontato e banale, più complesso e progressista. E lo ha fatto usando le parole in modo sublime” scrive l’attivista LGBTQIA+ Alessia CrociniSiamo orfane. Da oggi questa voce si spegne e non c’è nessuna che ne prenderà il posto con la stessa energia, vitalità, e postura”.

Come scrive Arcigay, avremmo bisogno delle sue parole, eppure proprio adesso non riusciamo a trovarle: “Sei stata sorella, complice, maestra” scrive l’associazione su Instagram, definendola una pioniera che a volte passava a suonarci la sveglia. Concludono: “Il nostro arcobaleno ti accompagni in questo ultimo viaggio e consoli le tantissime persone che ti hanno amato e che oggi ti piangono”.

Antonia Monopoli, attivista e responsabile dello Sportello Trans Ala Milano,  la saluta come una stella che brilla di una luce ancora più immensa di quando era in terra, ringraziandola per tutto: “Guidaci da lassù e ti prego brilla sempre in modo che noi possiamo continuare a guardare la tua luce”.

Il giornalista Simone Alliva ricorda che in Italia non esiste una donna come Michela Murgia, e che “non esiste un modo di spiegarla a chi non l’ha conosciuta”.

Vladimir Luxuria scrive che si erano messaggiate da poco e non poteva prevedere che sarebbe successo tutto così velocemente: “Un grande dolore e un’immensa e troppo precoce perdita” twitta l’attivista “Ci mancherà il tuo pensiero acido e mai banale”.

Monica Cirinnà ci ricorda come fino alla fine, Murgia abbia lottato per “un mondo migliore, fatto di rispetto, amore, comunione, e condivisione”.

Non manca nemmeno il mondo della televisione: da Geppi Cucciari che ricorda l’ultimo sorriso di una donna luminosa, scrivendo: “Lo porterò sempre con me“. A Simona Ventura che saluta “una donna speciale e padrona delle sue idee“, fino a Luciana Littizzetto che dichiara “Non so come faremo a stare senza di te. Ci hai insegnato a vivere e anche a come morire”.

Roberto Saviano la saluta solo con una foto e il titolo del film di Mario Caserini: “Ma l’amor mio non muore“.

L’ultimo saluto a Michela Murgia sarà domani alle 15:30 presso la Basilica di Santa Maria in Montesanto (Chiesa degli Artisti), presso Piazza del Popolo, 18, a Roma.

Leggi anche: Ciao Michela: le lotte, i libri, e le battaglie di una scrittrice libera

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24
Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24
FEUD 2: Capote Vs. The Swans arriva su Disney+. La data d'uscita della serie di Ryan Murphy e Gus Van Sant - Feud Capote vs. The Swans - Gay.it

FEUD 2: Capote Vs. The Swans arriva su Disney+. La data d’uscita della serie di Ryan Murphy e Gus Van Sant

Serie Tv - Redazione 19.4.24
Omosessualità Animali Gay

Animali gay, smettiamola di citare l’omosessualità in natura come sostegno alle nostre battaglie

Culture - Emanuele Bero 18.4.24
Svezia transizione 16 anni transgender

Svolta storica anche in Svezia, l’età per la transizione si abbassa a 16 anni, approvata la legge sull’autodeterminazione

News - Francesca Di Feo 18.4.24
Marco Mengoni insieme a Fra Quintale e Gemitaiz canta "Un fuoco di paglia" di Mace, nell'album MAYA. Nel ritornello, Marco si rivolge ad un amore con una desinenza di genere maschile.

Marco Mengoni, una strofa d’amore a un uomo

Musica - Mandalina Di Biase 19.4.24

Hai già letto
queste storie?

ViiV Gay.it PrEP Camp Roma Novembre 2023

PrEP Camp, è tempo di attivismo in Italia

Corpi - Daniele Calzavara 9.11.23
Omosessuale- Oppressione e Liberazione

Perché leggere oggi “Omosessuale: Oppressione e Liberazione”, un classico della Gay Liberation, intervista a Lorenzo Bernini

Culture - Alessio Ponzio 4.4.24
@spartaco._

Il mondo gamer raccontato da Jessica G. Senesi: tra autoironia e inclusività

News - Riccardo Conte 1.2.24
Copyright @Danimale_sciolto

Cosa significa decriminalizzare il sex work: oltre lo stigma e la violenza istituzionale

Corpi - Redazione Milano 21.12.23
Cecilia Gentili Interview photographed by Oscar DIaz_

Dio e il corpo transgender, il funerale di Cecilia Gentili diventa un momento di orgoglio queer e i cattolici si indignano

Culture - Mandalina Di Biase 27.2.24
FR*CINEMA

A Roma arriva FR*CINEMA, tra film queer e riappropriazione culturale

Cinema - Redazione Milano 28.2.24
foto: il fatto quotidiano

Trans Lives Matter: il movimento trans* si fa sentire ancora più forte

News - Redazione Milano 20.11.23
Veganuary - Di Pazza e la cucina vegetale

Di Pazza: cos’è il Veganuary e l’insostenibile leggerezza del vegetale

Culture - Emanuele Cellini 11.1.24