Addio a Michela Murgia

Ci ha lasciato da voce libera, fino alla fine, circondata dall'amore della propria famiglia queer. Ciao Michela.

ascolta:
0:00
-
0:00
Addio a Michela Murgia - Michela Murgia - Gay.it
2 min. di lettura

Si è spenta all’età di 51 anni Michela Murgia, scrittrice da tempo malata, affetta da un carcinoma renale al quarto stadio. Era stata la stessa Michela a parlarne lo scorso giugno, decidendo di vivere la propria malattia pubblicamente, al fianco della propria famiglia queer.

Tre ciotole. Rituali per un anno di crisi è il suo ultimo libro, edito da Mondadori in primavera. Meno di un mese fa il matrimonio con civile “in articulo mortis” con Lorenzo Terenzi, attore, regista, autore e musicista, conosciuto nel 2017. Un matrimonio tutt’altro che voluto, ma necessario, “per garantirci i diritti a vicenda”. D’altronde, aveva rimarcato Murgia, “il rito che avremmo voluto ancora non esiste. Ma esisterà e vogliamo contribuire a farlo nascere“. Ne era seguita una grande festa queer celebrata nel suo giardino, della sua grande casa appena acquistata, per vivere tutti insieme, amici e figli d’anima, alle porte di Roma. In quelle ultime immagini l’avevamo vista felice, libera, in un tripudio di meravigliosi abiti genderless, firmati dall’amica Maria Grazia Chiuri, direttore creativo di Dior.

Ricevo moltissimi messaggi ogni giorno, tutti affettuosi (gli altri non li vedo, ho sviluppato una felice cecità selettiva) ma non riesco a rispondere a tutt3, perché sono spesso banalmente troppo stanca“, scriveva lo scorso 29 luglio su Instagram, sorridente anche se intubata. “Vado un po’ più spesso in ospedale, a volte all’improvviso perché il corpo sorprende e ieri mi mancava il respiro a causa del troppo liquido negli anfratti dei tessuti. Il livello delle cure del nostro sistema sanitario mi ha però fino a ora consentito di tornare sempre a casa stando meglio. Ecco, la risposta che vorrei dare a chi mi chiede continuamente come sto, che era quella che dava Cesare de Michelis: posso stare meglio, ma non posso più stare “bene”. “Meglio” è comunque preferibile a male, quindi godetene con me“.

Murgia se n’è andata circondata dall’amore, di amici e parenti, dalla vicinanza di chi le voleva bene anche senza mai aver avuto il piacere di conoscerla personalmente, con il sorriso sulle labbra e mille battaglie combattute a favore dei diritti, e un’esistenza piena vissuta fino in fondo, con coraggio e senza rimpianti.   Ciao Michela, semplicemente grazie.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Michela Murgia (@michimurgia)

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Liarmouth, Aubrey Plaza di The White Lotus nel primo film di John Waters dopo 20 anni - Aubrey Plaza - Gay.it

Liarmouth, Aubrey Plaza di The White Lotus nel primo film di John Waters dopo 20 anni

Cinema - Redazione 28.2.24
Alberto De Pisis

Alberto De Pisis, tra carriera, amori e speranze per il futuro: “Mi piacerebbe diventare papà” – intervista

Culture - Luca Diana 28.2.24
FR*CINEMA

A Roma arriva FR*CINEMA, tra film queer e riappropriazione culturale

Cinema - Redazione Milano 28.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il percorso di Federico Massaro dopo l’uscita di Vittorio Menozzi

Culture - Luca Diana 27.2.24
Da sinistra: Douglas Carolo (foto da TikTok), Andrea Bossi (foto SKYtg24) e Michele Caglioni (foto Instagram)

Perché Andrea Bossi sarebbe stato ucciso da Douglas Carolo e Michele Caglioni?

News - Redazione Milano 29.2.24

Hai già letto
queste storie?

Michela Murgia, il queer, la famiglia, le relazioni, le madri, la GPA. Abbiamo letto "Dare la vita" - Sessp 21 - Gay.it

Michela Murgia, il queer, la famiglia, le relazioni, le madri, la GPA. Abbiamo letto “Dare la vita”

Culture - Federico Colombo 16.1.24
Dare la vita: il testamento queer di Michela Murgia - Sessp 18 - Gay.it

Dare la vita: il testamento queer di Michela Murgia

Culture - Federico Colombo 9.1.24
Michela Murgia: Dare la vita - esce il 9 Gennaio 2024

“Dare la vita”, il testamento spirituale di Michela Murgia esce il 9 Gennaio 2024

Culture - Emanuele Bero 24.12.23
A Natale con “queer” vuoi, per Pasqua ci aggiorniamo: consigli per le feste - cover - Gay.it

A Natale con “queer” vuoi, per Pasqua ci aggiorniamo: consigli per le feste

Culture - Emanuele Bero 16.12.23
michela murgia famiglia queer

La famiglia queer di Michela Murgia è realtà per il 46% dei giovani della Gen Z, il 14% di loro si identifica come bisessuale

Corpi - Redazione Milano 29.11.23