Cannes, l’omaggio a Orson Welles: amori gay e frustrazioni di un genio

Nel doc di Elisabeth Kapnist l’amore del produttore John Houseman per il sublime regista

Cannes, l'omaggio a Orson Welles: amori gay e frustrazioni di un genio - cannes 2015 Il racconto dei racconti BS 1 - Gay.it
5 min. di lettura
Cannes, l'omaggio a Orson Welles: amori gay e frustrazioni di un genio - Elisabeth Kapnist - Gay.it

Nel centenario della nascita del geniale Orson Welles – 6 maggio 1915 – il Festival di Cannes gli dedica un corposo omaggio che comprende la proiezione di alcuni titoli ormai ammantati da un’aura di leggenda quali il capolavoro supremo Quarto Potere e La signora di Shanghai nella nuova versione restaurata in 4K da Sony Pictures che tornerà nelle sale francesi il 17 giugno.
La documentarista americana Elisabeth Kapnist è salita sul palco della sala Buñuel per presentare il suo nuovo lavoro Orson Welles, Shadows & Light coprodotto dal canale televisivo ARTE France che lo trasmetterà prossimamente col titolo Orson Welles, autopsie d’une légende (Orson Welles, autopsia di una leggenda). Della monumentale figura del regista/attore statunitense, si evidenziano gli aspetti meno noti e più ombrosi quali la sua frustrazione per i molti progetti incompiuti tra cui il travagliato The Other Side of the Wind di cui montò 45 minuti (rivela anche che il suo preferito è Falstaff). Si cerca anche di far luce sul complesso rapporto con la madre pianista Beatrice, persa a soli nove anni, che comprese la precocità del genio di Orson costringendolo a estenuanti, infinite lezioni piegato sulla tastiera, a cui lui avrebbe preferito ‘buttarsi dalla finestra’.

Cannes, l'omaggio a Orson Welles: amori gay e frustrazioni di un genio - Orson Welles Shadows Light - Gay.it

Lo studioso David Thomson, autore della biografia Rosebud, riporta il profondo innamoramento del produttore John Houseman (1902-1988) per il suo amico di sempre Orson Welles, col quale fondò nel 1937 la compagnia teatrale del Mercury Theatre e fu fondamentale per la sua carriera. Thomson sostiene anche una sorta di omoaffettività latente di Welles riscontrabile secondo lui in vari personaggi maschili torturati e sessualmente ambigui della sua cinematografia (ma non approfondisce la questione). Proprio la paura di scoprire questo lato della sua personalità lo allontanò definitivamente da Houseman le cui attenzioni erano diventate per lui troppo opprimenti. Per questo motivo, secondo Thomson, Welles si gettò fra le braccia di Rita Hayworth che avrebbe poi sposato nel 1943 (in terze nozze, dieci anni dopo, avrebbe portato all’altare un’italiana, Paola Mori).

Stamattina è stato presentato in competizione il bislacco The Lobster (L’Aragosta) del regista greco Yorgos Lanthimos, curiosa satira sociale allegorica ambientata in un futuro distopico dove chi resta solo viene alloggiato in un hotel panoramico e ha 45 giorni per trovare un partner sennò subisce una trasformazione in un animale a scelta all’interno di una stanza apposita. Se qualcuno prova a masturbarsi, ecco pronto un tostapane che gli cuoce la mano. Al dimesso David (Colin Farrell, vistosamente ingrassato, con baffi e occhiali) vengono chieste le preferenze sessuali al momento dell’ingresso nell’albergo: “Ho avuto un’esperienza omosessuale ai tempi dell’Università. Può mettere bisessuale?” “No, da un anno non si può più…”.

Cannes, l'omaggio a Orson Welles: amori gay e frustrazioni di un genio - The Lobster - Gay.it

Nell’eventualità, esprime il desiderio di essere trasformato in aragosta “perché vive cent’anni, ha il sangue blu come gli aristocratici e resta fecondo per tutta la vita”. Dopo un tentativo di accoppiamento andato a male, fugge tra i boschi dove si unisce ai Solitari capeggiati da una femmina misteriosa (Léa Seydoux). Quando s’innamora di una donna miope come lui (Rachel Weisz), finisce per subire la stessa discriminazione dell’hotel ma al contrario.
Cineccentricità surreale più simpatica che riuscita, è una bagattella originale più a livello concettuale che visivo sull’emarginazione dei single nella società contemporanea. Girato nella contea di Kerry, nel sud-ovest dell’Irlanda, con un’estetica ‘raffreddata’ impreziosita da alcuni ralenti ipnotici, potrebbe intrigare la giuria per la sua sceneggiatura bizzarra.

Per ora il titolo migliore è Saul Fia (Il figlio di Saul) dell’ungherese László Nemes, la cui idea di regia è fortissima: serrare l’inquadratura per quasi tutto il film sul volto del protagonista, un membro del Sonderkommando, gruppo di prigionieri ebrei obbligati ad assistere i nazisti nei forni crematori dei campi di concentramento durante la Seconda Guerra Mondiale, con una grossa croce rossastra sulla schiena per essere più facilmente individuabili come obiettivo in caso di fuga. Questa scelta registica ha l’effetto funzionale di trasmettere al pubblico ciò che prova ed esprime il protagonista in ogni istante, immergendolo nell’orrore senza filtri dello sterminio nazista, fra cumuli di cadaveri trascinati per terra e fucilazioni sommarie, con un effetto realista impressionante.

Cannes, l'omaggio a Orson Welles: amori gay e frustrazioni di un genio - cannes 2015 Il racconto dei racconti - Gay.it

Il terzetto italiano è partito col buon fantasy di gusto pittorico Il racconto dei racconti di Matteo Garrone che però è stato accolto da un tiepido applauso alla proiezione stampa mattutina. Di fattura eccellente (12 milioni di euro, e si vedono), un po’ prigioniero degli stilemi del genere, a tratti visionario, evita le facilonerie naif del fiabesco alla Fantaghirò preferendo un prebarocco goticheggiante (il napoletano Giambattista Basile da cui è tratto visse a cavallo tra ‘500 e ‘600) per continuare la riflessione tipicamente garroniana sulla deformazione del corpo come specchio dei travagli dell’anima – L’Imbalsamatore e Primo Amore – dando vita a un bestiario quanto mai umanizzato, selvaggiamente spassoso (la pulce che cresce a vista d’occhio, l’orco cavernicolo che pare uno Schwarzenegger d’antan). Cast da leccarsi i baffi, con in testa la regina triste Salma Hayek e la sorella della scorticata, magicamente ringiovanita, a cui dà il pallido incarnato l’incantevole Stacy Martin, già Nymphomaniac per Lars Von Trier. C’è anche un accenno saffico nel terzetto in carrozza fra due donne e il sovrano erotomane interpretato da Vincent Cassel.

Fuori concorso abbiamo apprezzato il gradevole Irrational Man, ritorno in forma più che discreta di Woody Allen, presente a sorpresa sulla Croisette (rare sono le sue apparizioni ai festival internazionali), dopo l’inconsistente Magic in the Moonlight. Commedia malinconicamente gialla con echi di Match Point ma meno cinismo, Irrational Man racconta di un professore di filosofia depresso e impotente (Joaquin Phoenix, vistosamente imbolsito) che ritrova la gioia di vivere dopo aver commesso un delitto ‘perfetto’ ai danni di un giudice, convinto di fare del bene a una sconosciuta. Fra critica della ragion pura e fenomenologia husserliana, Allen ribadisce la dominanza del caso nella vita umana, l’inutilità di speculazioni intellettuali davanti alla brutalità quotidiana, il potere illusorio dell’amore. E lo fa con la consueta, scorrevole leggerezza e grazia di scrittura ma con un po’ più di speranza nei confronti del trionfo del bene e del giusto (sebbene anch’esso aleatorio, si direbbe nel bel finale). Emma Stone è un fiorellino di campo adorabile, Parker Posey viene finalmente valorizzata nel ruolo di una professoressa di chimica annoiata del proprio matrimonio e invaghita del filosofo nichilista.
Del coming out di Cate Blanchett che ha dichiarato al giornalista Ramin Setoodeh di Variety di “avere amato molte donne” parleremo più approfonditamente lunedì poiché sabato verrà presentato l’attesissimo Carol di Todd Haynes in anteprima mondiale.

di Roberto Schinardi – da Cannes

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

spiagge gay italiane spiagge queer lgbtqia

Speciale Spiagge 2024: 100 spiagge gay in Italia da non perdere

Viaggi - Redazione 1.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
Roberto Bolle in vacanza con l'amato Daniel Lee e la sua famiglia - Roberto Bolle in vacanza con Daniel Lee e la sua famiglia - Gay.it

Roberto Bolle in vacanza con l’amato Daniel Lee e la sua famiglia

Culture - Redazione 11.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
Arcobaleno Busca B&B discriminazione omofobia

“Non accettiamo omosessuali”: Cuneo, coppia gay rifiutata in un B&B, abbiamo telefonato, ecco cosa ci hanno detto

News - Giuliano Federico 10.7.24
Mahmood Ra Ta Ta

Mahmood vola a Orosei e balla con i cugini il nuovo singolo “Ra Ta Ta” – video

Musica - Luca Diana 15.7.24

Hai già letto
queste storie?

Will & Harper, il doc on the road con Will Ferrell che racconta la transizione della sua amica Harper Steele - Will ill e Harper - Gay.it

Will & Harper, il doc on the road con Will Ferrell che racconta la transizione della sua amica Harper Steele

Cinema - Redazione 22.1.24
David di Donatello 2024, Milena Vukotic Premio alla Carriera - Milena Vukotic Credits ph. Fiorenzo Niccoli - Gay.it

David di Donatello 2024, Milena Vukotic Premio alla Carriera

Cinema - Redazione 10.4.24
We Are the World, l'imperdibile doc Netflix che racconta la notte che ha cambiato il pop - The Greatest Night in Pop A2021 2 4 462 1a 001 - Gay.it

We Are the World, l’imperdibile doc Netflix che racconta la notte che ha cambiato il pop

Cinema - Federico Boni 1.2.24
Cuckoo (2024)

Hunter Schafer è la perfetta scream queen nell’horror Cuckoo – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 9.2.24
Hari Nef sarà la leggendaria icona trans Candy Darling nel biopic prodotto da John Cameron Mitchell - Hari Nef Candy Darling - Gay.it

Hari Nef sarà la leggendaria icona trans Candy Darling nel biopic prodotto da John Cameron Mitchell

Cinema - Federico Boni 27.3.24
"Orgoglio e pregiudizio", a Roma una rassegna dedicata al cinema queer storico e contemporaneo - OrgoglioePregiudizio 1920x1080 - Gay.it

“Orgoglio e pregiudizio”, a Roma una rassegna dedicata al cinema queer storico e contemporaneo

Cinema - Redazione 22.2.24
Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel - Rosso bianco e sangue blu - Gay.it

Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel

Cinema - Redazione 26.2.24
10 attori e attrici trans ad hollywood

10 star della comunità trans* che stanno rivoluzionando Hollywood

Cinema - Gio Arcuri 23.5.24