Italia-Svezia e l’insulto omofobo che diventa caso nazionale

Tam tam mediatico in Svezia contro il difensore Lustig.

Italia-Svezia, che ha sancito l’esclusione del Belpaese dai mondiali di Russia del prossimo anno, è ormai alle spalle: in queste ore, però, un insulto omofobo urlato da un giocatore svedese al termine dell’inno nazionale (e passato un po’ in sordina) sta creando un caso da prima pagina in Svezia.

Mikael Lustig, difensore della Nazionale svedese in forza al Celtic, è finito nell’occhio del ciclone: il motivo? Un pesante insulto rivolto – al termine dell’inno svedese – ai tifosi italiani accorsi a San Siro per l’attesissimo match di lunedì. Lustig ha urlato “Javla fittor ar dom”, un’espressione volgare utilizzata per screditare la virilità di un uomo.