Bari diventa una delle fast-track cities nella lotta all’HIV: ecco cos’è la Convenzione di Parigi 2014

La rete globale delle fast-track cities ha un duplice obiettivo: debellare l'HIV e nel frattempo combattere lo stigma.

ascolta:
0:00
-
0:00
bari-fast-track-cities-hiv
3 min. di lettura

Bari diventa una delle 400 “fast-track cities” a livello mondiale per la lotta all’HIV e ad altre malattie trasmissibili firmando la Convenzione di Parigi del 2014. L’obiettivo? Quello di debellare – o comunque contenere più consistentemente – le malattie attraverso iniziative concrete che sfruttino la sinergia tra istituzioni, sistema sanitario ed enti del terzo settore.

È stato il presidente del consiglio comunale di Bari, Michelangelo Cavone, a sottoscrivere l’impegno durante la presentazione di “Open Test Bari 2022”, un programma specifico volto all’ideazione d’iniziative e campagne per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle malattie sessualmente trasmissibili e la loro prevenzione.

L’infezione da Hiv – ha ricordato il direttore della clinica Malattie Infettive del Policlinico Annalisa Saracino – colpisce soprattutto i giovani che, ignari, si espongono a fattori di rischio, come un rapporto sessuale non protetto. Oggi, grazie a terapie efficaci che impediscono la trasmissione da persona a persona, possiamo assicurare ai pazienti un’ottima qualità di vita. Educare i giovani e prevenire la trasmissione delle malattie è per noi un duplice mandato, sia da medici che da docenti universitari“.

Le fast-track cities per la lotta all’HIV

Il programma “fast-track cities” è stato lanciato nel 2014 in occasione della Giornata Mondiale dell’AIDS: si tratta di una rete globale di città e comuni impegnate a raggiungere l’obiettivo per lo sviluppo sostenibile numero 3.3, ovvero quello di debellare le malattie da HIV e tubercolosi, insieme allo stigma correlato alle malattie sessualmente trasmissibili.

Nella partnership del progetto “fast-track cities” sono coinvolti partner di grande rilievo, tra cui IAPAC (International Association of Providers of AIDS Care), il Joint United Nations PRogramme on HIV/AIDS e Un-Habitat.

I sindaci e altri funzionari comunali/cittadini designano le loro città firmando la Paris Declaration on Fast-Track Cities Ending the HIV Epidemic, che delinea una serie d’impegni per raggiungere gli obiettivi dell’iniziativa.

Inizialmente incentrata sul raggiungimento degli obiettivi UNAIDS HIV 90-90-90, la Dichiarazione di Parigi è stata aggiornata per puntare al raggiungimento di questi obiettivi programmatici come punto di partenza su una traiettoria verso l’azzeramento di nuove infezioni da HIV e zero decessi correlati all’AIDS.

In linea con la nuova strategia globale delle Nazioni Unite contro l’AIDS (2021-2026), le città Fast-Track sono ora impegnate a raggiungere una serie di obiettivi più ambiziosi (95-95-95) con l’aggiunta di un quarto obiettivo 95 del 95% di individui a rischio che utilizzano la prevenzione combinata dell’HIV.

Un’aggiunta a questi obiettivi è un appello a zero stigma e discriminazione.

La Dichiarazione di Parigi aggiornata dà inoltre la priorità al raggiungimento degli obiettivi TB 90-(90)-90 e all’eliminazione di HBV e HCV.

Fondata sul principio della trasparenza dei dati, l’iniziativa include un portale Web globale Fast-Track Cities che ospita dashboard specifiche di Fast-Track City attraverso i quali città e comuni riferiscono sui loro progressi rispetto agli obiettivi programmatici.

Le dashboard attualmente visualizzano solo i dati target dell’HIV, sebbene sia in corso la pianificazione per includere i dati target della tubercolosi e dell’epatite virale.

Il focus sulla comunità LGBTQIA+

IAPAC, prima promotrice del progetto Fast-track cities, ha inoltre condotto uno studio volto ad approfondire la qualità dei servizi offerti alla comunità LGBTQIA+ in ambito sanitario, e come questo aspetto impatti il benessere e la qualità della vita degli individui coinvolti.

Lo studio ha evidenziato che la strada verso la parità di trattamento per le minoranze sessuali è ancora lunga e impervia:

  • In media, la qualità della vita delle persone appartenenti alla comunità LGBTQIA+ è stata valutata a 3,2 su un punteggio da 1 a 5 scala in 50 città, a metà strada tra “scarso” ed “eccellente”.
  • Per quanto riguarda la presenza di servizi sanitari inclusivi verso la comunità LGBTQIA+, il punteggio generale è mediocre, con i programmi di assistenza psicologica e di affermazione di genere che presentano i punteggi più
  • In tutte le regioni, le città africane registrano la peggiore qualità di vita, con una media di 2,7, seguito dagli Stati Uniti con 3,2, Europa (3,3), e Asia, 3.6.
  • Tutte le città e i comuni presentano potenziali aree di miglioramento: nessuna città o comune ha ottenuto un punteggio “eccellente” in materia di assistenza sanitaria per la comunità LGBTQIA+

Lo studio chiude però con una nota positiva, evidenziando che i servizi sanitari in ambito HIV presentano punteggi sopra la media in quasi tutte le 50 città analizzate, sia dal punto di vista psicologico che sanitario.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l'omofobia - Dennis Gonzalez - Gay.it

Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l’omofobia

Corpi - Redazione 13.6.24
I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming - ilm queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 10/16 giugno tra tv generalista e streaming

Corpi - Federico Boni 10.6.24
Tiziano Ferro ospite di Voci Parallele

Giuni Russo “Voci Parallele”: Tiziano Ferro, Irene Grandi e tutti gli ospiti del concerto in ricordo di un’artista immensa

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24
L'Amante dell'Astronauta, l'amore queer "spudoratamente felice" che abbatte limiti ed etichette - Lamante dellastronauta 05 - Gay.it

L’Amante dell’Astronauta, l’amore queer “spudoratamente felice” che abbatte limiti ed etichette

Cinema - Federico Boni 14.6.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Maluma, Leto, Scilla, Ghali, Mendes e tanti altri - specchio specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Maluma, Leto, Scilla, Ghali, Mendes e tanti altri

Corpi - Redazione 14.6.24

Continua a leggere

chat gay grindr

Grindr sotto accusa: avrebbe condiviso con terze parti lo status HIV di migliaia di utenti

News - Francesca Di Feo 22.4.24
Hiv Salute Mentale e Supporto Psicologico

Autostigma e salute mentale per le persone HIV+: l’importanza dell’aspetto psicologico

Corpi - Daniele Calzavara 2.5.24
bari pride 2024, sabato 29 giugno

Bari Pride 2024: sabato 29 giugno

News - Redazione 9.5.24
Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: "Solo l'amore conta" - Bari il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme - Gay.it

Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: “Solo l’amore conta”

News - Redazione 24.5.24
David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
locali gay a bari 2024

Guida queer di Bari e provincia: serate e locali friendly, festival LGBTIQ+, saune e luoghi di cruising

News - Gio Arcuri 19.2.24
Hiv sentenza Bari su U uguale U Gay.it

U = U, sentenza storica, assolto un uomo accusato di aver trasmesso l’Hiv: se non è rilevabile non si può trasmettere

Corpi - Daniele Calzavara 28.2.24
Ho l’HIV. Come prendermi cura di me stessə? - cover - Gay.it

Ho l’HIV. Come prendermi cura di me stessə?

Corpi - Gay.it 6.5.24