Forza Nuova attacca ancora: basta ricchioni in Lombardia

L’associazione neofascista torna con gli insulti omofobi e appiccica le scritte “Basta ricchioni” sopra ai manifesti di Sel con il fotomontaggio di un bacio gay tra Formigoni e Maroni.

"Mai più Roberto". "E basta ricchioni". Se il primo auspicio è di Sinistra Ecologia e Libertà, il secondo, con tanto di insulto omofobo, arriva da Forza Nuova. L’organizzazione neofascista che una settimana fa aveva appeso lo striscione nella notte fuori dalla sede dell’Arcigay di Bologna, è tornata questa volta con dei contromanifesti appiccicati sopra quelli di Sel con il fotomontaggio di un bacio tra i due Roberto della politica lombarda: Maroni e Formigoni.

«La nostra azione – ha scritto il movimento di destra in una nota – oltre a schierarsi indistintamente contro tutta la casta politica, rappresenta un chiaro riferimento della difesa dei valori tradizionali e una sicura barricata contro l´orgoglio omosessuale, che oggi troppo spesso viene sbandierato su tutti i canali di informazione non solo da Nichi Vendola ma da tutta la lobby gay».

Chi fra Maroni e Formigoni dovrebbe essere il ricchione, secondo Forza nuova, poco importa; il gesto è stato stigmatizzato dal partito di Vendola. «Il manifesto – sottolineano da Sel – com’è facilmente intuibile da parte di chiunque usi il cervello e non la pancia, denuncia lo stretto connubio in Lombardia tra la mafia gli affari e la politica che da 17 lunghi anni ha governato la Lombardia , Pdl e Lega. Su questo Forza Nuova avrebbe potuto dire la sua, ma l´omofobia è una malattia seria (questa si!) che impedisce al cervello di entrare in funzione. Peccato che l´omofobia, grazie a questi personaggi e alla loro subcultura pericolosa e violenta, ogni giorno fa proseliti e siamo costretti a leggere continuamente cronache di aggressioni, striscioni razzisti, discriminazione e addirittura suicidi per chi, dotato spesso di una grande sensibilità, non sa e non vuole reggere a una vita costantemente sotto tiro».

Storie

Milano Pride 2020: un ALTRO PRIDE nella forma ma non nella sostanza

L’edizione 2020 di Milano Pride sarà contraddistinta da un programma di eventi virtuale che contribuirà attivamente alla ripresa della città con un’attività di fundraising.

di Federico Boni