Congresso della Famiglia, raccolta fondi per colorare Verona d’Arcobaleno e appello a Sergio Mattarella

Raccolta firme e di donazioni per contrastare attivamente il medievale Congresso della Famiglia di Verona.

A poco più di 10 giorni dal via, continua a far rumore il medievale Congresso Mondiale della Famiglia, che si terrà a Verona dal 29 al 31 marzo. Un evento di puro ‘odio’ che vedrà associazioni battersi contro il divorzio, la contraccezione, l’aborto e i diritti delle famiglie arcobaleno e delle persone LGBT+ in tutto il mondo.

Per l’occasione, come forma di protesta, è nata una raccolta fondi All Out per illuminare la città di Verona con una proiezione gigantesca che ribadisca come sia l’amore a formare una famiglia, e come tutte le famiglie contino. Cliccando qui potrete fare la vostra donazione, con l’obiettivo finale di colorare d’amore la città di Romeo e Giulietta.

Il Congresso mondiale della Famiglia, cosa da non dimenticare, promuove l’idea che solo l’unione di un uomo e una donna in un patto di matrimonio che dura tutta la vita e con tanto di figli costituisca famiglia. Un concetto che esclude ogni famiglia non composta da madre, padre e figli biologici e che può essere usato come base di leggi volte a negare diritti a chiunque si trovi al di fuori di questa visione rigidamente patriarcale ed eteronormativa della società.

Tra i relatori spiccano attivisti a favore delle pena di morte per gli omosessuali e relatori anti-abortisti, con annesso vergognoso patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, della Ragione Veneto e della Provincia di Verona. Ecco perché è nato anche un appello web affinché il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ritiri i patrocini concessi alla manifestazione. Migliaia, ad oggi, i sostenitori. Questo l’appello.

Ill.mo Presidente Mattarella,
Verona ospiterà il prossimo Congresso Mondiale delle Famiglie nei giorni 29-30 e 31 marzo 2019 con il patrocinio del Ministero della Famiglia, della Regione Veneto e della Provincia di Verona.
Il Congresso Mondiale delle famiglie è stato definito “gruppo d’odio” dalle maggiori Associazioni che si battono per i #DirittiUmani. Tra i partecipanti il Vice Premier e Ministro degli Interni Matteo Salvini, il Ministro della Famiglia, Lorenzo Fontana e il Vice-presidente commissione infanzia e adolescenza, Simone Pillon. Fra i relatori del convegno personaggi che si battono per l’introduzione della pena di morte per gli omosessuali e che ritengono le donne lavoratrici la causa della “distruzione della famiglia tradizionale”.
La finalità del #ddlPillon è quella di colpire chi decide di divorziare da ex partner maltrattanti attraverso cavilli giudiziari (il Senatore Pillon è avvocato) e la #ViolenzaEconomica.
Presidente Mattarella per tutti i motivi sopra esposti Le chiediamo di intervenire per ritirare tutti i patrocini concessi.