Video

Billy Porter: “Così ‘Pose’ mi ha aiutato a superare lo stigma Hiv”

"La vita imita l'arte". Come la serie TV Pose ha aiutato uno dei suoi protagonisti a superare il proprio stigma interiorizzato.

ascolta:
0:00
-
0:00
2 min. di lettura

Billy Porter, attore e cantante americano, è noto anche per il suo ruolo nella serie televisiva “Pose”, in cui interpreta Pray Tell, un maestro di cerimonie che lavora nei ballroom della scena LGBT degli anni ’80 a New York.

Pray Tell è un uomo gay e sieropositivo, una rappresentazione importante per una comunità spesso esclusa dal mondo dello spettacolo. E, per Porter, questo personaggio ha rappresentato un vero e proprio veicolo per superare, una volta per tutte, il proprio stigma interiorizzato.

“La vita imita l’arte”

In un recente episodio di “Authentic Voices Of Pride”, sul canale YouTube di LGBTQ Nation, Porter ha parlato apertamente della sua esperienza con l’HIV e di come “Pose” gli abbia permesso di superare lo stigma associato alla malattia.

La vita imita l’arte. Non avrei mai pensato di vivere abbastanza a lungo per vedere la nascita di una serie come Pose, né tantomeno di farne parte. Il ruolo che ho interpretato mi ha dato la possibilità di parlarne, di diffondere un messaggio. Parlare di Pose mi emoziona, non so dove sarei oggi se quella serie non fosse mai stata realizzata”.

Grazie alla sua interpretazione, Porter ha vinto numerosi premi, tra cui un Emmy Award come miglior attore protagonista in una serie drammatica nel 2019. Il suo lavoro nella serie è stato anche un importante contributo alla visibilità e alla rappresentazione delle persone LGBT e di colore in televisione.

Lo stigma peggiore è quello verso sé stessi

Mi hanno diagnosticato l’HIV nel 2007, e me ne vergognavo molto. Ai tempi, facevo parte di quella generazione che ‘avrebbe dovuto saperne di più’. Parlarne ad alta voce era spaventoso. Poi, è nata Pose, e qui Pray Tell è sieropositivo. Come me

Durante l’intervista, Porter ha espresso la sua profonda gratitudine per il ruolo che l’arte può svolgere nella sensibilizzazione e nella lotta contro lo stigma dell’HIV, dando voce e visibilità alla comunità LGBTQIA+ e affrontando con coraggio temi delicati  come questo.

“L’arte guarisce l’anima.” 

Porter ha anche riconosciuto i notevoli progressi fatti nella valutazione, nel trattamento e nella prevenzione dell’HIV, come la disponibilità di PrEP per prevenire l’HIV e la terapia antiretrovirale che permette alle persone di diventare indetectable, e quindi non trasmettere il virus.

Tuttavia, ha evidenziato che c’è ancora molto lavoro da fare per garantire che tutte le persone che ne hanno bisogno possano accedere a questi servizi, soprattutto coloro che vivono in condizioni di svantaggio.

Potevo ricevere assistenza sanitaria solo a intermittenza: per i primi 10 anni, ero in trattamento, poi non più. Ho sempre avuto l’impressione di dovermi scapicollare per trovare un lavoro che mi permettesse di ricevere cure salvavita. Nella nostra comunità, per persone afroamericane, ispaniche, latine, indiane, native e appartenenti ad altre minoranze affrontano ancora più sfide rispetto alla comunità bianca. L’oppressione sistemica e il razzismo prendono molte, subdole forme”.

Porter ha sottolineato l’importanza della sensibilizzazione e dell’educazione per la prevenzione dell’HIV, per combattere lo stigma e garantire che tutte le persone possano accedere alle cure necessarie.

Io rappresento una tipica persona con l’HIV nel 2023. La speranza è che chi mi segue e mi ascolta possa sentirsi validati e parte di una comunità, ma soprattutto, avere speranza. Ho sempre pensato che la mia queerness potesse in qualche modo mettermi i bastoni tra le ruote. Oggi, la mia queerness è il mio superpotere”.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The Tv Glow: guarda il trailer dell’attesissimo film horror trans* – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 29.2.24
Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard - Xavier Dolan - Gay.it

Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard

News - Federico Boni 1.3.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24

Continua a leggere

prepcamp viiv healthcare

PrEP oltre gli stereotipi, ecco “come mi ha migliorato la vita”: le storie vere di Claudia, Marcello, Carlotta e Lorenzo – VIDEO

Corpi - Daniele Calzavara 20.11.23
Hiv sentenza Bari su U uguale U Gay.it

U = U, sentenza storica, assolto un uomo accusato di aver trasmesso l’Hiv: se non è rilevabile non si può trasmettere

Corpi - Daniele Calzavara 28.2.24
milano checkpoint

5 anni di Milano Check Point, tra prevenzione e sensibilizzazione

Corpi - Redazione Milano 13.10.23
hiv aids 1 dicembre perché

Perché la giornata mondiale contro hiv/aids è il 1° Dicembre?

Corpi - Redazione Milano 29.11.23
libri hiv stigma Rebecca Makka Hervé Guibért Giulia Scomazzon Elena Di Cioccio

Oltre lo stigma Hiv: libri, narrazioni e discorsi

Culture - Federico Colombo 30.11.23
hiv aids stigma momenti storici lady diana fernando aiuti elthon john madonna liz taylor angela lansbury

Gli indimenticabili momenti storici contro lo stigma dell’hiv

Corpi - Federico Boni 29.11.23
"Hiv, ne parliamo?", al via la campagna ispirata a storie vere - HIV. Ne Parliamo - Gay.it

“Hiv, ne parliamo?”, al via la campagna ispirata a storie vere

Corpi - Daniele Calzavara 28.11.23
1° dicembre 2023, le 10 associazioni della campagna U=U lanciano l’allarme: “Troppe diagnosi tardive, non disperdiamo i progressi della scienza” - stigmahiv - Gay.it

1° dicembre 2023, le 10 associazioni della campagna U=U lanciano l’allarme: “Troppe diagnosi tardive, non disperdiamo i progressi della scienza”

Corpi - Daniele Calzavara 30.11.23