Zimbabwe, il nuovo presidente è categorico: ‘l’omosessualità è vietata dalla nostra Costituzione’

Emmerson Mnangagwa sulla linea del predecessore Robert Mugabe. In Zimbabwe l’omosessualità maschile rimarrà vietata per legge.

Emmerson Dambudzo Mnangagwa è stato eletto Presidente dello Zimbabwe il 24 novembre scorso dopo 37 anni di governo Robert Mugabe.

Intervistato dalla CNN a Davos, dove si sta tenendo l’annuale World Economic Forum, Mnangagwa ha affrontato anche il tema dei diritti LGBT, negando qualsiasi possibile apertura.

‘Nella nostra Costituzione l’omosessualità è vietata, ed è mio dovere obbedire alla Costituzione’.

Una porta sbattuta in faccia a chi sperava che dopo la conclamata omofobia del precedente presidente qualcosa potesse cambiare. Mugabe aveva più volto definito gli omosessuali come ‘essere schifosi’, affermando che ‘mai, mai e poi mai’ avrebbe decriminalizzato le relazioni omosex. L’attività sessuale omosessuale maschile è illegale nel Paese dal lontano 1891.

Edwin Sesange, difensore dei diritti LGBTI africani, ha così replicato alle parole di Mnangagwa: “È tempo che il presidente dimostri allo Zimbabwe e al mondo intero che è diverso dal dispotico Mugabe, promettendo di proteggere tutte le persone indipendentemente dalla loro sessualità e genere. Le leggi che vietano le relazioni omosessuali sono i postumi di una sbornia coloniale che andrebbero abolite dai Paesi indipendenti. Il presidente Mnangwa dovrebbe difendere il diritto alla non discriminazione, come previsto nella costituzione dello Zimbabwe“. I gay del Paese rischiano fino ad un anno di carcere.

Storie

16enne gay si suicida, vittima di bullismo omofobico

Un incessante bullismo, che alla fine lo ha portato al suicidio.

di Alessandro Bovo