Messina: medico violenta un quindicenne in sala d’attesa

Il ragazzo aveva accompagnato la madre a fare la chemioterapia quando, racconta, è stato avvicinato da uno specializzando che lo ha portato con l’inganno in una stanza. Il medico è ai domiciliari.

L’accusa è di quelle che ti marchiano a vita ed è aggravata, se è possibile, dalle circostanze. Uno specializzando di medicina nucleare della clinica omonima del Policlinico di Messina è stato messo agli arresti domiciliari perché sospettato di avere stuprato un ragazzino di 15 anni che si trovava nella clinica perché accompagnava la madre a fare la chemioterapia.

Lo specializzando, è un giovane di 32 anni la cui identità è stata tenuta nascosta. A quanto pare, i fatti sono venuti a galla dopo il racconto fatto dal quindicenne alla madre malata. Immediatamente è partita la denuncia alla polizia. Il ragazzo ha raccontato di essere stato adescato nella sala d’attesa delle clinica, di essere stato portato in una stanza con la scusa di una fotocopia. Nella stanza, poi, il minorenne sarebbe stato costretto a compiere e subire atti sessuali. Opposta la versione dell’indagato secondo il quale sarebbe stato il ragazzo a fare il primo passo.

LEGGI ANCHE

Storie

Iran, impiccato un omosessuale che ha abusato di due ragazzi:...

Non tutti sono sicuri della colpevolezza dell'uomo. Inoltre, l'accusa avrebbe associato l'omosessualità alla pedofilia.

di Alessandro Bovo | 29 Gennaio 2019

Musica

Levante: “Vi spiego perché mi batto così tanto per il...

"Delle volte ho come l’impressione di vivere in un Paese dove tutti vogliono essere moderni, senza esserlo."

di Alessio Poeta | 21 Novembre 2018

Cultura

Il film su Mario Mieli a rischio: la Lega potrebbe...

Il finanziamento verrà bloccato se si accerterà che la storia è pro-pedofilia.

di Alessandro Bovo | 25 Settembre 2018