Zimbabwe, il nuovo presidente è categorico: ‘l’omosessualità è vietata dalla nostra Costituzione’

Emmerson Mnangagwa sulla linea del predecessore Robert Mugabe. In Zimbabwe l’omosessualità maschile rimarrà vietata per legge.

Emmerson Dambudzo Mnangagwa è stato eletto Presidente dello Zimbabwe il 24 novembre scorso dopo 37 anni di governo Robert Mugabe.

Intervistato dalla CNN a Davos, dove si sta tenendo l’annuale World Economic Forum, Mnangagwa ha affrontato anche il tema dei diritti LGBT, negando qualsiasi possibile apertura.

‘Nella nostra Costituzione l’omosessualità è vietata, ed è mio dovere obbedire alla Costituzione’.

Una porta sbattuta in faccia a chi sperava che dopo la conclamata omofobia del precedente presidente qualcosa potesse cambiare. Mugabe aveva più volto definito gli omosessuali come ‘essere schifosi’, affermando che ‘mai, mai e poi mai’ avrebbe decriminalizzato le relazioni omosex. L’attività sessuale omosessuale maschile è illegale nel Paese dal lontano 1891.

Edwin Sesange, difensore dei diritti LGBTI africani, ha così replicato alle parole di Mnangagwa: “È tempo che il presidente dimostri allo Zimbabwe e al mondo intero che è diverso dal dispotico Mugabe, promettendo di proteggere tutte le persone indipendentemente dalla loro sessualità e genere. Le leggi che vietano le relazioni omosessuali sono i postumi di una sbornia coloniale che andrebbero abolite dai Paesi indipendenti. Il presidente Mnangwa dovrebbe difendere il diritto alla non discriminazione, come previsto nella costituzione dello Zimbabwe“. I gay del Paese rischiano fino ad un anno di carcere.

Ti suggeriamo anche  Il ballerino omofobo Polunin atteso a Verona: associazioni LGBT in rivolta